Scoprono una misteriosa pietra bianca su Marte e il suo aspetto lascia perplessi gli scienziati: “Dono geologico”

Scoprono una misteriosa pietra bianca su Marte e il suo aspetto lascia perplessi gli scienziati: “Dono geologico”
Scoprono una misteriosa pietra bianca su Marte e il suo aspetto lascia perplessi gli scienziati: “Dono geologico”

Ascoltare

Il rover Perseverance della NASA, che viaggia intorno a Marte, ha fotografato a pietra bianca che ha sconcertato gli scienziati, soprattutto per l’aspetto diverso e distante dal resto del territorio. Gli astronomi Lo hanno soprannominato Atoko Point e presentava un contrasto disparato con l’ambiente.

La scoperta è avvenuta mentre il robot senza pilota dell’agenzia spaziale americana viaggiava, nell’ambito di un’indagine approfondita, il canale del fiume Neretva Vallisnel cratere Jezero. Per evitare grossi massi che avrebbero potuto danneggiarne la struttura, il rover deviò e grazie a questo, si è scontrato con questa meraviglia geologica del pianeta rosso.

La pietra bianca, diversa dalle altre, si distingue per composizione e tonalità(Fonte: NASA/JPL-Caltech/ASU/MSSS)

È apparso in cima alla collina del Monte Washburn – come riportato dalla NASA in un recente articolo -, in un terreno di dune e suolo adatto alla circolazione di questo tipo di trasporti. Mentre passava, Perseveranza incontrò varie pietre, tranne quest’ultima Si è rivelato interessante e sorprendente per i ricercatori che osservano quotidianamente la superficie marziana.. Perché? La risposta sta nella sua consistenza e composizione. pirosseno e feldspato.

Brad Garczynski della Western Washington University di Bellingham, l’esperto responsabile della spedizione, ha dichiarato: “La diversità delle strutture e delle composizioni del Monte Washburn è stata una scoperta entusiasmante per il team, poiché Queste rocce rappresentano un sacchetto di doni geologici portati dal bordo del cratere e potenzialmente oltre.” Inoltre, ha sottolineato a proposito di Atoko Point: “Ma tra tutte queste diverse rocce, ce n’era una che ha davvero attirato la nostra attenzione.”

Il rover Perseverance della NASA stava viaggiando attraverso l’antico canale del fiume Neretva Vallis quando ha trovato la misteriosa pietra bianca(Fonte: NASA/JPL-Caltech)

La pietra È largo 45 centimetri e alto 35 centimetri.. La sua analisi è stata effettuata da SuperCam e Mastcam-Z di Perseverance, che hanno aiutato i ricercatori a capire che sarebbe un composto chimicamente unico.

Garczynski ha anche commentato che la diversità delle rocce trovate nel suolo di Marte può fornire un’istantanea più ampia dell’identità geologica e dei processi attraverso i quali è passato quel terreno. Molti di coloro che furono coinvolti nella spedizione assicurarono che i minerali che formavano il punto Atoko, Hanno avuto origine in una fonderia di magma sotterranea esposto sul bordo del cratere che ospita il canale del fiume Neretva Vallis. Intanto altri sostengono che sia riuscito a raggiungere quel punto anche grazie alle correnti d’acqua marziane.

In Nel luglio 2020, l’agenzia spaziale americana ha lanciato nello spazio il rover Perseverance con l’intento di tracciare e raccogliere la maggior quantità di dati dal suolo di Marte. Questo è stato progettato per rimanere lì per almeno un anno marziano, cioè 687 giorni terrestri. Ma dura molto più a lungo.

Terreno coperto dal rover Perseverance(Fonte: NASA/JPL-Caltech/Università dell’Arizona)

Attualmente è nell’ultima fase di la sua quarta campagna scientifica, alla ricerca di “prove di depositi di carbonato e olivina nell’Unità Margine, un’area lungo l’interno del bordo del cratere Jezero. Ad oggi il robot senza pilota ha coperto uno spazio di 200 metri, da Bright Angel al Dunraven Pass.

Il fine ultimo è scoprire le tracce microbiche della vita antica che possano chiarire cosa accadde secoli fa su quel corpo celeste. Grazie ai campioni e alla raccolta di informazioni sarà possibile studiare approfonditamente l’ambiente per poter insediare in futuro i primi insediamenti umani.

LA NAZIONE

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I genitori di “Cuti” Romero e Molina hanno ricordato gli esordi dei giocatori – Note – Rony en Vivo
NEXT Foto della casa di campagna e di famiglia di Gabriel Batistuta