Il dollaro australiano e neozelandese si apprezza sullo yen, incombono i test sull’inflazione

Il dollaro australiano e neozelandese si apprezza sullo yen, incombono i test sull’inflazione
Il dollaro australiano e neozelandese si apprezza sullo yen, incombono i test sull’inflazione

Lunedì i dollari australiano e neozelandese hanno toccato nuovi massimi da 17 anni contro lo yen a basso rendimento, sulla scia della persistente domanda di carry trade, anche se il rischio di un pullback incombe mentre il Giappone si appresta a fermare il rapido declino della vostra valuta.

I trader stanno anche osservando il rapporto sui prezzi al consumo australiano di maggio, in uscita mercoledì, e l’indice dei prezzi della spesa per consumi personali (PCE) degli Stati Uniti – l’indicatore preferito dalla Federal Reserve per misurare l’inflazione -, che sarà pubblicato venerdì, per scoprire quanto sarà il rilassamento. ci sarà quest’anno.

Lunedì lo yen ha toccato quota 106,27, il livello più alto dall’ottobre 2007, dopo essere salito dell’1,9% la scorsa settimana. Il prossimo obiettivo importante è il massimo del 2007 di 107,84.

Tuttavia, con lo yen che si avvicina al livello chiave 160 rispetto al dollaro e riceve avvertimenti giornalieri da Tokyo, il cross popolare potrebbe essere a rischio di un forte calo. Il dollaro australiano ha perso 5 yen in due giorni alla fine di aprile, quando il Giappone è intervenuto sul mercato.

Il kiwi ha mostrato alcuni segni di stanchezza dopo essere salito al nuovo massimo di 17 anni a 97,92 yen lunedì ed è sceso dello 0,3% a 97,5 yen. La settimana scorsa è aumentato dell’1,1% rispetto allo yen.

Si prevede che i prezzi al consumo in Australia scendano di circa lo 0,2% nel mese, ma il tasso annuo dovrebbe rimbalzare al 3,8% dal 3,6%. Ciò si rifletterà nel rapporto trimestrale che sarà pubblicato alla fine di luglio, pochi giorni prima della riunione di agosto del consiglio di amministrazione della Reserve Bank of Australia.

I mercati vedono poche possibilità di allentamento fino ad aprile del prossimo anno. A quel punto, i futures implicano che i tassi statunitensi saranno scesi di 100 punti base.

Questo è uno dei motivi per cui l’Aussie si è mantenuto nel suo recente range compreso tra 0,6580$ e 0,6710$ contro la forza del dollaro statunitense. È sceso dello 0,1% a 0,6633 dollari, dopo aver registrato un piccolo guadagno dello 0,4% la scorsa settimana.

Joseph Capurso, responsabile dell’economia internazionale presso la Commonwealth Bank of Australia, prevede che il dollaro australiano verrà scambiato all’interno di un intervallo ristretto compreso tra 0,66 e 0,67 dollari questa settimana.

“L’AUD/USD potrebbe indebolirsi leggermente se l’indice dei prezzi al consumo australiano dovesse rivelarsi più debole di quanto previsto dagli economisti.”

Il kiwi è sceso dello 0,2% a 0,6108 dollari, dopo aver perso lo 0,4% la scorsa settimana.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Nel Giorno dell’Indipendenza Colombiana: cinque animali orgoglio nazionale | Novità di oggi
NEXT È la bellissima sorella che pochi conoscono di Ana María Orozco, “Ugly Betty”; lei è un’insegnante