Per la prima volta le famiglie spagnole acquistano più olio di girasole che olio d’oliva

Per la prima volta le famiglie spagnole acquistano più olio di girasole che olio d’oliva
Per la prima volta le famiglie spagnole acquistano più olio di girasole che olio d’oliva

Le vendite di olio di girasole hanno superato per la prima volta le vendite di olio d’oliva in Spagna.

Secondo i dati dell’Associazione nazionale degli imballaggi industriali e dei raffinatori di oli commestibili (Anierac), le vendite di olio d’oliva sono scese da 134.000 tonnellate nell’ottobre 2023 a 110.477 tonnellate nel marzo 2024, con un calo del 17,5%.

Al contrario, le vendite di olio di girasole sono aumentate del 24,5% nello stesso periodo, passando da 127.400 tonnellate a 158.574 tonnellate.

Guarda anche:La produzione spagnola di olio d’oliva continua a superare le aspettative

I funzionari spagnoli indicano una produzione di olio d’oliva inferiore alla media in gran parte del mondo per il secondo anno consecutivo, combinata con prezzi storicamente elevati dell’olio d’oliva, come ragioni principali del calo dei consumi.

I dati di NielsenIQ, una società di ricerche di mercato, mostrano che i prezzi al dettaglio dell’olio d’oliva sono aumentati del 61% tra maggio 2023 e maggio 2024, raggiungendo una media di 7,41 euro al litro. Allo stesso modo sono aumentati i prezzi dell’olio vergine ed extravergine di oliva, che hanno raggiunto rispettivamente 8,92 e 7,77 euro al litro.

Allo stesso tempo, i prezzi dell’olio di girasole nel commercio al dettaglio sono diminuiti del 35% nello stesso periodo, a 1,56 euro al litro.

Nel suo rapporto sui consumi interni del 2023, secondo il Ministero dell’Agricoltura, della Pesca e dell’Alimentazione, le famiglie spagnole hanno ridotto il consumo di olio commestibile del 3,3% nel 2023.

I dati del Ministero mostrano che il consumo di olio d’oliva è diminuito di quasi il 15% nel 2023, mentre il consumo di olio di girasole è aumentato. La domanda di olio di sansa di oliva, il cui prezzo è aumentato di un modesto 23%, è più che raddoppiata.

Nonostante l’olio d’oliva stia perdendo terreno rispetto ad altri oli commestibili, il ministro dell’Agricoltura, Luis Planas, ha affermato che la dieta mediterranea rimane la base della dieta spagnola.

In Spagna, primo produttore mondiale di olio d’oliva, il consumo pro capite totale di olio d’oliva supera i sei litri pro capite, mentre nel mondo questo consumo raggiunge appena 0,41 litri”, si legge in una nota del ministero.

Il rapporto conferma inoltre che gli spagnoli hanno continuato a preparare in casa piatti a base di carne, verdure, uova e pesce, con un maggiore consumo di legumi.

“I cibi freschi, in particolare i latticini, la frutta e la verdura, rappresentano il 37,6% del volume della dieta domestica”, ha scritto il ministero. “Gli spagnoli privilegiano la salute, il sapore e la semplicità nelle preparazioni, come dimostra la loro preferenza per le insalate verdi e le preparazioni alla griglia.”

Nel complesso, gli osservatori e i partecipanti al settore dell’olio d’oliva si aspettano che questa tendenza si inverta quando la campagna agricola 2024/25 inizierà a ottobre.

Le precipitazioni superiori alla media nelle regioni produttrici di olio d’oliva più prolifiche del paese, combinate con la mancanza di sbalzi di temperatura durante la fioritura, hanno portato alcuni coltivatori ad essere cautamente ottimisti sul fatto che la produzione tornerà alla normalità.

La Spagna ha prodotto una media di 1,4 milioni di tonnellate all’anno nei cinque anni precedenti al raccolto storicamente basso del 2022/23. Se la produzione tornasse alla normalità, i prezzi dovrebbero stabilizzarsi tra i 3 e i 4 euro al chilogrammo all’origine, circa la metà di quelli attuali.

Di conseguenza, gli osservatori del settore dell’olio d’oliva ritengono che la domanda si riprenderà rapidamente, poiché molti consumatori hanno cambiato le loro abitudini di consumo di olio d’oliva, come l’acquisto di formati più piccoli e qualità inferiori, senza abbandonare definitivamente la categoria.

Non c’è abbastanza olio d’oliva disponibile per coprire la domanda “, ha affermato Juan Vilar, consulente strategico. Olive Oil Times in una patch per l’intervista di gennaio. Ma la domanda non è diminuita di molto… La gente non vuole abbandonare la categoria dell’olio d’oliva.”



 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Dove e quando vedere la qualità ‘Checo’? – La finanziaria
NEXT Sfilata del 20 luglio a Bucaramanga 2024: a che ora inizia e dove passa? / Novità di oggi