Il mondo degli e-book è sbarcato anche al Salone del Libro

Il mondo degli e-book è sbarcato anche al Salone del Libro
Il mondo degli e-book è sbarcato anche al Salone del Libro

Anche nella società rurale il tradizionale ha lasciato il posto al nuovo con i libri digitali. Quali sono le sue molteplici caratteristiche.

Riesci a immaginare di poter trasportare una libreria completa in un unico dispositivo? Quell’alternativa è diventata realtà grazie agli e-book, e alla Fiera del Libro di Tucumán quell’universo di possibilità si è aperto a tutti i partecipanti.

Queste versioni digitali e in alcuni casi migliorate dei libri tradizionali possono essere lette su dispositivi elettronici come tablet o smartphone.

Gli e-book possono contenere anche testi, immagini, link e perfino contenuti multimediali, con il vantaggio della portabilità, dell’accessibilità istantanea e della possibilità di archiviare un gran numero di libri in un unico posto.

A fornire uno sguardo su questo mondo che sta conquistando sempre più seguaci, la redazione Alessandro Rivadeneira po’ di inchiostro e Costanza Toro di Libros Tucumán, ha parlato con il coordinatore della comunità Escriva, Marco Rossi Peraltahanno presentato tutta la loro conoscenza sull’argomento.

“La novità di pensare all’e-book in uno spazio come questo dà riconoscimento anche all’oggetto stesso”, hanno riconosciuto i relatori nel dialogo con LA GACETA.

Le sue CARATTERISTICHE

“Essendo un oggetto digitale, i testi sono espressi in pixel, su schermi, in circuiti, in righe di codice”, ha descritto Alexander l’e-book, per iniziare a parlare dalle basi per chi non si è ancora avvicinato a questa forma di lettura .

PROBABILITÀ. Questo formato ha più di un formato disponibile.

Mentre Constanza ha aggiunto: “sono progettati per essere letti da cima a fondo e di solito hanno un focus più profondo e continuo su un argomento rispetto a un formato fisico”.

Marcos è andato un po’ oltre e ha voluto sottolineare che non esiste un’unica edizione di un libro digitale. “Oggi coesistono diverse forme di e-book. Da un lato ci sono gli e-reader con lettori come il Kindle, che cercano di simulare e assomigliare in modo impressionante a un libro di carta. In questo senso, Amazon è la grande libreria e il grande mercato per questa opzione”.

“Coesiste anche con altri formati come EPUB che permette di lavorare con libri che includono audio, immagini, video e che sono leggibili su telefoni cellulari e computer”, ha aggiunto.

Fiera del Libro di Tucumán: cultura, arte e gastronomia si incontrano nella Rural

E precisa: “Inoltre continuano a circolare e vengono scelti in molti casi i formati PDF, che in generale hanno sempre più supporto visivo e una veste grafica più attenta e colorata”.

I suoi vantaggi

Poiché le possibilità dei libri digitali non sono poche, anche le loro virtù sono numerose.

“Uno dei punti importanti da tenere a mente è che rappresentano un’ottima alternativa alla carta, per alcuni importanti motivi. Oggigiorno è diventato sempre più difficile stampare un libro, soprattutto per i piccoli editori”, ha affermato Rivadeneira.

PER I PIÙ NOSTALGICI. Esistono opzioni di e-book simili al formato cartaceo con l’obiettivo di essere più amichevoli per il lettore tradizionale.

“Per quanto riguarda questo, ha anche un grande potenziale di diffusione e un grande potenziale di editing come oggetto digitale”, ha aggiunto.

“D’altra parte bisogna sottolineare la versatilità dei suoi formati, perché ad esempio esiste il PDF, che è forse la tipologia di documento digitale più conosciuta e al suo interno non solo si può scrivere, ma si possono memorizzare disegni o modificare l’impaginazione del testo nella pagina è diversa da quella del foglio”, ha aggiunto.

“Nel frattempo ci sono altri formati, come l’I-pad, che permettono l’adattabilità ai diversi schermi su cui vengono visualizzati”, ha spiegato Rivadeneira.

“Possiamo anche trasportare molti libri su un solo telefono cellulare o su un piccolo e leggero lettore e averli a disposizione sempre e ovunque”, ha aggiunto Toro sull’argomento.

A sua volta, a quel punto rimarcava: “contrariamente a quanto si crede, riposiamo gli occhi perché possiamo ingrandire il carattere e l’interlinea; D’altra parte, puoi aggiungere segnalibri, note ed effettuare ricerche in pochi secondi, oltre a cercare termini e tradurre.”

Rossi, dal canto suo, ha detto: “per contenuti pratici o didattici sono superlativi”.

“Ti aiutano a entrare in un nuovo modo di leggere che, sebbene sia ancora in fase di sviluppo ed esplorazione, è anche pieno di sorprese che ci invitano a ripensare ciò che rende un libro un libro”, ha spiegato.

