Perché giovedì 20 giugno è il giorno più bello dell’anno in Galizia?

Perché giovedì 20 giugno è il giorno più bello dell’anno in Galizia?
Perché giovedì 20 giugno è il giorno più bello dell’anno in Galizia?

I cieli sono diventati nuvolosi e La pioggia ha fatto di nuovo la sua comparsa questo giovedì in Galizia. Ma, nonostante ciò, oggi è il Giornata Giallaconosciuto anche come il giorno più felice dell’anno, che questo 2024 coincide con il inizio della stagione estiva nell’emisfero settentrionale del pianeta.

Questo giorno non è stato scelto a caso e ci sono una serie di fattori per cui il 20 giugno potrebbe essere considerato il giorno più felice dell’anno, come ad esempio l’arrivo delle vacanze e le temperature piacevoli, anche se la verità è che oggi le temperature massime non raggiungeranno i 20 gradi in alcuni punti, come A Coruña.

Il sole è una buona medicina

L’aumento delle ore diurne e la paga extra estiva Questi sono altri motivi per cui il 20 giugno potrebbe essere il giorno più felice dell’anno. “La mancanza di luce solare influisce sul nostro corpo in modo significativo e non esattamente vantaggioso. Il sole è quindi una buona medicina”, sottolinea Mario Picazo, meteorologo di ElTiempo.es.

Anche se oggi il sole non splenderà in tutto il suo splendore in GaliziaSì, lo farà molto presto e l’Agenzia meteorologica statale (Aemet) sottolinea che il mese di giugno sarà più caldo del normale e si raggiungeranno temperature superiori alla media.

Giornata Gialla significa letteralmente “giorno giallo” e secondo la psicologia dei colori, giallo simboleggia l’ottimismo, il divertimento, l’illuminazione e la creatività.

Proprio come si festeggia il giorno più bello dell’anno, anche il calendario fissa una data per quello giorno più triste dell’anno (o Blue Monday), che si svolge ogni terzo lunedì di gennaio. Le emozioni sono soggettive e molto personali, ma secondo una formula matematica, È il giorno in cui accumuliamo più tristezza.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Copa América: gli Stati Uniti lasciano dubbi e debiti per il Mondiale