In Spagna vengono scomunicate dieci suore in conflitto con il Vaticano che non riconoscono papa Francesco

In Spagna vengono scomunicate dieci suore in conflitto con il Vaticano che non riconoscono papa Francesco
In Spagna vengono scomunicate dieci suore in conflitto con il Vaticano che non riconoscono papa Francesco

Ascoltare

MADRID.- Le dieci clarisse spagnole in aperto conflitto con il Vaticano da un mese Furono ufficialmente scomunicati dopo una lite per problemi immobiliari e l’accusa di appartenenza ad una settaha annunciato sabato l’arcidiocesi di Burgos.

“Il 22 giugno, l’arcivescovo di Burgos, commissario pontificio e legale rappresentante dei monasteri di Belorado, Orduña e Derio, ha comunicato a tutti e a ciascuno il decreto di scomunica e la dichiarazione di rinuncia (espulsione) ipso facto dalla vita consacrata. dieci sorelle che sono incorsi in uno scisma“si legge in un comunicato pubblicato sul sito dell’arcivescovado.

L’arcivescovo di Burgos, Mario Iceta, ha ricevuto il giorno prima una “dichiarazione di ‘separazione volontaria’ da tutti e ciascuno, pervenuta tramite burofax”, una lettera autenticata che ha valore di prova in tribunale. “Sono le stesse suore che hanno manifestato la loro libera e personale decisione di lasciare la Chiesa cattolica”il testo specificato.

Nel caso, l’arcivescovo di questa città della Castilla y León, nel nord della Spagna, e le suore di Santa Clara de Belorado, cittadina di 1.800 abitanti situata a circa 50 km da Burgos, sono uno di fronte all’altro da un mese.

Il 13 maggio, questa comunità di 16 suore residenti nel convento di mattoni del XV secolo ha suscitato stupore annunciando la rottura con la Chiesa cattolica, in un “manifesto” di 70 pagine accompagnato da una lettera pubblicata sui social network.

La lettera, firmata dalla madre superiora, suor Isabel de la Trinidad, denunciava la “persecuzione” di cui sarebbe vittima la comunità, impegnata da diversi anni in un confronto immobiliare con la sua gerarchia.

Il portavoce delle Clarisse di Belorado, José Ceacero, appare davanti ai media, nel Convento di Belorado, il 15 maggio 2024, a Belorado, Burgos, Castilla y León (Spagna). (Europa Press)Europa Press – Europa Press

Nel 2020 le monache hanno raggiunto un accordo con il vicino vescovado di Vitoria per acquistare il convento di Orduña, nei Paesi Baschi, ma la vendita alla fine è fallita. La transazione è stata “bloccata da Roma”, hanno detto le suore.

Anche le monache di Belorado hanno criticato un presunto Il “caos dottrinale” vaticano, che accusano di incorrere in “contraddizioni” con i loro “linguaggi doppi e confusi”. Inoltre non riconoscono Papa Francesco e hanno annunciato di essere ora sotto l’autorità di un sacerdote scomunicato, Pablo de Rojas Sánchez-Franco. Il religioso, fondatore de La Pía Unión de San Pablo Apóstol, Afferma di appartenere al “sedevacantismo”, corrente che considera eretici tutti i papi succeduti a Pio XII. (1939-1958), dopo l’insediamento di Giovanni XXIII e la convocazione del Concilio Vaticano II. Per questo motivo ritiene che attualmente non esista un sommo pontefice valido. È stato scomunicato nel 2019 dall’arcivescovo di Burgos.

Dopo la lettera delle suore, l’arcivescovo incaricato dal Vaticano di risolvere la questione ha lanciato prima un appello al dialogo. Ma quando le sorelle rifiutarono, alla fine chiese loro di comparire davanti a un tribunale ecclesiastico per confermare la sua decisione..

Le suore ribelli affermano di non riconoscere quel tribunale e descrivono la procedura come una “farsa”.

”Questo non è un evento frequente nella Chiesa cattolica. La scomunica è la misura sanzionatoria più grande nel diritto canonico, poiché significa la privazione dell’unione con la Chiesa e, quindi, di tutti i suoi beni spirituali. Si verifica solo nei casi più gravi di reato canonico”, ha affermato il teologo Luis Santamaria, fondatore della Rete Iberoamericana per lo Studio delle Sette (Ries).

”Il suo scopo principale non è la punizione, ma piuttosto la guarigione di una ferita e la pedagogia”Santamaria ha detto. “Nel caso specifico delle monache Clarisse di Belorado, una volta dichiarata ufficialmente oggi la scomunica, non potranno più essere considerate monache cattoliche, ed è normale che abbandonino un monastero che non è più il loro luogo”, ha spiegato. notato.

Ha detto però che rimarranno nel monastero le sorelle che non sono incorse nella scomunica, non sostenendo lo scisma, cioè cinque sorelle maggiori e altre tre che non ci sono, ma appartengono alla comunità.

Agenzia AFP

LA NAZIONE

Conosci il progetto Trust
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT Chi è Mazzi Dumato, il miliardario finito in povertà dopo aver donato l’intero suo patrimonio per una causa nobile