F1: Max Verstappen stringe la presa sulla Red Bull e vince a Barcellona

F1: Max Verstappen stringe la presa sulla Red Bull e vince a Barcellona
F1: Max Verstappen stringe la presa sulla Red Bull e vince a Barcellona

23 giugno 2024, 10:32 ET

Il tre volte iridato ha effettuato un test segreto prima del GP di Spagna, ha chiesto maggiori prestazioni alla squadra e ha ottenuto il successo al decimo round. Lando Norris ha fallito nel gioco ed è arrivato secondo. Lewis Hamilton ha completato il podio.

Non appena ha fermato la sua RB20 nel punto riservato al vincitore, Max Verstappen è sceso dalla vettura, ha stretto i pugni e ha scosso le braccia. Si è voltato, ha lasciato il volante a posto come dice il regolamento e ha corso per circa 50 metri per scagliarsi contro i suoi meccanici e scatenare una festa raramente vista nel tre volte iridato, così abituato ai successi che i suoi festeggiamenti sono solitamente sobri. Ma il presente è diverso e gli olandesi lo sanno più di chiunque altro. E’ vero, vince lui, come quasi sempre. Perché sul circuito della Catalogna ha ottenuto il suo settimo successo nelle dieci gare disputate nel 2024. Ma non c’è più il domino, la Red Bull non è più invincibile e il suo fuoriclasse non sta zitto al chiuso.

“Sono settimane che dico che dobbiamo portare più prestazioni alla nostra macchina e anche tutti nel team lo sanno,” ha detto Verstappen dopo le qualifiche catalane.. Ha aggiunto: “Finora sembra che tutti intorno a noi stiano portando più aggiornamenti di noi. Ovviamente dobbiamo lavorarci sopra, trovare più prestazioni anche per la nostra vettura. Al momento ci manca un po’ di velocità. Da qualche settimana mi compenso guidando e questo è un bene perché è quello per cui mi pagano. Perché se devi dare il 101% ogni volta, un giorno andrà storto”. E in Spagna ha dovuto dare il massimo per ottenere la sua 61esima vittoria nella categoria.

Anche la Red Bull non si ferma. Per cercare di capire bene la RB20, il team ha organizzato un test privato e segreto a Imola all’inizio della settimana, prima di recarsi a Barcellona. Era lo stesso Verstappen quello che ha acceso una RB18, il modello 2022, il primo dell’attuale era dell’effetto suolo. L’informazione è trapelata nel paddock catalano e Paul Monaghan, capo ingegnere della Red Bull, ne ha spiegato le ragioni. “Quando provi a valutare i punti di forza e di debolezza di un’auto attuale, il tuo riferimento è l’auto attuale. Quindi proviamo a dare a Max un riferimento da cui giudicarlo, e lui è stato in grado di darci un feedback al riguardo e dipende da noi cosa ne facciamo,'” ha spiegato.

Verstappen ha aggiustato i pioli, si è rimboccato le maniche e ha indossato la tuta per lavorare per riconquistare quell’affidabilità e competitività nella Red Bull. E ha faticato anche sulla pista di Barcellona. Perché Lando Norris con la sua McLaren è ad un livello superlativo ed ha ottenuto la pole position. Ma l’inglese ha fallito nel gioco. Si è preoccupato così tanto di coprire Verstappen (è arrivato a una manovra eccessiva e ha spinto così tanto la Red Bull che l’olandese è finito con due ruote nell’erba), che ha perso velocità, George Russell li ha superati entrambi all’esterno e, come se non bastasse, ha perso il posto con Max. Lì la carriera cominciò a definirsi.

L’altra chiave è stata superare rapidamente Russell per prendere il comando. Norris impiegò tempo prezioso per sbarazzarsi della Mercedes e quella fu la fine. Ecco perché la faccia di Lando è così ostile, perché ha la sensazione che un’altra possibilità di vincere sia svanita.

“Penso che abbiamo fatto la gara all’inizio quando ho preso il comando e sono riuscito a fare la differenza perché Lando e la McLaren erano molto, molto veloci. Avevamo una strategia aggressiva e ha funzionato. Ho dovuto riprendermi un po’ all’inizio e poi è stato fondamentale superare velocemente Russell. All’inizio non avevamo il passo della McLaren e abbiamo dovuto adottare una strategia di frenata aggressiva. Abbiamo sicuramente perso prestazioni, la McLaren ha la macchina più forte, non solo nel passo, ma anche nel degrado delle gomme. Dobbiamo cercare di essere migliori. La squadra ha fatto un ottimo lavoro”, ha detto Verstappen.

Norris non riusciva a nascondere la sua irritazione. “Ho fatto una brutta partenza, la macchina oggi era incredibile, ma l’ho persa in partenza. Tante cose positive e una negativa che può rovinare tutto. Tuttavia, questi sono buoni punti. Ho perso molto tempo dietro a George, ci ho messo molto a superarlo. “Max è riuscito a superarlo bene, ma io non ci sono riuscito”, ha detto.

Dietro, lontano dai piloti in corsa per la F1, è arrivato Lewis Hamilton, che è tornato sul podio, luogo che non visitava dal GP del Messico del 2023. Il sette volte campione ha accumulato 198 cerimonie di premiazione e potrebbe arrivare a 200 proprio a Silverstone tra due settimane. La Gran Bretagna chiuderà il triplete consecutivo formato da Spagna, Austria e Inghilterra. Si prospettano altri duelli tra Norris e Verstappen, l’olandese si farà trovare pronto.

RISULTATO GP DI SPAGNA

CAMPIONATO PILOTI

COPPA COSTRUTTORI

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV È stata inaugurata la nuova sede IPS ad Avellaneda
NEXT Amaia Montero ricomparsa con Karol G: “Pensavo che non sarei mai più salita sul palco”