Olanda e Francia lasciano la loro classifica in sospeso

Olanda e Francia lasciano la loro classifica in sospeso
Olanda e Francia lasciano la loro classifica in sospeso

21 giugno 2024, 17:01 ET

Le squadre hanno giocato in verticale con opzioni davanti all’inquadratura, ma il gol non è apparso all’Arena di Lipsia


Incompetente nell’arte del gol, con due evidenti errori nella definizione di Antoine Griezmann e senza Kylian Mbappé in campo, Francia non potevo gestirli Olanda ed entrambe le squadre hanno firmato il primo pareggio a reti inviolate della Coppa degli Europei (0-0), in una partita segnata dai dubbi che mantiene la squadra guidata da Didier Deschamps.

Francia Aveva bisogno di scendere in campo dopo la sua pessima immagine contro l’Austria. La loro vittoria di Pirro (0-1) con un triste autogol di Wober ha costretto la squadra francese a cambiare un record abbastanza lontano da quello che dovrebbe avere una favorita per la vittoria dell’Euro Cup. Per fortuna (o no) di Deschamps, nei giorni precedenti lo scontro l’unico argomento di conversazione era il naso di Mbappé. La sua frattura nasale, diventata un problema nazionale, nascondeva tutti i problemi che si era lasciato alle spalle. Francia al suo debutto.

Infine, Mbappé non è apparso nella formazione. Neppure con la mascherina tanto fotografata alla vigilia dello schianto. La protezione, con disegnata sopra la bandiera francese, è diventata nera per regolamento UEFA e il giocatore del Real Madrid l’ha indossata durante il riscaldamento. Ma all’inizio non si andava oltre. Si è seduto in panchina con il resto dei compagni e Deschamps ha optato per Tchouaméni con una mossa apparentemente più conservativa.

Davanti Koeman ha tolto Veerman dal centrocampo, ha ritardato Simons e ha piazzato Frimpong come una grande novità. È rimasto fermo di fronte alle pressioni per dare il posto da titolare a Werghorst, l’eroe contro la Polonia. E all’inizio il duello sembrava funzionare per il Olandache appena lo prese da centro campo stava per segnare una giocata come quella nella finale persa contro la Germania ai Mondiali del 1974.

Poi è stato Cruyff a causare un rigore un minuto dopo l’inizio della partita Olanda, dal calcio d’inizio, ha mosso la palla senza che nessun rivale la toccasse fino all’accelerazione del genio olandese che ha causato il massimo rigore. Cinquant’anni dopo, la squadra di Koeman si avvicinò al raggiungimento di un obiettivo simile. Ha servito dal centro, ha toccato la palla senza che i francesi l’avessero annusata e tutto è finito nell’uno contro uno che Frimpong ha sbagliato contro Maignan.

Lo spavento per Francia Era importante. Non era il modo migliore per iniziare il suo riscatto dagli errori della sua prima. Tuttavia si è ripreso bene. In generale, è riuscito a vincere la partita. Kanté sembra come nel 2018, a poco a poco recupera la sua versione migliore; Tchouaméni ha fornito stabilità ed equilibrio; e Griezmann, soprattutto Griezmann, si è svegliato come previsto dopo la sua partita irregolare contro l’Austria.

Naturalmente ha allungato senza fortuna, perché ha mancato una delle occasioni più chiare che abbia mai avuto. Dopo l’avvertimento con un tiro da fuori area respinto da Verbruggen, si ritrova con un’opzione da gol monumentale. È stato Thuram, che ha fatto da incoraggiamento a Van Dijk, a causare la sfortuna del suo compagno di squadra. Ha fatto coppia con Rabiot che invece di finire l’opera ha dato palla a Griezmann. L’attaccante atletico, sotto porta, si è impigliato nella palla e non è riuscito a segnare lo 0-1.

È stato un disastro, ma niente di cui incolpare la stella francese. Senza dubbio era uno dei migliori della sua squadra. Gli è mancato solo il successo per destabilizzare un rivale che aveva le sue scelte con gli attacchi di Gakpo, il più pericoloso degli uomini di Koeman. Mentre Schouten e Reijnders combattevano una tremenda battaglia per governare il centrocampo con Kanté e Tchouaméni, Gakpo, con i suoi due compagni quasi sempre sconfitti, è riuscito a scappare a più riprese. Una di queste si chiude con un tiro da fuori area che Maignan para alla meglio e l’Olanda resta senza premio.

Attraversare lo stand non ha cambiato nulla. Sebbene Francia Ha continuato a mostrarsi come una squadra piatta, che non trasmetteva quasi nulla, almeno lavorava su accordi individuali e con gli stessi protagonisti. Tchouaméni continua a crescere, Kanté mantiene il suo livello e Griezmann continua a provarci senza sosta, anche se senza fortuna.

Anche se sembrava incredibile, un’altra straordinaria opportunità fallì nuovamente. In questa occasione, la sua occasione è arrivata da un colpo di testa molto netto di Tchouaméni. Griezmann, sotto la porta, inciampa all’ultimo momento e Francia Ancora una volta è rimasto senza un gol che avrebbe potuto meritare. E per di più, ha ricevuto un grande spavento con un gol di Simons annullato per fuorigioco del Dumfries, che secondo il VAR dava fastidio a Maignan nella traiettoria della palla.

E non c’era molto altro. Le modifiche non hanno influenzato il gioco. Nemmeno l’ingresso Weghorst. Koeman ha tirato fuori il suo eroe a dieci minuti dalla fine. Ma con un attaccante solvibile non è successo niente perché non era la serata giusta per segnare. Senza Mbappé, con la maschera ben tenuta in panchina, la partita, e con Griezmann messo in risalto in quell’aspetto, è diventata una mascherata nell’arte della rifinitura. Nessuno ha centrato l’obiettivo ed entrambe le squadre hanno aggiunto il quarto punto per suggellare quasi la qualificazione agli ottavi.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Cascate dell’Iguazú: riapre il circuito della Gola del Diavolo
NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare