Tini Stoessel e il significato intimo delle canzoni del suo nuovo album “Un mechón de pelo”

Tini Stoessel e il significato intimo delle canzoni del suo nuovo album “Un mechón de pelo”
Tini Stoessel e il significato intimo delle canzoni del suo nuovo album “Un mechón de pelo”

Il nuovo album di Tini Stoesselè una lettera melodica sul suo processo di guarigione. una ciocca di capelliche si può ascoltare sulle piattaforme digitali dall’11 aprile, è composto da dieci brani ispirati alle diverse sfide che la giovane ha affermato di aver vissuto, attraversando ostacoli personali e professionali.

Mi causava molto panico non dire alcune cose. A volte, per avere il coraggio di parlare, ci vuole tempo. Devi elaborare. L’album spiega ogni punto a cui sto cercando di arrivare. E chi vorrà capirlo, lo capirà. “Chi non lo fa, non lo farà”, ha spiegato il cantante in un’intervista pubblicata sulla rivista Rolling Stone.

Ore dopo l’uscita del suo nuovo album, sulla piattaforma Apple Musicapuoi trovare una piccola descrizione di ciò che ciascuna canzone rappresenta per Stoessel. “L’album stesso è basato su un processo di lutto, che inizia con lo shock iniziale e termina con una rinascita”, ha commentato sulla piattaforma. Inoltre, il “tinisti”, soprannome dei loro fan, hanno iniziato a condividere le storie dietro i testi sui social network.

Tini ha pubblicato “Pa”, la canzone emozionante che ha dedicato ad Alejandro Stoessel

Giorni prima del lancio ufficiale, Tini ha pubblicato tre video musicali come anteprima dell’album. Il primo di questi era il materiale tematico “Da”. È una canzone in cui approfondisce intimamente le sue emozioni e rende omaggio a suo padre, Alessandro Stoesselche ha avuto seri problemi di salute nel marzo 2022. Il cantante lo ha spiegato traccia È: “La goccia che fa traboccare il vaso”.

E ha anche commentato: “Mai in vita mia ho provato tanto dolore e tanta incertezza in così poco tempo. È stato uno shock molto grande perché, da un giorno all’altro, mio ​​padre è quasi morto. Vedere come tutte le persone con le loro storie di vita si sono identificate con questo argomento e hanno potuto dedicarlo, sentendo compagnia in un momento forse simile a quello che stanno attraversando. E il numero di lettere e video che mi sono arrivati ​​mi ha commosso moltissimo”.

“Ho sempre avuto questa personalità in testa: se parlassi o rispondessi qualcosa non andava, sarebbe stato peggio”. nei media, quindi ho tenuto molte cose per me. In questa canzone ripeto a me stesso molte di quelle etichette e parole che ho sentito dire su di me e che, nonostante ci credessi, ho deciso di non continuare a tacere. La Tini di oggi, la bionda, che parla con la Tini del passato dopo aver varcato quella porta, quel limite. Nel video è molto più chiaro, ma è quel confronto: la Tini che osa dire e la Tini che le volta sempre le spalle,” ha spiegato la cantante “Inviare”la seconda anteprima che ha dato dell’album.

Alejandro Stoessel ha espresso tramite X il suo sostegno alla nuova uscita di sua figlia

“Buenos Aires” è stata l’ultima anteprima che ha condiviso prima del lancio. Questo traccia Si è rivelata una delle canzoni che è stato più difficile per lui scrivere a causa dell’amore che ha per la città. Nel resoconto apparso su Apple Music ha espresso: “Sono nato a Buenos Aires e sono cresciuto lì. La mia famiglia, i miei amici e la mia casa sono a Buenos Aires. È il posto che amo di più. Da quando ho iniziato a lavorare e ad uscire, ho aspettato il giorno per tornare a Buenos Aires perché era il mio rifugio, la mia casa. Mi ci sono voluti 10 anni o più per sentire di nuovo quella libertà camminando per le sue strade, senza paura di dire la mia verità”.

“Angelo” È stata un’altra delle canzoni che ha fatto parlare di sé sui social network, poiché l’artista ha detto: “A volte, per guarire e comprendere, bisogna tornare al passato”. In questo brano racconta una storia in terza persona su suo padre, che nomina nuovamente con: “Tutto l’amore che ho per lui e quello che abbiamo vissuto come risultato di un momento nel 2008.” “Ángel” racconta com’è stato convivere con lo stigma che Stoessel aveva dopo aver avuto un padre produttore televisivo e il presunto “posizione comoda”. Secondo Tini: “Nel 2008, praticamente ha dovuto esiliarsi dal paese e non volevano nemmeno assumermi.”. Poi è arrivata la giustizia e, in un casting molto importante, quello di Violetta, sono stata scelta perché era una produzione europea, non argentina. È una delle canzoni più complesse dell’album, in cui tocco la mia infanzia, adolescenza e età adulta”.

“Violetta” è una serie televisiva argentina rivolta al pubblico giovanile, originariamente prodotta da Disney Channel America Latina in collaborazione con Pol-ka Producciones. È stato trasmesso tra il 2012 e il 2015, con un cast internazionale, Stoessel è il protagonista.

Il processo di produzione di una ciocca di capelli nasce dai gravi problemi di salute che Tini ha dovuto affrontare in passato, come depressione e ansia. “Paura”, “Nessuno di voi”, “Tinta 90″, “Loro” e “Buono”, completano l’album in questo viaggio introspettivo nelle esperienze personali del cantante argentino. “Seguo un processo di guarigione, ma sto raccontando tutte quelle cose che hanno costituito il mio passato. Argomenti di cui non parlavo da 15 anni o che sollevavo da due anni. Mi sento pronto per il prossimo capitolo. Vedrò cosa mi darà la vita, ma questo è tutto quello che volevo dire e basta. Me ne vado, torno da me.” ha concluso spiegando quanto sia intimo il suo nuovo album.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Netflix ti offre una dozzina di serie da guardare con tua madre questo fine settimana
NEXT Il reggaeton cubano Bebeshito vuole “dare la musica cubana a tutto il pubblico europeo” | Notizie su Cuba 360