La Banca Mondiale avverte che il gas flaring nel 2023 è stato il più alto dal 2019

La Banca Mondiale avverte che il gas flaring nel 2023 è stato il più alto dal 2019
La Banca Mondiale avverte che il gas flaring nel 2023 è stato il più alto dal 2019

La Banca Mondiale ha lanciato un duro avvertimento segnalando che, nel 2023la quantità di gas bruciato nel mondo è aumentata di 9 miliardi di metri cubi raggiungendo 148 miliardi di metri cubi, il livello più alto dal 2019. Ciò equivale a 23 milioni di tonnellate aggiuntive di emissioni di anidride carbonica. Secondo il Global Meater Flaring and Reduction Partnership (GFMR) della Banca Mondiale, si tratta di una quantità simile a quella che produrrebbero cinque milioni di auto sulle strade.

Demetrios Papathanasiou, Direttore Globale dell’Energy and Extractives Global Practice della Banca Mondiale, ha dichiarato: “Milioni di persone non hanno ancora accesso all’energia di base e le emissioni di gas serra continuano ad aumentare, mentre ogni anno continuano ad essere bruciati enormi volumi di gas”. Inoltre, aggiungi“la cattura e l’utilizzo di questo gas sprecato potrebbe sostituire le fonti energetiche più sporche, ridurre le emissioni di gas serra e generare energia sufficiente a raddoppiare la quantità di elettricità fornita nell’Africa sub-sahariana”.

Da parte sua, il direttore della GFMR della Banca Mondiale, Zubin Bamji, lo ha assicurato “L’aumento del gas flaring è particolarmente scoraggiante, poiché arriva dopo una riduzione tanto attesa nel 2022. Ciò riporta i livelli globali di gas flaring a quelli che abbiamo sperimentato nel 2019. Ci auguriamo che questa sia una sorta di anomalia e, a lungo termine, “la tendenza sarà quella di riduzioni drammatiche .”

Secondo gli studi, la combustione del gas rilascia sostanze inquinanti nocivecompreso il nerofumo e il metano incombusto, che contribuire al cambiamento climatico e comportano rischi sia per le persone che per il pianeta. In questo senso, se si eliminasse il gas flaring, si potrebbero rilasciare dall’atmosfera 381 milioni di tonnellate di anidride carbonica all’anno.

Lo precisa però l’organizzazione il gas di combustione sprecato può essere utilizzato in modo produttivo contribuire a sostituire le fonti energetiche non sostenibili, aumentare l’accesso all’energia in alcuni dei paesi più poveri del mondo e fornire a molti paesi la tanto necessaria sicurezza energetica.

Le stime del gas flaring globale si basano sulle osservazioni di un satellite lanciato nel 2012 gestito dal National Oceanic and Atmospheric Service degli Stati Uniti. Da parte sua, il GFMR della Banca Mondiale fornisce sovvenzioni, assistenza e consulenza su riforme normative e politiche per rafforzare le istituzioni ambientali affinché governi e imprese possano implementare soluzioni di flaring e riduzione degli inquinanti.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV È morta l’attrice Shannen Doherty, protagonista di “Beverly Hills 90210” | Novità di oggi
NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare