Gazprom stimola il commercio di petrolio per contrastare il business del gas in perdita

Gazprom stimola il commercio di petrolio per contrastare il business del gas in perdita
Gazprom stimola il commercio di petrolio per contrastare il business del gas in perdita

MOSCA, 21 giugno (Reuters) – Il colosso russo del gas Gazprom, che ha appena registrato una perdita annua di 7 miliardi di dollari, ha aumentato l’attività nel settore petrolifero per compensare l’indebolimento del commercio di gas naturale nel 2023, hanno detto due fonti vicine alle sue operazioni commerciali.

Gazprom, di proprietà del Cremlino, ha subito la perdita del mercato europeo del gas, una volta fonte di circa due terzi delle sue entrate, a causa di una profonda spaccatura tra Russia e Occidente sulla guerra in Ucraina.

Ha inoltre ridotto la produzione di gas naturale del 13% al minimo record annuo di 359 miliardi di metri cubi (bcm) nel 2023 da 412,94 bcm nel 2022.

La divisione petrolifera di Gazprom, Gazprom Neft, è andata meglio della società madre grazie al boom del business petrolifero.

Ora il gruppo Gazprom, attraverso la sua divisione Gazprom Export, sta cercando di aumentare la propria esposizione al business petrolifero e di aumentare la gestione delle esportazioni di greggio ESPO destinate all’Asia, nonché delle esportazioni di petrolio leggero siberiano, secondo due persone e quattro fonti commerciali.

Gazprom non ha risposto a una richiesta di commento.

Le esportazioni di petrolio russo sono state una fonte stabile di profitti per Mosca negli ultimi due anni nonostante le sanzioni occidentali, poiché la Russia è stata in grado di dirottarle verso India e Cina.

Gazprom Export, che era un piccolo esportatore di petrolio prima del 2022, ha incrementato le esportazioni di petrolio nella seconda metà del 2023 e prevede di aumentare ulteriormente le spedizioni nel 2024, secondo fonti Reuters e dati di mercato mostrati.

“Le esportazioni del gasdotto Gazprom sono raddoppiate nel 2023 e si prevede che raddoppieranno nuovamente nel 2024”, ha detto una delle fonti.

Il porto russo di Kozmino nel Pacifico è uno sbocco chiave per le esportazioni di greggio di Gazprom. Le esportazioni di petrolio greggio ESPO Blend forniscono uno dei migliori ricavi per i produttori russi rispetto ad altre rotte grazie alla qualità superiore del grado e alla vicinanza ai principali clienti in Asia.

Continua a leggere la storia

Le spedizioni di petrolio di Gazprom da Kozmino sono aumentate da 30.000 a 50.000 tonnellate al mese nel 2023 a circa due o tre navi da 100.000 tonnellate al mese quest’anno, hanno affermato fonti, citando dati sulle esportazioni. Questi volumi vengono forniti in aggiunta alle esportazioni di Gazprom Neft, che è anche un esportatore di olio ESPO Blend.

Nel maggio di quest’anno, Gazprom ha anche caricato per la prima volta 80.000 tonnellate di petrolio siberiano leggero da Novorossiisk, hanno detto le fonti, aggiungendo che la società prevede di continuare a diversificare la propria fornitura di petrolio.

Aumenterà anche la produzione di condensato di Gazprom. Gazprom non rivela i dati di produzione.

A maggio, la società ha avviato la produzione nel giacimento petrolifero di Urengoysky, che dovrebbe produrre 1,5 milioni di tonnellate di condensato all’anno.

(Segnalazione da Reuters; a cura di Natalia Ramos in spagnolo)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV David Bisbal e Will Smith insieme in Spagna: nuovo progetto all’orizzonte? Questo è noto
NEXT Il gran finale degli Europei si definisce tra i migliori e i più criticati