“Il mondo intero gli diceva che non era l’attore giusto.” Il regista di ‘Intervista col vampiro’ difende la scelta di Tom Cruise nel ruolo di Lestat 30 anni dopo

“Il mondo intero gli diceva che non era l’attore giusto.” Il regista di ‘Intervista col vampiro’ difende la scelta di Tom Cruise nel ruolo di Lestat 30 anni dopo
“Il mondo intero gli diceva che non era l’attore giusto.” Il regista di ‘Intervista col vampiro’ difende la scelta di Tom Cruise nel ruolo di Lestat 30 anni dopo

Neil Jordan sostiene che la sua scelta dell’attore di ‘Mission Impossible’ è stata quella giusta

Ora che la seconda stagione di ‘Intervista col vampiro’ continua a deliziare i fan di Anne Rice, è curioso tornare al 1994, quando è stata presentata per la prima volta. l’adattamento cinematografico di Neil Jordan che vedeva Tom Cruise nei panni di Lestat. L’attore era già una star mondiale grazie a ‘Top Gun’ e aveva ricevuto una nomination all’Oscar per ‘Nato il 4 luglio’, però non tutti erano convinti del suo bis nei panni di un vampiro.

Un adattamento controverso

La scelta dell’attore per il ruolo di Lestat de Lioncourt ha causato un notevole rifiuto tra i fan del libro originale di Anne Rice. Ora, in un estratto dal suo nuovo libro di memorie pubblicato su The Telegraph, Il regista riflette sulla sua decisione di scegliere Cruise per il ruolo di Lestat e l’indignazione che suscitò, ricordando che originariamente aveva offerto il ruolo a Daniel Day-Lewis.

“Il problema era il casting di Lestat. Brad Pitt aveva accettato di interpretare Louis e in qualche modo dava per scontato che Daniel Day-Lewis avrebbe interpretato Lestat, un’ipotesi condivisa da Anne. L’ho offerto a Daniel, che l’ha letto e, come previsto, lei ha fatto.” non voleva interpretare il personaggio. Qualche anno prima, si era costretta su una sedia a rotelle per interpretare Christy Brown in “Il mio piede sinistro”. Avrebbe dovuto dormire in una bara per tutta la produzione se avesse seguito la stessa pratica. Quindi siamo andati avanti.”

Dopo aver incontrato Cruise due volte nella sua casa di Brentwood, Jordan se ne rese conto L’attore in realtà aveva molto in comune con Lestat, qualcosa che lo rendesse sicuro della sua decisione.

“Finalmente ho capito. Doveva vivere una vita lontano dallo sguardo degli altri. Aveva stretto un contratto con le forze occulte, qualunque esse fossero. Doveva nascondersi nell’ombra, anche alla luce del sole di Hollywood. Sarebbe stato per l’eternità. giovane. Era una star. Potrebbe anche essere Lestat.”

Jordan sottolinea che anche Cruise è un attore eccezionale, ma questo “quel dettaglio” si perse nell’indignazione che seguì alle elezioni:

“Sembrava che metà dell’America avesse letto i libri di Anne Rice e volesse contribuire al casting di Lestat. Anne stessa disse che era come se avessi scelto Edward G. Robinson per il ruolo di Rhett Butler. Ma si sbagliava e in seguito ebbe grande successo. abbastanza per ammetterlo.”

La performance di Cruise è stata apprezzata dalla critica ed è uno dei ruoli che definiscono il suo lavoro. In un’intervista con The Guardian, Jordan ha approfondito la questione.

“Deve essere stato molto difficile per Cruise trovarsi nel mezzo di quella reazione negativa. Il mondo intero ha detto: ‘Il tuo casting è sbagliato.’ modo che la gente amerà.” Ti sconvolgerà. Tom è diventato l’ultima star del cinema rimasta. È un po’ strano.”

In Espinof | La migliore serie del 2024

In Espinof | I 48 film più attesi del 2024

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Érika Zapata ha ricevuto un regalo speciale da un seguace durante la registrazione di Eye of the Night