L’UE adotta sanzioni contro il gas naturale liquefatto russo e amplia le misure contro l’elusione delle sanzioni

L’UE adotta sanzioni contro il gas naturale liquefatto russo e amplia le misure contro l’elusione delle sanzioni
L’UE adotta sanzioni contro il gas naturale liquefatto russo e amplia le misure contro l’elusione delle sanzioni

BRUXELLES, 24 giugno (EUROPA PRESS) –

L’Unione Europea ha adottato questo lunedì il 14° ciclo di sanzioni contro la Russia per l’invasione militare dell’Ucraina, un provvedimento che punisce per la prima volta il settore russo del gas naturale liquefatto e che amplierà le misure in corso per prevenire l’evasione delle sanzioni da parte di terra, mare e aria.

Dopo più di due anni di conflitto in Ucraina, l’UE prende la decisione di porre fine al business del gas naturale liquefatto attraverso misure contro la “flotta ombra” con cui la Russia trasporta questo rifornimento dall’Artico ai porti europei e poi, cambiando navi, lo trasporta in Asia.

Con questo round, l’UE vieterà i servizi di ricarica del gas naturale russo nel territorio comunitario ai fini di operazioni di trasbordo verso paesi terzi, sia trasbordi ship-to-ship che ship-to-shore, sebbene la misura non pregiudichi le importazioni per uso in territorio comunitario; caso della Spagna, che è aumentata del 35% nel 2023, facendo della Russia il terzo fornitore di gas del Paese, con il 18%.

In ogni caso, la Commissione europea monitorerà l’applicazione e lo sviluppo di questa decisione e, se necessario, potrà proporre in futuro misure palliative.

Cercando di rafforzare le sanzioni e di aumentare il loro funzionamento nella pratica evitando l’elusione delle misure, i 27 obbligheranno le società madri dell’UE a rafforzare i controlli delle loro filiali nei paesi terzi in modo che non partecipino ad alcuna attività che consenta loro di eludere le sanzioni. sanzioni.

Vengono rafforzate anche le misure contro la riesportazione di materiale che la Russia può utilizzare sul campo di battaglia. Ora, gli operatori dell’UE dovranno applicare meccanismi di controllo per identificare e valutare i rischi di queste operazioni con la Russia.

Un’altra misura per impedire manovre russe volte ad eludere le sanzioni è quella di vietare il sistema di trasferimento di messaggi finanziari, SPFS, il sistema sviluppato dalla Banca Centrale Russa per neutralizzare l’effetto delle misure restrittive dopo la rimozione alle banche russe del sistema SWIFT.

Pertanto, alle entità dell’UE che operano al di fuori della Russia sarà vietato connettersi all’SPFS o ad altri servizi di messaggistica finanziaria specializzati equivalenti e agli operatori dell’UE sarà vietato effettuare transazioni con determinate entità russe sia in Russia che all’estero, sebbene saranno escluse dalla misura. pagamento per operazioni energetiche.

SANZIONI SU 61 SOCIETA’ STRANIERE E SUI TRASPORTI AEREI, MARITTIMI E STRADALI

Nel tentativo di rispondere alle azioni russe, 61 aziende vengono aggiunte alla “lista nera” europea di entità che sostengono il settore militare e industriale russo e avranno restrizioni più severe sull’esportazione di beni e tecnologie a duplice uso.

Tra questi soggetti figurano aziende sia in Russia, 33, Cina, 19, Kazakistan, 1, Kirghizistan, 2, Turchia, 9, ed Emirati Arabi Uniti, 2, e India, 1, e sono selezionate dall’UE per aver partecipato all’iniziativa elusione delle restrizioni commerciali e nell’acquisizione di parti che possono essere utilizzate per la fabbricazione di aerei senza pilota o di materiale utilizzato dall’esercito russo in Ucraina.

Per la prima volta l’Ue adotta misure concrete contro trenta navi, identificate come la “flotta ombra” della Russia che le fornisce materiale utilizzato nella guerra di aggressione contro l’Ucraina, alle quali sarà negato l’accesso ai porti e la fornitura di servizi.

Le misure sono giustificate, tra l’altro, dal trasporto di equipaggiamento militare per la Russia, dal trasporto di grano ucraino rubato e dal sostegno allo sviluppo del settore energetico russo, ad esempio attraverso il trasporto di componenti di gas naturale liquefatto o il trasbordo di gas.

Vengono inoltre ampliate le misure contro il trasporto stradale e il trasporto di merci da parte di operatori di proprietà russa sarà vietato del 25%. Il divieto di volare nell’UE è esteso e il veto all’atterraggio, al decollo o al sorvolo del territorio dell’UE è esteso a qualsiasi aeromobile utilizzato per un volo non di linea e quando una persona fisica o giuridica, entità o organismo russo sia in condizioni di determinare effettivamente il luogo o l’ora del decollo o dell’atterraggio per recarsi, ad esempio, verso una destinazione di vacanza o un incontro di lavoro.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Marcelo Bielsa si è preso la responsabilità della sconfitta contro la Colombia nella semifinale della Copa América 2024: “Tocca a me gestire la squadra”
NEXT San Fermín 2024: Quinta corsa dei tori