Perché il 20 giugno è considerato il giorno più felice del mondo?

Perché il 20 giugno è considerato il giorno più felice del mondo?
Perché il 20 giugno è considerato il giorno più felice del mondo?

Durante l’anno si celebrano diversi giorni speciali, ma nel mese di giugno c’è un giorno in particolare sul calendario che è considerato il più felice. Questo giorno aiuta le persone a rimanere di buon umore nonostante le avversità quotidiane.

(Leggi anche: Oroscopo: Cosa avranno per te le stelle questo giovedì 20 giugno?)

Questa data è stata stabilita il 20 giugno da diversi specialisti, tra psicologi e meteorologi, che lo hanno determinato così dopo aver analizzato le emozioni delle persone in quella data, evidenziandone il buon umore.

“Yellow Day” ha anche la sua controparte conosciuta come “Blue Monday”. Questo giorno è stato ideato dallo psicologo britannico Cliff Arnall ed è considerato il lunedì più triste dell’anno. Nel 2005, Arnall ha anche creato “Yellow Day” per incoraggiare la felicità e contrastare per un momento la tristezza.

(Anche: Eiacula 21 volte al mese: il consiglio controverso di un urologo è buono?)

Inoltre, il 20 giugno coincide con il solstizio d’estate, che segna la fine della primavera. Questo fenomeno astronomico avviene quando il sole raggiunge la sua massima declinazione, proiettando la sua luce sul punto di massima latitudine della Terra.

Quali sono i paesi più felici del mondo?

Secondo la classifica pubblicata dalle Nazioni Unite (ONU), nota come “Rapporto sulla felicità mondiale”questi sono i paesi più felici del mondo:

  • Finlandia
  • Danimarca
  • Islanda
  • Israele
  • Olanda

Questo giorno è celebrato per stare con la tua famiglia o i tuoi amici che ti rendono più felice.. Puoi anche trascorrerlo in un posto che ti rende felice o rivivere un ricordo che ti fa sentire di buon umore.

Vuoi accedere a tutti i contenuti di qualità senza limiti? ISCRIVITI QUI!

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare