Questa intrigante serie Netflix coreana ambientata in una competizione infernale è il perfetto successore di “The Squid Game”

Questa intrigante serie Netflix coreana ambientata in una competizione infernale è il perfetto successore di “The Squid Game”
Questa intrigante serie Netflix coreana ambientata in una competizione infernale è il perfetto successore di “The Squid Game”

Uno spazio chiuso, un gruppo di sconosciuti, un’ambientazione quasi distopica… gli ingredienti perfetti

L’ombra di ‘The Squid Game’ è lunga, e non parliamo solo del boom delle serie coreane che dura ancora (e di ciò che resta: È la lingua più vista su Netflix dopo l’inglese, e soprattutto spagnolo), ma dell’influenza che ha avuto, esteticamente e a livello di trama. A cominciare dalla seconda stagione della serie stessa, che arriverà quest’anno, e proseguendo con curiosi spin-off come l’avvincente concorso autentico Netflix ispirato alle sue prove.

E sebbene esistano film e serie simili a ‘The Squid Game’ nel loro approccio a una società distopica simboleggiata da un insieme di regole criptiche e conseguenze letali (da ‘The Hunger Games’ ad ‘Alice in Borderland’, anch’esso coreano e uscito appena uscito un anno prima di ‘Il gioco dei calamari’), possiamo considerare ‘L’ottavo spettacolo‘, un ottimo sfruttamento diretto. È appena arrivato su Netflix e comprende e migliora tutto ciò che ci è piaciuto del successo originale.

In esso, otto persone che non si conoscono accettano di partecipare a un curioso concorso, all’apparenza innocente e innocuo: si trovano all’interno di un recinto che simula una piccola zona residenziale, e vivono in un edificio di otto piani. Ognuno riceve denaro ogni minuto che passa (in proporzioni diverse), ma difficilmente conosce le regole. La convivenza e l’ambizione saranno gli ostacoli maggiori per raggiungere il premio.

Tutti i codici che ci piacciono del sottogenere dei concorsi distopici (l’ambientazione qui non è particolarmente futuristica, ma il simulacro della società che si forma tra i concorrenti sì) sono qui: uniformi tanto cool quanto inquietanti, replica delle gerarchie sociali in piccola scala, simbolismo, regole che scoprono poco a poco, personaggi disparati e, in questo caso, anche l’influenza inaspettata di un altro grande pezzo distopico con regole folli: ‘The Hole’. Un ottimo modo per perdere la testa per un bel sacco di banconote.

Intestazione | Netflix

A Xataka | ‘El hoyo’: come è riuscito a diventare una delle poche distopie spagnole che funziona

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Ernesto, il gaucho di “Cuestión de peso” ha avuto un grave scompenso: è stato curato da SAME e la cosa ha preoccupato tutti