Gli Stati Uniti definiscono “offensive” le dichiarazioni di Netanyahu – DW – 20.06.2024

Gli Stati Uniti definiscono “offensive” le dichiarazioni di Netanyahu – DW – 20.06.2024
Gli Stati Uniti definiscono “offensive” le dichiarazioni di Netanyahu – DW – 20.06.2024

Le dichiarazioni del primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu riguardo ai ritardi nella consegna degli aiuti militari statunitensi a Israele sono “profondamente deludenti e certamente offensive”, ha affermato giovedì (20/06/2024) John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale gli Usa avevano espresso preoccupazione per le parole del premier.

“Penso che abbiamo reso molto chiaro ai nostri interlocutori israeliani, attraverso vari mezzi, il nostro profondo disappunto per le dichiarazioni espresse in quel video e le nostre preoccupazioni circa l’accuratezza delle dichiarazioni in esso contenute”, ha detto Kirby. “L’idea che avessimo smesso di aiutare Israele non è del tutto esatta”, ha aggiunto.

“Questi commenti sono stati profondamente deludenti e certamente offensivi, dato il sostegno che abbiamo fornito e continueremo a fornire”, ha detto il funzionario americano. “Nessun altro paese fa di più per aiutare Israele a difendersi dalla minaccia di Hamas e da altre minacce regionali”, ha detto durante un’apparizione ai media.

“Non sappiamo di cosa sta parlando.”

In un video pubblicato due giorni fa sul social network Washington stava lavorando per eliminare queste restrizioni. “Non sappiamo davvero di cosa stia parlando”, aveva risposto martedì la portavoce della Casa Bianca Karine Jean-Pierre.

Secondo il capo della diplomazia americana, Antony Blinken, Washington “continua a rivedere” una specifica consegna di bombe a Israele, che era stata sospesa per paura che potessero essere usate a Rafah, ma il resto della fornitura viene effettuato “normalmente”. “. Questo stesso giorno, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan e lo stesso Blinken dovrebbero incontrare gli alti consiglieri israeliani per parlare del conflitto a Gaza.

La reazione molto secca della Casa Bianca non è il primo episodio di tensione con il capo del governo israeliano dall’inizio del conflitto, il 7 ottobre, da quando il rapporto tra Netanyahu e il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, è è complicato.

DZC (AFP, Reuters)

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un argentino in viaggio attraverso la Slovacchia ha registrato il robot che gli serviva il caffè: “Questo lascerà fallire diversi bar”.
NEXT Chi è Mazzi Dumato, il miliardario finito in povertà dopo aver donato l’intero suo patrimonio per una causa nobile