Cinque fatti deliranti, sorprendenti e scioccanti sulla politica in America Latina

Cinque fatti deliranti, sorprendenti e scioccanti sulla politica in America Latina
Cinque fatti deliranti, sorprendenti e scioccanti sulla politica in America Latina

Il detto che dice “il male di molti, la consolazione degli stolti” potrebbe benissimo essere applicato alla realtà politica attuale. Immersi in una profonda polarizzazione della Colombia, un Congresso dall’atmosfera rarefatta, una frammentazione tra 33 partiti e una campagna iniziale quando il Presidente della Repubblica non aveva nemmeno completato metà del suo mandato costituzionale, i cittadini potrebbero pensare che le cose non potrebbero andare peggio

Ma uno sguardo alle prime pagine dei giornali regionali mostra che anche lì non mancano gli elementi di scetticismo.

Primo. In Argentina, Il presidente Javier Milei È stato il protagonista musicale di un evento questo mercoledì sera. Sì. Musicale. Con la voce roca e una lunga giacca di pelle nera, il presidente si è vestito da rockstar e ha cantato durante la presentazione del suo ultimo libro nel leggendario stadio Luna Park di Buenos Aires.

El Universal e El Excelsior del Messico.

Foto:Archivio EL TIEMPO.

“Caro, volevo farlo perché volevo cantare”, ha detto mentre cantava con una band la sua versione di “Panic show” del trio rock argentino La Renga.

“Al raduno di mercoledì al Luna Park Javier Milei Ha nuovamente indicato il profilo con cui preferisce essere riconosciuto. Non è quella di un leader politico. Né quello di un capo di Stato. A Milei piace essere riconosciuto come un profeta stravagante. La presentazione di Capitalismo, socialismo e trappola neoclassica, il suo nuovo lavoro pubblicato da Planeta, è diventata parte di uno spettacolo in cui cantava come protagonista di una band”, dice in prima pagina La nazione l’analista Carlos Pagni.

“La messa in scena di questo mercoledì è stata un’altra puntata della macchina scenica di La Libertad Avanza. Lo scopo principale è quello di evidenziare l’eccentricità del Presidente. Quei tratti che, sintetizzati nel modo in cui si scompiglia i capelli, ci ricordano che è una persona diversa, impossibile da identificare con i tratti convenzionali di un politico. Questo è lo scopo della leadership oggi: attirare l’attenzione e prendere le distanze dalla “casta”. aggiunge Pagni, professore di Storia all’Università Nazionale di Mar del Plata e editorialista del quotidiano.

Il presidente argentino, Javier Milei, canta durante la presentazione del suo nuovo libro.

Foto:AFP

Secondo. Più in alto sulla mappa, in Ecuador è riportato questo Il presidente Daniel Noboa non ha mantenuto con Veronica Abad, la sua vicepresidentenon una sola conversazione da quando entrambi hanno vinto le elezioni.

La situazione tra i due è sempre più tesa perché l’attuale presidente vuole essere rieletto e dovrà dimettersi dal suo incarico alla fine dell’anno, 45 giorni prima delle elezioni per fare campagna elettorale, quindi dovrebbe cederle l’incarico. Dato che non gli piace, la spinge a dimettersi.

“C’è tutto il governo dietro. Le molestie e le persecuzioni politiche sono molto evidenti. Non sto parlando di qualcosa in cui credo: sta accadendo. L’Ecuador deve reagire a questo oltraggio. Abbiamo una Costituzione che va rispettata. Sono qui perché il popolo ecuadoriano mi ha dato il diritto di essere vicepresidente. Questo ha a che fare con la democrazia, che è sacra. Ci deve essere il massimo rispetto per l’ordine costituzionale”, ha detto ad Abad in un’intervista al giornale. PAESE.

Daniel Noboa, presidente dell’Ecuador.

Foto:Immagini Getty

Terzo. Il chavismo usa tutto il suo potere contro María Corina Machado. Tutti i sondaggi mostrano che c’è un’alta possibilità che i sondaggi dicano basta a Nicolás Maduro e lo rimuovano dal potere.

In questo processo, Maduro ha imprigionato, perseguitato e posto il veto a tutti gli oppositori al punto da vietare al leader più popolare della storia recente di partecipare alle elezioni.

Lei, consapevole delle possibilità di cambiamento, ha continuato nella campagna, ma per sostenere Edmundo González Urrutia, candidato alla presidenza del Venezuela dall’opposizione alle prossime elezioni del 28 luglio.

Maduro ha poi costretto le autorità elettorali a mettere la sua faccia sulla tessera per 13 volte, coprendo tutta la parte superiore, senza lasciare spazio a nessun altro candidato.

