“Star Wars” rivela cosa è successo al progetto di resurrezione di Palpatine e perché non è stato completato in “The Mandalorian”

“Star Wars” rivela cosa è successo al progetto di resurrezione di Palpatine e perché non è stato completato in “The Mandalorian”
“Star Wars” rivela cosa è successo al progetto di resurrezione di Palpatine e perché non è stato completato in “The Mandalorian”

Il Progetto Negromante è il piano di Palpatine per governare indefinitamente, un viaggio senza biglietto di ritorno che prevede l’utilizzo della tecnologia di clonazione Kaminoana per vivere per sempre. In “Star Wars: L’Ascesa di Skywalker”, Darh Sidious ritorna dalla morte, anche se il film non spiega come lo abbia fatto, poiché l’imperatore stesso commenta semplicemente di essere tornato attraverso metodi “che alcuni considererebbero innaturali”. Tuttavia, prodotti come “La Remesa Mala” o “The Mandalorian” hanno iniziato a svelare i dettagli di questa strategia. La serie con protagonisti Din Djarin e Grogu suggerisce che il progetto non sia completo in quel momento, dopo ‘Il ritorno dello Jedi’, ma perché?

Sia nel vecchio Universo Espanso che nel canone attuale, Sheev Palpatine fa del suo meglio per risorgere. Il Progetto Negromante fu lanciato durante i primi anni del suo regno come imperatore., come mostrato nella serie animata “La Remesa Mala”. Questo prodotto approfondisce gli esperimenti di clonazione avvenuti sul Monte Tantiss, lo stesso ambiente in cui Sidious aveva il suo laboratorio di clonazione in Legends. Cosa accadde perché il progetto non si concludesse in quegli anni?

Questo articolo contiene spoiler sulla trama dell’episodio finale di ‘La Remesa Mala’

Omega, un clone speciale tanto speciale quanto il resto dei membri della Squadra 99, è una delle chiavi per svelare il Progetto Negromante. L’Impero Galattico ha bisogno di sudditi con un livello di midiclorian nel sangue sufficiente a supportare la clonazione di Darth Sidious. Per questo motivo la tengono rinchiusa sul Monte Tantiss insieme ad altri bambini sensibili alla Forza. La giovane donna, addestrata dai fratelli, non esita a usare tutte le sue abilità per tentare la fuga. Nel frattempo, il capo del progetto Hemlock ordina che vengano prelevati campioni di sangue.

Hunter, Wrecker, Crosshair ed Echo vengono in soccorso, mentre Omega mette in atto un piano per fuggire una volta per tutte. La ragazza scatena un’enorme bestia che semina il caos nella base, aprendo un punto d’ingresso per la squadra. Poi i prigionieri vengono rilasciati e Rampart, un ex imperialista, esce di prigione e diventa una figura inaspettatamente cruciale. Ed è quello Nala Se, la scienziata kaminoana dietro la tecnologia della clonazione, è determinato a distruggere il suo lavoro e a distruggere il Progetto Negromante. In un susseguirsi di eventi, Rampart la segue al laboratorio e decide di ricattarla affinché gli dia informazioni sul progetto. Tutto sommato, Nala attiva un detonatore termico e fa esplodere tutto (compresi se stessi).

La cicuta finisce per morire durante l’assalto e The Bad Batch scappa vivo. Alla fine della serie, il governatore Tarkin, in seguito Gran Moff Tarkin, decide di chiudere il Progetto Necromancer e dirottare tutte le risorse sul progetto Morte Nera. Esiste ancora un collegamento tra gli eventi di ‘La Remesa Mala’ e ‘The Mandalorian’ e tanti interrogativi da risolvere, come è stato ripreso il progetto e cosa ha fatto Palpatine? Dopotutto, il Progetto Negromante era il piano imperiale con la massima priorità dell’imperatore.

“Star War: Il brutto lotto” Ora è disponibile integralmente su Disney+.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Le reti condannano il nuovo film di Netflix che “predice” l’indipendenza della Catalogna
NEXT Uno dei film post-apocalittici più sorprendenti dell’anno è appena arrivato su Prime Video – Movie News