Allo stesso tempo ha sottolineato un punto fondamentale per sceglierlo: il libro digitale costa meno.

“Eliminando tutto ciò che riguarda la stampa dall’equazione del processo editoriale, i costi diventano molto più bassi, e ci sono anche iniziative di editori ad accesso gratuito, cosa che sarebbe totalmente impossibile nel formato cartaceo”, ha spiegato l’esperto.

Costruzione sociale

Interrogato sui motivi per cui oggi una comunità sempre più numerosa sceglie di lavorare e leggere e-book, Rossi ha indicato: “ci interessa l’interattività che il libro digitale consente, poiché con un solo clic il lettore può contattare l’autore o l’editore .”

“In questo modo si può dare un contributo alla costruzione di un libro e questo diventa una scrittura più collettiva” – ha commentato e ricordato – “l’autore può anche modificare più volte il suo lavoro, aggiungendo contenuti, migliorandolo, fornendo soluzioni in caso di i libri più complessi”. manuali pratici o didattici.

“In questo modo i libri sono costruiti in modo più sociale. Mentre la diversità dei formati supportati apre all’infinito le possibilità di interazione e integrazione di un libro su Internet”, ha affermato Marco.

Perché scoprirli

Sebbene nei locali della Società Rurale sia stato formalmente lanciato l’invito ad immergersi nei libri digitali, è bene rivedere questo invito per tutti.

“Inviterei più persone per lo stesso motivo per cui inviterei più persone a leggere libri di carta”, ha considerato Constanza.

«Lì troviamo quello che cerchiamo, letture leggere o profonde, per svago o lavoro, che ci fanno ridere o piangere, che ci fanno innamorare, imparare, avere voglia», ha precisato.

Alexander, dal canto suo, ha chiesto che il format non venga sottovalutato prima di conoscerlo.

“Sebbene il libro fisico abbia qualcosa di insostituibile, che riconosco e mi sembra fondamentale, l’ebook è un’ulteriore estensione o manifestazione di ciò che è digitale e quindi ha il potenziale per crescere molto”, ha riflettuto.

“Le sue caratteristiche possono portarlo a diventare qualcosa di ancora più coinvolgente poiché non si tratta solo di parole su uno schermo, ma è solo una parte in più di una cosa più grande. Inoltre, può essere anche molto divertente avere qualcosa del genere tra le mani”, ha concluso.

“È un modo diverso di leggere in cui si possono godere formati che non possono esistere nel libro fisico, poiché consentono l’interattività”, ha affermato Rossi.

Per poi concludere: «Alla fine del percorso sarà la dedizione dell’autore, la durata di cui il libro ha bisogno, il tempo e il suo lavoro di produzione, a fare da gancio».

Cosa puoi fare oggi

– Alle 14:30: il comune della capitale presenta teatro e racconti per bambini.

– Contemporaneamente: letteratura romantica per adolescenti, con le libraie Agustina Rivadeneira, Micaela Avellaneda e Milagros González.

– Alle 15:00: presentazione di “Il piccolo Luis e gli oggetti magici” di Alejandra Burzac Sáenz.

– Alle 15:30: laboratorio di disegno “Animazione illustrata con la tecnica dello stop motion – Produzione di fanzine – Creazione di personaggi – Caricature”, condotto da César Carrizo.

– In contemporanea, presentazione di “Storie accanto ai fornelli”, a cura di María Julia Lisi.

– Alle 16:00: dibattito “Poesia in rete vs. poesia illustrata”, con Marx Bauzá, Ricardo Gandolvo e Horacio Baca.

– Alle 16:30: presentazione dei libri “Sabores de mi vida”, di Víctor Medrano, e “Butterfly mutants”, di Eliana Costilla. Organizzato dal Comune di Famaillá.

– Alle 17:00: tavolo narrativo con Dani Escobar, Santiago Garmendia e Alejandro Nicolau.

– Alle 17:30: presentazione di “Mama Antula”, di Honoria Zelaya de Nader.

– Ore 17:45: “La scrittura letteraria protagonista nella scuola secondaria”. Dialogo tra María Laura Rojas Moreno, María de los Ángeles Luján e Gustavo Luján.

– Ore 18:00: reading di numerosi autori e laboratorio letterario “Don Chisciotte”.

– Allo stesso tempo viene presentata Música Famaillá.

– Alle 18:10: presentazione del libro “Pirincho Juan” di Juan Gelosi. Moderano Cecilia Canevaria e Ana Levy Hynes.

– Alle 19:00: tavolo di poesia con Marcos Rossi Peralta, Lourdes Jiménez Ortiz, Horacio Baca e Nacho Jurao.

– Alle 20: tavolo di poesia con Gastón Córdoba, Pablo Toblli, Natalia Trouvé e Fernando Flores.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

NEXT La vicina di Lydia Davis, serie di luglio