Il dollaro cede; lo yen si avvicina a 160 mentre persistono i timori di un intervento

Il dollaro cede; lo yen si avvicina a 160 mentre persistono i timori di un intervento
Il dollaro cede; lo yen si avvicina a 160 mentre persistono i timori di un intervento

Il dollaro si è leggermente indebolito lunedì, ma è rimasto vicino al massimo di quasi otto settimane, mentre lo yen ha languito vicino al livello di 160, attirando avvertimenti verbali da parte delle autorità giapponesi mentre i timori di un intervento attanagliano i mercati.

Lo yen si è indebolito a 159,94 per dollaro nei primi scambi, il livello più basso dal 29 aprile, quando lo yen ha toccato il minimo di 34 anni a 160,245, spingendo le autorità giapponesi a spendere circa 9,8 trilioni di yen per sostenere la valuta.

Lo yen è stato scambiato leggermente in rialzo a 159,75 per dollaro dopo che Masato Kanda, il principale diplomatico valutario del Giappone, ha dichiarato lunedì che le autorità prenderanno le misure appropriate in caso di movimenti valutari eccessivi e che l’inclusione del Giappone nella lista di controllo del Tesoro americano non limiterà la sua Azioni.

“Risponderemo con forza alle mosse troppo rapide o guidate dagli speculatori”, ha detto Kanda, ma ha osservato che le autorità non hanno in mente livelli specifici su quando intervenire.

Lo yen è stato sottoposto a rinnovate pressioni in seguito alla decisione della Banca del Giappone (BOJ) di questo mese di ritardare la riduzione dello stimolo all’acquisto di obbligazioni fino alla riunione di luglio. A giugno è sceso dell’1,5%.

“Non credo più necessariamente che sia sufficiente rompere il livello psicologico (per intervenire)”, ha affermato Simon Harvey, responsabile dell’analisi valutaria di Monex.

“Le autorità ci hanno detto che sono più preoccupate per il ritmo e i movimenti disordinati che per i singoli livelli.”

Una sintesi delle opinioni emerse dalla riunione politica della Banca del Giappone di giugno ha mostrato che alcuni politici hanno chiesto tempestivamente aumenti dei tassi di interesse poiché hanno visto un rischio di inflazione superiore alle aspettative.

Lo yen, molto sensibile ai rendimenti dei titoli del Tesoro americano, quest’anno è sceso di oltre il 10% rispetto al dollaro, gravato dalla grande differenza tra i tassi di interesse in Giappone e negli Stati Uniti.

La domanda di carry trade, ovvero prendere in prestito yen a tassi bassi per acquistare valute ad alto rendimento, ha anche spinto sia il dollaro australiano che quello neozelandese ai massimi di 17 anni contro lo yen.

PROVA DI GONFIAGGIO IN ATTESA

Questa settimana, l’attenzione sarà focalizzata sull’indice dei prezzi della spesa per consumi personali (PCE) degli Stati Uniti – l’indicatore preferito dalla Federal Reserve per misurare l’inflazione – che sarà pubblicato venerdì.

Gli economisti intervistati da Reuters prevedono che la crescita annuale dell’indice rallenterà al 2,6% a maggio. Una lettura debole probabilmente rafforzerà le scommesse su un taglio dei tassi già a settembre, che i futures attualmente scontano come una prospettiva del 70%, ha mostrato lo strumento FedWatch del CME.

L’indice del dollaro, che misura l’unità statunitense rispetto a sei valute, è stato ultimo a 105,66, in ritirata dal massimo di quasi otto settimane di 105,91 toccato la scorsa settimana.

Nel corso della settimana l’attenzione sarà rivolta anche alla geopolitica, con il primo dibattito presidenziale americano giovedì e il primo turno delle elezioni francesi nel fine settimana.

“Vedremo un forte posizionamento difensivo in vista del primo turno delle elezioni francesi e del dibattito presidenziale negli Stati Uniti”, ha detto Harvey di Monex.

“Sebbene ci sia un senso di calma che grava sul dollaro questa mattina, il rischio politico rimane una discreta fonte di forza per il dollaro e ci aspettiamo che l’indice del dollaro finisca la settimana in rialzo.”

L’euro, che è sotto pressione da quando il presidente francese Emmanuel Macron ha indetto le elezioni anticipate all’inizio di questo mese, è salito dello 0,2% a 1,07125 dollari, ma a giugno era ancora in ribasso dell’1,2%.

Secondo un sondaggio pubblicato domenica, il partito francese di estrema destra Raggruppamento Nazionale (RN) e i suoi alleati erano in testa al primo turno delle elezioni nazionali con il 35,5% dei voti attesi.

Il deputato della RN Jean-Philippe Tanguy, considerato il candidato più probabile alla guida del ministero dell’Economia se il partito vincesse e formasse un governo, ha detto a Reuters che un governo della RN si atterrebbe alle regole fiscali dell’Unione Europea.

Nel frattempo, lo yuan spot è stato scambiato a 7,2609 per dollaro, all’interno di un range molto ristretto e vicino al livello più basso in sette mesi, gravato dalla forza del dollaro e dalle preoccupazioni per la debolezza della seconda economia mondiale.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Travis Scott torna in Cile: date e vendita dei biglietti
NEXT Cosa ha detto l’allenatore del Nacional sull’acquisto di Duván Vergara in America