Prezzi record e tassi ipotecari in aumento deprimono le vendite di case negli Stati Uniti

Prezzi record e tassi ipotecari in aumento deprimono le vendite di case negli Stati Uniti
Prezzi record e tassi ipotecari in aumento deprimono le vendite di case negli Stati Uniti

Di Lucia Mutikani

WASHINGTON (Reuters) – Le vendite di case esistenti negli Stati Uniti sono diminuite per il terzo mese consecutivo a maggio, poiché i prezzi record e la ripresa dei tassi ipotecari hanno escluso i potenziali acquirenti dal mercato.

Ci sono state, tuttavia, alcune notizie incoraggianti sul mercato immobiliare, con la National Association of Realtors che ha riferito venerdì che l’inventario immobiliare è balzato il mese scorso al livello più alto in quasi due anni. L’aumento dell’offerta, se sostenuto, potrebbe frenare ulteriori aumenti dei prezzi e migliorare l’accessibilità economica.

Ciononostante, le deboli vendite di case si sono aggiunte ad un forte calo dei nuovi cantieri e dei permessi di costruzione lo scorso mese, suggerendo che una nuova accelerazione dei tassi ipotecari da aprile a maggio aveva indebolito lo slancio della ripresa del mercato immobiliare.

“Scarsa accessibilità e ancora bassa, anche se l’aumento delle quotazioni nel mercato di rivendita sta tenendo a bada gli acquirenti, con pochi cambiamenti attesi fino a quando la Federal Reserve non ridurrà i tassi ufficiali”, ha affermato Sal Guatieri, economista senior presso BMO Capital Markets.

Le vendite di case sono diminuite dello 0,7% il mese scorso ad un tasso annuo destagionalizzato di 4,11 milioni di unità. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto che le rivendite di case sarebbero scese a un tasso di 4,10 milioni di unità. Le rivendite di case, che rappresentano gran parte delle vendite immobiliari negli Stati Uniti, sono diminuite del 2,8% su base annua a maggio.

Il tasso medio sul popolare mutuo fisso trentennale è salito al massimo di sei mesi del 7,22% all’inizio di maggio prima di ritirarsi appena sotto il 7,0% entro la fine del mese, come hanno mostrato i dati dell’agenzia di finanziamento ipotecario Freddie Mac.

La Federal Reserve ha mantenuto il tasso di interesse overnight di riferimento nell’attuale intervallo compreso tra 5,25% e 5,50% dallo scorso luglio. La banca centrale statunitense ha aumentato il tasso di riferimento di 525 punti base da marzo 2022. Gli investimenti residenziali hanno registrato una crescita a due cifre nel primo trimestre, ma sono sulla buona strada per diminuire il prodotto interno lordo in questo trimestre.

Nel Sud, densamente popolato, le vendite sono scese dell’1,6%. Sono rimasti invariati nel Midwest, che è considerata la regione più conveniente, così come nel Nordest e nell’Ovest.

Per saperne di più

Il mese scorso l’inventario immobiliare è aumentato del 6,7% a 1,28 milioni di unità, il livello più alto da agosto 2022. L’offerta è aumentata del 18,5% rispetto a un anno fa. Il capo economista della NAR Lawrence Yun ha osservato che le scorte sono aumentate del 40-60% in Texas e Florida, cosa che ha parzialmente attribuito all’aumento dei costi come l’assicurazione sulla proprietà.

I proprietari di case in quasi tutto il Paese hanno assistito a un’impennata dei premi assicurativi a causa dell’aumento dei sinistri, alcuni legati a inondazioni e incendi.

Ma le case entry-level rimangono scarse, con le vendite di immobili sotto i 250.000 dollari che continuano a crollare di anno in anno.

Al ritmo delle vendite di maggio, ci vorranno 3,7 mesi per esaurire l’attuale inventario delle case esistenti, rispetto ai 3,1 mesi di un anno fa. Una fornitura da quattro a sette mesi è vista come un sano equilibrio tra domanda e offerta.

L’indice immobiliare PHLX è sceso, sottoperformando in un mercato azionario per lo più in rialzo. Il dollaro è aumentato rispetto a un paniere di valute. I rendimenti dei titoli del Tesoro USA sono scesi.

MOLTEPLICI OFFERTE RIMANERE

Nonostante il miglioramento dell’offerta, il prezzo medio delle case esistenti è aumentato del 5,8% rispetto all’anno precedente, raggiungendo il massimo storico di 419.300 dollari. L’aumento percentuale è stato il maggiore dall’ottobre 2022. La maggior parte delle case vendute il mese scorso sono costate 750.000 dollari o più.

Circa il 30% delle case sono state vendute al di sopra del prezzo di listino, indicando che in alcune aree rimangono offerte multiple. I prezzi delle case sono aumentati in tutte e quattro le regioni.

“Potrebbe esserci qualche indizio che i prezzi elevati stiano portando più quotazioni sul mercato”, ha affermato Conrad DeQuadros, consulente economico senior di Brean Capital. “Il settore immobiliare non sarà probabilmente il motore della macroeconomia nei prossimi mesi.”

Le proprietà in genere sono rimaste sul mercato per 24 giorni a maggio, rispetto ai 18 giorni di un anno fa.

Gli acquirenti per la prima volta hanno rappresentato il 31% delle vendite, rispetto al 28% di un anno fa, rimanendo al di sotto del 40% che secondo economisti e agenti immobiliari è necessario per un mercato immobiliare robusto.

Le vendite interamente in contanti hanno rappresentato il 28% delle transazioni, rispetto al 25% di un anno fa. Le vendite distressed, compresi i pignoramenti, hanno rappresentato solo il 2% delle transazioni, invariate rispetto allo scorso anno.

Mentre il mercato immobiliare sta attraversando un periodo difficile, l’economia in generale continua a procedere a fatica tra i segnali che l’inflazione si sta raffreddando dopo il riscaldamento nel primo trimestre.

Un sondaggio di S&P Global di venerdì ha mostrato che il suo indice flash Composite PMI sulla produzione degli Stati Uniti, che traccia i settori manifatturiero e dei servizi, è salito a 54,6 questo mese.

Questo è stato il livello più alto dall’aprile 2022 e ha fatto seguito a una lettura finale di 54,5 a maggio. Una lettura superiore a 50 indica un’espansione nel settore privato. Sia il settore dei servizi che quello manifatturiero hanno contribuito all’aumento dell’attività.

Il ritmo di aumento dei prezzi dei fattori produttivi è rallentato, così come il ritmo con cui le imprese stanno aumentando i prezzi di beni e servizi.

“Una crescita economica lenta e costante è coerente con le aspettative che la Fed inizi a tagliare gradualmente i tassi di interesse nella seconda metà del 2024”, ha affermato Bill Adams, capo economista di Comerica.

(Segnalazione di Lucia Mutikani; Montaggio di Andrea Ricci)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Córdoba e San Luis rafforzano i legami educativi – News Web
NEXT Un fallimento globale di Microsoft colpisce aeroporti, compagnie aeree e aziende di tutto il mondo