Un testimone dice che la colpa è di Beth Ann White nell’incidente mortale

Un testimone dice che la colpa è di Beth Ann White nell’incidente mortale
Un testimone dice che la colpa è di Beth Ann White nell’incidente mortale

JACKSON, signorina. (WLBT) – Quasi una dozzina di altri testimoni sono stati chiamati sul banco dei testimoni per testimoniare nel processo DUI di Beth Ann White mercoledì.

Nuove prove emergono dai pubblici ministeri mentre lavorano per convincere la giuria che White era ubriaco e correva al semaforo, uccidendo una madre e il suo bambino.

Sin dall’inizio del processo, la difesa ha sostenuto che White non è passato con il semaforo rosso causando l’incidente mortale.

Tuttavia, il secondo giorno del processo, l’accusa si è opposta a tali affermazioni.

“L’auto color argento (guidata da White) ha acceso i fari e ha colpito l’auto nera”, ha detto Mackenzie Lee, che ha testimoniato mercoledì.

Lee ha detto alla corte di aver visto White passare con il semaforo rosso pochi istanti prima di schiantarsi e uccidere Allison Conaway e suo figlio Alex di sei mesi, e ferire gravemente le sue due figlie che erano anche loro in macchina.

La figlia di Lee ha catturato una foto dell’incidente allo stesso semaforo rosso mentre era seduta sul sedile del passeggero della sua auto.

I pubblici ministeri hanno mostrato quella foto come prova del motivo per cui credevano che White fosse responsabile del disastro mortale.

“Sig.ra. Il bianco ha fatto passare il semaforo rosso”, ha detto l’agente Johnathan Smith, che ha testimoniato durante il secondo giorno del processo.

L’agente Smith ha lavorato sulla scena e ha anche preso il banco dei testimoni affermando la stessa cosa di Lee. È un ricostruttore di incidenti e accusa White di aver guidato a 74 miglia orarie subito prima dell’incidente.

Il limite di velocità è di 65 miglia orarie.

”Ha frenato; è stata sui freni per due secondi”, ha detto Smith. “La Nissan nera era nella corsia in direzione est; non ha mai visto la macchina nera. Ha applicato il veicolo perché ha visto la luce rossa, ed è stato allora che si è scontrata con quel veicolo. “Un altro testimone chiamato a testimoniare dallo stato è David Lockley.

Lavora per il Mississippi Forensic Lab

Mentre era sul banco dei testimoni, ha rivelato che White aveva oppioidi nel suo sistema oltre a caffeina, nicotina, marijuana e depressivi al momento del naufragio.

Ha anche ribadito che il livello di alcol nel sangue di White è dello 0,273%, che è più di tre volte il limite legale.

“Per arrivare a un .273 sarebbero necessari circa 13 o 14 drink, solo per arrivare a un .273”, ha detto Lockley.

Nel frattempo, la difesa continua a cercare di contrastare queste accuse.

La White ha rifiutato i test sulla scena e il suo livello di alcol nel sangue non è stato misurato fino a più di quattro ore dopo l’incidente in ospedale.

Per questo motivo, l’avvocato Kevin Camp ha detto che non c’è modo di dimostrare che White fosse ubriaco al momento dell’incidente.

La difesa ha scelto di non portare nessun testimone a testimoniare.

Entrambe le parti hanno riposato. Le discussioni conclusive inizieranno giovedì mattina.

Per un riepilogo della prova di questa settimana:

Ecco il giorno 1 e il giorno 2 del processo.

Vuoi più notizie WLBT nella tua casella di posta? clicca qui per iscriverti alla nostra newsletter.

Vedi un errore di ortografia o grammatica nella nostra storia? per favore clicca qui per segnalarlo e includere il titolo della storia nella tua email.

Copyright 2024WLBT. Tutti i diritti riservati.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Tra automobili, galeoni, pentole giganti e misteri – Más Río Negro
NEXT Chiedono a Biden di togliere Cuba dalla lista dei terroristi – Escambray