Emerge una nuova teoria e lo zio del minore solleva sospetti

Emerge una nuova teoria e lo zio del minore solleva sospetti
Emerge una nuova teoria e lo zio del minore solleva sospetti

È passata più di una settimana dalla scomparsa di Prestito Danilo Peñaun minore di soli cinque anni di cui non si sa dove si trovi dallo scorso 13 giugno in Argentina, quando sarebbe uscito dalla casa della nonna per cercare arance, nel contesto di un pranzo in famiglia nella provincia di Corrientes.

Secondo le autorità transandine, il bambino ha percorso una distanza di 576 metri per raggiungere gli aranci. Non avrebbe fatto quel viaggio da solo, ma in compagnia di suo zio, Antonio Beniteze un paio di amici dell’adulto.

L’ULTIMO

Questi tre soggetti sarebbero gli ultimi a vedere il bambino e si trovano attualmente in custodia cautelare per il reato di abbandono della persona. Come dichiarato William Barryuno dei pubblici ministeri che si occupano del caso, “finché Loan non comparirà, sono gli unici responsabili“Sono loro che sanno cosa è successo.”

Turnaround nel caso del prestito

Quando è stata annunciata la scomparsa, la prima ipotesi era che Loan si fosse disperso per conto suo. Tuttavia, più di una settimana dopo quanto accaduto, La polizia presume che il bambino sia stato rapito; Pertanto, la teoria di partecipazione di terzi.

Prestito Peña ha 5 anni ed è scomparso dal 13 giugno (file)

Secondo quanto riferito da C5N, lo ritiene la Procura argentina Il ragazzino è stato rapito a scopo di tratta (prostituzione o sfruttamento sessuale). “Saranno effettuati test con luminol e cani nelle auto degli imputati per individuare tracce del minore”, hanno affermato i media sopra citati.

Vai alla nota successiva

L’ipotesi del rapimento è ulteriormente rafforzata dal fatto che i tre fossero adulti Si sono rifiutati di rilasciare dichiarazioni. Inoltre, la ricostruzione del caso è stata possibile grazie alle testimonianze dei bambini presenti al pranzo in famiglia.

Gli ultimi procedimenti annunciati consistono in relazioni di esperti ai numeri di telefono dei partecipanti all’incontro familiare, compresi i tre adulti presumibilmente coinvolti. Parallelamente, la polizia effettuerà un sopralluogo telefonico delle antenne dislocate nella zona, con l’intento di individuare un dispositivo che possa fornire eventuali indizi.

“Questo è noto gli stessi imputati hanno telefonato. I tre hanno portato Loan insieme ad altri bambini ad un arancio a pochi metri dalla casa della nonna e hanno telefonato non appena si sono accorti di averlo perso di vista”, ha riferito C5N.

Il motivo speciale per cui la famiglia di Loan dubita di suo zio

Benítez attira non solo l’attenzione della polizia, ma anche i sospetti della famiglia di Loan. La zia materna del minore, Lidiaha spiegato il motivo principale per cui dubitano della sua presunta innocenza.

L’ultima foto di Loan prima della sua scomparsa. L’immagine è stata catturata durante il pranzo in famiglia (Infobae)

Dopo essere stati informati della scomparsa, lei e il marito sono usciti in moto per collaborare alle ricerche: “Quando venivamo qui, Abbiamo incontrato Antonio, che era senza maglietta.. In quel momento non attirò la mia attenzione perché non sapevo con chi fosse il ragazzo. Quando ripensavo a quei giorni, Ero preoccupato per il motivo per cui era senza maglietta.“, ha detto a TN.

La cosa più strana per Lidia è che sapeva che Benítez indossava una maglietta a maniche lunghe quando è andata a cercare il bambino, ma quando lo hanno incontrato era a torso nudo.

Si precisa che la maglia è al vaglio delle forze dell’ordine, al fine di individuare eventuali tracce del prestito.

Tutto su Eventi

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Chi è Mazzi Dumato, il miliardario finito in povertà dopo aver donato l’intero suo patrimonio per una causa nobile