Catturato per l’omicidio di Roberto Franco non ha accettato l’accusa di omicidio aggravato

Catturato per l’omicidio di Roberto Franco non ha accettato l’accusa di omicidio aggravato
Catturato per l’omicidio di Roberto Franco non ha accettato l’accusa di omicidio aggravato

Roberto Franco Charry

Foto: Archivio privato

Jean Carlo Bermúdez Camargo, 26 anni, è uno degli uomini accusati dell’omicidio dell’imprenditore Roberto Franco Charry, vittima di un sicario il 21 febbraio nel parcheggio di un edificio del Parque de la 93.

Leggere: Rivelano l’identità di uno dei coinvolti nell’omicidio di Roberto Franco

Charry è morto intorno alle 9:00 presso la Clinica El Country e le autorità sono riuscite a catturare Bermúdez, che era la persona alla guida della motocicletta su cui viaggiavano lui e l’altro sicario. Nel mezzo dello scambio di colpi, una scorta di una struttura di sicurezza privata è riuscita a ferire i due soggetti autori dell’aggressione, tuttavia, chi ha sparato a Charry è riuscito a scappare e la Polizia ha catturato solo il conducente della motocicletta.

Dopo l’attentato, il 22 febbraio, si è tenuta l’udienza per sporgere denuncia contro Bermúdez, accusato di omicidio aggravato in concorrenza eterogenea e fabbricazione, porto o traffico di armi e ricettazione come coautore.

La pena approssimativa per questo soggetto sarebbe di 33 anni, tuttavia, si è dichiarato non colpevole. Da parte sua, l’altro uomo che ha sparato a Franco è un latitante.

Potrebbe interessarti: Militarizzare Bogotà in tempi turbolenti: un’opzione valida?

Assassinio di Hernán Roberto Franco Charry

Hernán Roberto Franco Charry era il fratello dell’ex direttore della Dian, Camilo Franco, e si dedicava alla consulenza aziendale. L’uomo è stato vittima di un attacco da parte di un sicario quando è arrivato negli uffici di un’azienda dove stava per presentare i risultati di un audit effettuato su un’azienda privata.

Secondo il colonnello della polizia di Bogotá, Juan Carlos Arévalo Rodríguez, gli episodi di violenza si sono verificati quando la vittima “stava arrivando sul posto di lavoro situato nel Parque de la 93, dove operano gli uffici di una società di consulenza e consulenza. , lì il cittadino ( Roberto Franco) viene avvicinato da una persona che viaggiava in motocicletta e si verifica un attacco diretto con arma da fuoco.

Questi fatti sono accaduti mentre l’auto su cui viaggiava Franco stava entrando nel parcheggio dello stabile, lì, il soggetto che gli ha sparato riesce a mettersi dietro l’auto, aspetta che l’uomo scenda e commette l’aggressione, poi scappa. e riesce ad uscire dal parcheggio.

Leggi anche: Le persone con un reddito inferiore potrebbero ricevere uno sconto del 30% su Transmilenio

Nonostante gli uomini abbiano tentato di scappare, la moto su cui viaggiavano non funzionava. Inoltre, mentre si svolgevano i fatti, sono rimasti feriti dagli agenti di scorta di una struttura di sicurezza privata che si trovava nella zona.

Alla fine, il soggetto che ha sparato a Franc è scappato e il motociclista è rimasto disteso a terra ed è stato catturato. Dopo l’aggressione, Roberto Franco è stato trasferito alla clinica El Country, dove è arrivato con quattro ferite da arma da fuoco ed è morto intorno alle 9:00.

“Finora sono in corso le indagini pertinenti per individuare i responsabili. La vittima era un cittadino che lavorava nella consulenza aziendale. E oggi (21 febbraio) avevo appuntamento per denunciare alcune irregolarità riscontrate nel controllo effettuato da una società privata”, ha aggiunto il colonnello Arévalo.

Da parte sua, il generale di polizia Jose Gualdrón ha dichiarato il 22 febbraio a Blu Radio che Franco era già stato vittima di minacce, sulle quali si sta indagando.

Leggere: Nuova sparatoria a Bogotà: ha perso la vita un ex agente di polizia sulla 19esima strada e in Américas

“Franco aveva una sicurezza privata. Aveva cercato persone… Ha lavorato lì come uomo d’affari anche nell’ambito dei suoi lavori, ruoli di revisore dei conti che ha svolto nei magazzini e così via, e lì stava generando alcune azioni di risultati che, all’improvviso, hanno generato una situazione complessa,” – aggiunse il generale.

Infine, Jhonatan Romero, compagno di Franco, ha dichiarato a El Tiempo di non essere a conoscenza di nessuna delle minacce menzionate dalla polizia e ha precisato che il giorno dell’omicidio Roberto aveva appuntamento con un socio dell’azienda in cui lavorava. molto tempo fa, sei anni.

Per ulteriori notizie dalla capitale e da Cundinamarca, visita la sezione di Bogotà Lo spettatore.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il motivo per cui Pampito ha incrociato Laura Ubfal dal vivo in Intruders
NEXT Razionamento dell’acqua nella zona 3 di Bogotà: questi quartieri subiranno un taglio sabato 13 aprile