Hanno trovato un satellite disperso nello spazio da più di 25 anni

Hanno trovato un satellite disperso nello spazio da più di 25 anni
Hanno trovato un satellite disperso nello spazio da più di 25 anni

L’S73-7 era stato lanciato nel 1974 dagli Stati Uniti (Immagine illustrativa Infobae)

Dopo un quarto di secolo perso nell’immensità dello spazioUN satellitare sperimentale è stato riscoperto. Riguarda S73-7 che era stato lanciato in 1974 di Stati Uniti d’America. Ciò ha segnato un progresso significativo nella nostra comprensione degli oggetti celesti erranti e dei detriti spaziali.

Il satellite, conosciuto con il nome “Palloncino di calibrazione a infrarossi (S73-7)“, iniziò il suo viaggio nel vuoto dello spazio 10 aprile 1974. Lo ha fatto nell’ambito del programma di test spaziali del Aeronautica degli Stati Uniti.

Il lancio è stato effettuato tramite “Il sistema esagonale“, che ha consentito l’impiego dell’S73-7, 66 centimetri di larghezzada un satellite più grande noto come KH-9 Esagono una volta nello spazio. S73-7 mirava a raggiungere un’orbita circolare 800 chilometri di altezza.

Lo scopo originale dell’S73-7 era gonfiare e servire come target di calibrazione per le apparecchiature di telerilevamento, un obiettivo che fallì durante il dispiegamento, portando il satellite a perdersi nella vastità dello spazio e a diventare parte del crescente cimitero di spazzatura spaziale. Tuttavia, lo era riscoperto ad aprile grazie ai dati di tracciamento del 18 Squadrone di difesa spaziale delle forze spaziali degli Stati Uniti.

In un’intervista con Gizmodo, Jonathan McDowellastrofisico Centro Harvard-Smithsonian per l’astrofisicaha rivelato di aver esaminato i file di dati che mostravano il file scomparsa del satellite del radar in due occasioni precedenti, uno negli anni ’70 e uno negli anni ’90. McDowell ha spiegato che: “Il problema è che probabilmente ha una sezione radar molto bassa”. Ciò rende difficile il rilevamento sui radar.

Lo scopo originale dell'S73-7 era quello di gonfiarsi e fungere da bersaglio di calibrazione per apparecchiature di rilevamento remoto (Immagine illustrativa Infobae)
Lo scopo originale dell’S73-7 era quello di gonfiarsi e fungere da bersaglio di calibrazione per apparecchiature di rilevamento remoto (Immagine illustrativa Infobae)

“E forse quello che stanno monitorando è un dispenser o un pezzo del pallone che non si è aperto correttamente, per esempio.” ciò che non è metallo e non si vede bene sul radar“ha aggiunto l’astrofisico.

Identificare e tracciare gli oltre 20.000 oggetti in orbita rappresenta una sfida considerevole, poiché richiede il utilizzo di radar e sensori ottici terrestri per rilevare i detriti spaziali e assegnarli a un catalogo satellitare. Compiti a casa La situazione diventa ancora più complicata quando si tratta di recuperare oggetti perduti alla vista.come nel caso dell’S73-7.

Dopo il decollo, il le squadre di ingegneri sul campo hanno un’idea chiara della destinazione estremità del satellite e l’altezza alla quale si prevede che vari. Una volta registrate queste informazioni, hanno la capacità di monitorarne l’evoluzione e confrontarla con l’ultima posizione nota del satellite.

Tuttavia, modifiche nelle manovre previste o deviazioni orbitali del satellite implicano uno sforzo aggiuntivo dai tecnici per ricollocarla: “Se non sapete esattamente dove è stata effettuata la manovra, potresti avere difficoltà a localizzarlo“, ha spiegato McDowell.

Ecco perché la riscoperta di S73-7 è una pietra miliare importante per coloro che si dedicano al monitoraggio di migliaia di satelliti e detriti orbitali. Tuttavia, come chiarisce McDowell, con l’aumento del numero di satelliti lanciati nello spazio, il compito di monitorare e comprendere l’ambiente spaziale diventa sempre più complesso.

Jonathan McDowell ha spiegato che: “Il problema è che probabilmente ha una sezione radar molto bassa” (Immagine illustrativa Infobae)
Jonathan McDowell ha spiegato che: “Il problema è che probabilmente ha una sezione radar molto bassa” (Immagine illustrativa Infobae)

“Se si dispone di una serie di dati orbitali recenti e non ci sono molte cose che hanno orbite simili, probabilmente è una corrispondenza facile”, ha chiarito McDowell riguardo al processo di identificazione degli oggetti perduti. E aggiungo: “Se ti mancano uno o due articoli, non è un grosso rischio. Ma tu vuoi fare il miglior lavoro possibile.

Questa scoperta dimostra l’importanza di mantenere una sorveglianza costante sul nostro ambiente spaziale. Ma, allo stesso tempo, si stima che diventerà sempre più difficile a causa del numero di satelliti che verranno messi in orbita in futuro. Aver trovato l’S73-7 è una vittoria.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Guerra tra Israele e Gaza, in diretta | L’agenzia Onu per i palestinesi denuncia che Israele non lascia entrare gli aiuti attraverso il valico di Kerem Shalom | Internazionale
NEXT La miniera di Riotinto produrrà 10.000 tonnellate di rame nel primo trimestre del 2024