Iniziano i negoziati per una “tregua globale” a Gaza – DW – 08/05/2024

Iniziano i negoziati per una “tregua globale” a Gaza – DW – 08/05/2024
Iniziano i negoziati per una “tregua globale” a Gaza – DW – 08/05/2024

Il nuovo ciclo di colloqui per raggiungere una tregua globale nella Striscia di Gaza è iniziato martedì (07/05/2024) al Cairo, con la partecipazione delle delegazioni di Egitto, Qatar, Stati Uniti e del movimento terroristico Hamas, e in attesa dell’arrivo di uno proveniente da Israele, ha riferito la televisione di stato egiziana Al Qahera News.

La rete, molto vicina ai servizi segreti del Paese nordafricano, ha indicato, citando una fonte anonima di alto livello della sicurezza, che queste delegazioni hanno avviato consultazioni “per completare le discussioni per raggiungere una tregua globale a Gaza”.

La fonte aggiunge che gli egiziani stanno compiendo “intensi sforzi” per “contenere la situazione” a Gaza, dopo che questa mattina l’esercito israeliano ha preso il controllo del lato palestinese del valico di Rafah, che collega l’enclave con la penisola del Sinai.

Allo stesso modo, ha indicato che l’Egitto “ha messo in guardia sulle ripercussioni negative della sospensione degli aiuti umanitari” a Gaza, soprattutto attraverso Rafah poiché è il passaggio attraverso il quale entra la maggior parte degli aiuti per i palestinesi.

L’Egitto esorta a “fermare l’escalation” di Israele

D’altra parte, Al Qahera News ha affermato che la delegazione egiziana ha comunicato alle autorità israeliane “la necessità di fermare l’escalation per evitare le conseguenze negative” di una potenziale invasione su larga scala della città di Rafah, dove più di un milione di abitanti di Gaza sfollati a causa della guerra.

Tuttavia non ha fatto riferimento all’arrivo della delegazione israeliana, anche se i media arabi hanno indicato che essa era già atterrata nella capitale egiziana.

Lunedì il gruppo islamico Hamas ha accettato la proposta di Egitto e Qatar per una tregua in tre fasi con Israele, che comprende un cessate il fuoco e uno scambio di ostaggi israeliani con prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato martedì che l’annuncio di Hamas “cerca di silurare l’ingresso” delle forze israeliane a Rafah, mentre il ministro della Difesa israeliano Yoav Gallant ha assicurato che l’operazione non si fermerà finché non sarà completamente eliminata. Hamas nella zona.

gs (efe, reuters)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Uruguay: avvertono che tra 72 ore pioverà quanto in tre mesi
NEXT AstraZeneca ha iniziato a ritirare il vaccino contro il Covid19 dopo aver appreso che provoca effetti collaterali