La Cina espone i suoi aerei da combattimento nello stretto di Taiwan come avvertimento contro la vendita di armi statunitensi all’isola

La Cina espone i suoi aerei da combattimento nello stretto di Taiwan come avvertimento contro la vendita di armi statunitensi all’isola
La Cina espone i suoi aerei da combattimento nello stretto di Taiwan come avvertimento contro la vendita di armi statunitensi all’isola

Una flotta di oltre 30 aerei cinesi ha sorvolato i dintorni di Taiwan nelle ultime 24 orepochi giorni dopo il governo degli Stati Uniti approvare la possibile vendita di un drone e di un sistema missilistico vagante sull’isolafonti ufficiali hanno riferito questo venerdì.

Nel suo ultimo rapporto quotidiano, il Ministero della Difesa Nazionale (MDN) di Taiwan ha notificato la presenza di 36 aerei da guerra cinesi nelle vicinanze del suo territorio, la cifra più alta finora questo mesetra cui caccia da combattimento, veicoli senza pilota ed elicotteri.

Un totale di diciotto di questi aerei attraversato la linea mediana dello Stretto di Taiwan, un confine non ufficiale rispettato da decenni da Taipei e Pechino, che si avvicina a soli 74 chilometri dalla città settentrionale di Keelung, dove si trova una base militare, e ad altri 107 chilometri dalla città occidentale di Taichung.

Secondo il rapporto ufficiale, queste incursioni sono avvenute tra le 06:40 e le 18:08 di giovedì (22:40 GMT di mercoledì e 10:08 GMT di giovedì).

Un’altra flotta di quindici aerei e droni cinesi è entrata nella regione sud-occidentale dell’autoproclamata zona di identificazione della difesa aerea taiwanese (ADIZ) ed è passata a soli 68 chilometri da Capo Eluanbi, all’estremità meridionale di Taiwan, tra le 20:07 e le 21:14. (00:07 e 13:14 GMT).

L’MDN ha rilevato anche un elicottero nel sud-est dell’ADIZ, precisamente a 176 chilometri da Capo Eluanbi.

“Le Forze Armate della Repubblica Cinese (nome ufficiale di Taiwan) hanno monitorato la situazione e hanno impiegato forze armate aerei da combattimento, navi della Marina e sistemi missilistici costieri in risposta alle attività rilevate”, ha affermato il ministero militare in una nota.

Questi movimenti si verificano dopo il Dipartimento di Stato americano. approvare la possibile vendita di un drone da combattimento e di un sistema missilistico vagante a Taiwan per un valore di 360,2 milioni di dollari (circa 336 milioni di euro), che ha segnato la quindicesima vendita di armi all’isola da parte dell’amministrazione del presidente americano Joe Biden.

Mercoledì, in una conferenza stampa, il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Lin Jian, ha assicurato che la decisione degli Stati Uniti costituisce una “grave violazione della sovranità e degli interessi di sicurezza della Cina”, “danneggia gravemente le relazioni tra Pechino e Washington e” minaccia la pace e stabilità” nello Stretto di Taiwan.

Lin ha affermato che questa vendita invia “un segnale sbagliato” alle “forze separatiste” dell’isola.

“Le azioni del Partito Democratico Progressista (DPP, governatore di Taiwan) sono destinati a fallire e avranno conseguenze dannose“, ha aggiunto il portavoce, ribadendo che la questione di Taiwan è “la più importante linea rossa nelle relazioni tra Cina e Stati Uniti”.

Taiwan – dove l’esercito nazionalista cinese si è ritirato dopo la sconfitta per mano delle truppe comuniste nella guerra civile (1927-1949) – è governata autonomamente dalla fine della guerra, nonostante la Cina rivendichi la sovranità sull’isola che considera ribelle provincia per la cui “riunificazione” non ha escluso l’uso della forza

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Chiamata gratuita per le donne di Cuautla per ottenere un certificato primario o secondario – El Sol de Cuautla
NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare