Anteprima settimanale degli episodi dal 3 al 7 giugno della serie Antena 3


In precedenza in “Original Sin”, Yildiz rende pubblica l’infedeltà del marito con Kümrü durante un evento affollato e Çagatay è pietrificato, incapace di reagire. Al momento, Yildiz dà a suo marito l’anello nuziale e lascia il posto. Çagatay cerca di seguire la moglie, ma Sedai gli consiglia di dargli tempo: “È meglio lasciarla sola adesso”. Da parte sua, Kümrü riceve il sostegno di suo padre quando la stampa la circonda in cerca di una dichiarazione.

Atresmedia

Tornato a casa, Dogan rimprovera sua figlia per essere stata nuovamente coinvolta con un uomo sposato e per aver preso in giro la famiglia. Kümrü insiste sul fatto che Çagatay è innamorato di lei e che è solo questione di tempo prima che lasci Yildiz. Dogan, però, non è convinto: “Quell’uomo cercherà di riprendersi la sua famiglia. Non gli importa affatto di te, capisci.”

Çagatay vuole riavere Yildiz in “Original Sin”

Questa settimana nella fiction Antena 3, la scoperta della storia d’amore clandestina tra Çagatay e Kümrü ha un effetto devastante sulla coppia di amanti. Da un lato, Çagatay sprofonda in una profonda solitudine dopo la partenza della moglie e del figliastro Halit Can dalla villa di famiglia. Nel frattempo, Kümrü si dispera quando vede il suo amante Non mostra alcuna intenzione di ufficializzare la loro relazione., anche adesso che la sua separazione dalla moglie è un dato di fatto. Dogan, con perspicacia paterna, fa capire a sua figlia che se Çagatay sarà costretto a scegliere tra lei e Yildiz, senza dubbio si sposterà verso quest’ultimo.

D’altro canto, Ender sembra mostrare un certo risentimento nei confronti di Yildiz per non aver condiviso con lei i suoi piani per smascherare suo marito, sebbene comprenda la necessità di mantenerlo segreto. Senza spazio per una seconda possibilità, dopo pochi giorni, Çagatay si avvicina a Yildiz e chiede una seconda possibilità: “So di aver fallito, ma se mi perdoni, prometto di lavorare duro per la tua felicità”. Lei rifiuta fermamente la sua offerta e chiarisce che porterà avanti la causa di divorzio.

Yildiz percepisce che Kümrü mantiene un segreto in “Original Sin”

instagram

Yildiz scopre poi che Dogan era a conoscenza della relazione tra Çagatay e Kümrü, ed è profondamente deluso: “Mi avete tradito. Pensavo di potermi fidare di te, ma vedo che mi sbagliavo. Ritornando al passato, dopo la conversazione con Dogan, Yildiz percepisce che Kümrü custodisce un segreto legato al suo passato, che, se scoperto, potrebbe essere usato contro di lei per distruggerla. Ancora una volta, Yildiz cerca l’aiuto di Ender per svelare il mistero che Kümrü lavora così duramente per nascondere, mentre Kümrü si prepara a reagire.

Colpo alla testa di Pilar Martínez

Pilar Martínez è una giornalista specializzata in contenuti televisivi e culturali, si è laureata in Giornalismo presso la Facoltà di Scienze dell’Informazione (Università Complutense di Madrid) nel 2018. Da allora ha lavorato nelle redazioni di Ecoteuve (El Economista ), dove ha lavorato il suo primo stage durante l’estate del 2016.

Successivamente, nello specifico, nel 2017 passa al gruppo Hearst Spagna, dove inizia la sua carriera nelle testate televisive: Supertele, Teleprograma, Telenovela. Ora collabora con Diez Minutos, nella sua versione web, dove si occupa di realizzare anteprime settimanali di fiction quotidiane sulla moda, nonché interviste e articoli su melodrammi o soap opera che sbarcano nel nostro paese e su quelli che devono ancora arrivare.

Un vero cacciatore di esclusive. A ciò si aggiunge la sua posizione di redattore capo della sezione romanzi narrativi della rivista Culturamas, un mezzo digitale di grande impatto a cui è associata dal 2013. Appassionata lettrice, appassionata di cinema e serie di alto livello, lei ha fatto della sua vocazione il tuo ufficio.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV 5 serie nascoste su Netflix che non puoi smettere di guardare
NEXT Virginia parla della malattia di Furia e problematizza il suo comportamento: “Noi non eravamo…”