López Obrador chiede di “non perdere” il dibattito di Biden con Trump e prevede attacchi al Messico

López Obrador chiede di “non perdere” il dibattito di Biden con Trump e prevede attacchi al Messico
López Obrador chiede di “non perdere” il dibattito di Biden con Trump e prevede attacchi al Messico

Città del Messico, 24 giugno (EFE).- Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha chiesto questo lunedì di “non perdere” il dibattito che il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, avrà giovedì con il suo rivale, ex sovrano Donald Trump (2017-2021), in cui anticipava proposte che riguardano il Messico come “militarizzare la frontiera”.

“Ci saranno le elezioni a novembre negli Stati Uniti e la campagna è in corso. Quindi ci sono accuse reciproche e ognuno ha la sua opinione. Dopodomani ci sarà un dibattito tra il presidente Biden e l’ex presidente Trump, non fatelo.” Mancatelo”, ha dichiarato il presidente nella sua conferenza mattutina.

López Obrador ha fatto riferimento al dibattito che trasmetterà giovedì la CNN, che non ha precedenti perché si svolge prima delle convenzioni dei due partiti, che ufficializzano le candidature alla corsa presidenziale, non sarà organizzato dalla Commissione Dibattiti Presidenziali, e si svolgerà non avere un pubblico.

Il presidente messicano si è rammaricato che entrambi i candidati non offriranno, secondo lui, soluzioni per evitare la morte di 100.000 americani all’anno a causa del consumo di fentanil, prevedendo che daranno la colpa al Messico e cercheranno misure interventiste.

“Parleranno, ve lo posso anticipare, che la frontiera dovrà essere militarizzata, che i migranti trasportano droga, che dichiareranno terroristi i narcotrafficanti, che non esiteranno a intervenire in Messico e ad arrestare trafficanti di droga e cose del genere”, ha detto.

Il dibattito si svolgerà a poco più di quattro mesi dalle elezioni statunitensi, in cui l’immigrazione alla frontiera con il Messico è una questione centrale e il vincitore se la vedrà con il prossimo presidente messicano, Claudia Sheinbaum, che entrerà in carica il 1° dicembre. con la promessa di continuare la politica di López Obrador.

Il presidente ha rilasciato queste dichiarazioni interrogandosi sulle critiche di Mike Pompeo, ex segretario di Stato degli Stati Uniti durante l’amministrazione Trump, che ha avvertito che la riforma giudiziaria di López Obrador, che permetterebbe ai giudici di essere eletti con voto popolare, darebbe potere al traffico di droga.

“Sono molto abituati (negli Stati Uniti), con tutto il rispetto, a ficcare il naso in altri posti. Non cambia niente, sono pure invenzioni, solo che sono rimasti fermi ai tempi della Monroe Dottrina dell’America per gli americani”, ha commentato López Obrador all’EFE.

ppc/ffs

(foto)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Colombia ha segnato e si è qualificata per le semifinali
NEXT Migliaia di persone voteranno in Venezuela con il desiderio di un cambiamento economico e di ricongiungimento familiare