Come se ciò non bastasse, visto l’evidente vantaggio, il regime sta ora attaccando la campagna dell’opposizione. María Corina è riuscita a risvegliare un entusiasmo che finora non ha eguali negli anni del chavismo. Durante il suo tour porta con sé i poster di Edmundo in modo che la gente possa conoscerlo.

Edmundo González Urrutia e María Corina Machado

Foto:EFE/ Rayner Peña R.

Dopo le soste che fanno per mangiare, bere una bibita o dormire, arrivano le autorità e chiudono i negozi dopo aver preteso tutti gli scontrini, i pagamenti delle tasse e i documenti che nessuno aveva pensato di avere.

Camera. Daniele Ortega Rinchiude persino suo fratello. Il presidente del Nicaragua e sua moglie, Rosario Murillo, controllano assolutamente tutta la politica del paese e non permettono nemmeno una spaccatura. In questo processo, hanno imprigionato i loro avversari, li hanno torturati, li hanno espatriati in una catena di eventi che ha pochi paragoni sul pianeta.

E, se ciò non bastasse, alcuni giorni fa degli agenti di polizia si sono presentati a casa di Humberto Ortega Saavedra, fratello del presidente del Nicaragua ed ex capo dell’esercito del Paese.

Secondo il giornale La stampagli agenti della Polizia Nazionale accorsi lo hanno avvertito che da quel momento in poi avrebbe dovuto denunciare ogni suo movimento.

Daniel Ortega e Humberto Ortega

Foto:x: ElPais

Martedì scorso, la polizia ha riferito in un comunicato che il generale in pensione, 77 anni, era stato affidato alle cure di a “Unità di assistenza medica specializzata” installato nella sua casa, che i media in esilio nicaraguense ritengono sia un eufemismo che nasconde una misura di arresti domiciliari.

L’anno scorso, il governo Ortega ha deportato negli Stati Uniti 222 oppositori che teneva in prigione.

Considerandoli “traditori del Paese”, Ortega ha privato questi dissidenti e successivamente altri 96 della loro nazionalità e, ovviamente, ha confiscato i loro beni.

A Sergio Ramirezscrittore e politico, che ha perso la cittadinanza sotto l’accusa di “cospirazione golpista”, il governo presidenziale Gustavo Pietro Gli offrì la cittadinanza colombiana, offerta che Ramírez accettò con gratitudine.

Così è rimasta la scena crollata durante il comizio elettorale del candidato presidenziale messicano Jorge Álvarez Maynez.

Foto:AFP

Quinto. La prima pagina del diario L’universale Questo giovedì è scioccante. Nella parte in alto a sinistra ci sono quattro foto che mostrano la scena di una manifestazione politica conclusasi in una dolorosa tragedia quando la piattaforma crollò accecando la vita di nove persone e ferendone altre 70. In effetti, al momento della stesura di queste righe è stato riferito che il numero delle vittime potrebbe aumentare.

“Nella notte di questo mercoledì 22 maggio, alla chiusura della campagna della candidata Lorenia Canavati del Movimento Ciudadano, una struttura è caduta a causa dei forti venti che si sono verificati nel comune, dove si trovava anche il candidato alla presidenza Jorge Álvarez Máynez .”, afferma il quotidiano messicano.

“Jorge Álvarez Máynez ha assicurato che l’incidente accaduto a San Pedro, dove a causa del forte vento un palco è caduto sui sostenitori del Movimento Cittadino (MC) “è stato atipico”, fatto per il quale è “triste e sgomento” e si rammarica di ciò è successo”, aggiunge questo giornale.

“È molto triste. È già noto l’incidente avvenuto a Nuevo León, a San Pedro, nell’area metropolitana di Monterrey, in cui hanno perso la vita fino ad ora e speriamo che i feriti si muovano, nove persone, la maggior parte donne, una bambino, e ci sono diversi feriti che “Sono ricoverati in ospedale da ieri sera, sono in cura, inviamo le nostre condoglianze alle famiglie di coloro che hanno perso la vita, siamo molto dispiaciuti”, ha detto il presidente. Andrés Manuel López Obrador.

Questa istantanea della realtà politica dell’America Latina mostra che, nonostante ciò che si sperimenta in Colombia, ci sono altri spazi in cui le situazioni producono stupore.

ARMANDO NEIRA, REDATTORE POLITICO DI EL TIEMPO.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Russia minaccia gli Stati Uniti di “conseguenze” dopo l’attacco alla Crimea
NEXT Li riconosci? Le spese “vampiro” e “fantasma” che ti svuotano le tasche senza che tu te ne accorga