Il Cile immerso in una crisi di insicurezza senza precedenti

Il Cile immerso in una crisi di insicurezza senza precedenti
Il Cile immerso in una crisi di insicurezza senza precedenti

SANTIAGO – L’omicidio di tre agenti di polizia militare nel sud del Cile ha sconvolto il paese e contenere la violenza è diventata la priorità numero uno.

Il Congresso ha dedicato questa settimana esclusivamente alla discussione delle politiche per rafforzare la sicurezza, con un ordine del giorno incentrato sui progetti di legge sull’intelligence e sull’antiterrorismo nonché sulla discussione di nuove regole per l’uso della forza da parte dell’esercito e delle forze di sicurezza.

Queste sono le chiavi della crisi di insicurezza che il Paese sta attraversando:

CRIMINALITÀ E AVANZAMENTI DELLE INCHIESTE

I corpi dei tre agenti di polizia sono stati trovati bruciati sabato all’interno di un veicolo che stava effettuando pattugliamenti di routine nella città meridionale di Cañete. Gli uomini in uniforme sono morti per ferite da arma da fuoco dopo un’imboscata.

Il ministro dell’Interno e della Pubblica Sicurezza, Carolina Tohá, ha affermato che “ci sono indizi e linee investigative” sull’attentato, mentre il procuratore generale Ángel Valencia ha annunciato la creazione di una squadra per scoprire le circostanze del delitto.

Finora nessuno ha rivendicato l’attentato né le autorità hanno individuato i possibili autori. Gli investigatori non escludono, però, che l’attacco sia stato compiuto da bande della criminalità organizzata, in forte espansione in tutto il Paese, o da gruppi radicali mapuche, come ritorsione per la recente condanna di un leader indigeno. Ciò che è noto è che il delitto è stato premeditato e ha avuto più autori.

CILE SUD, SCENA DI CONFLITTI STORICI

L’agguato è avvenuto nella cosiddetta Macrozona Sud del Cile, una regione in stato di emergenza dal 2022. I suoi abitanti sono stati colpiti dallo scontro tra mapuche, gruppi di proprietari terrieri e trafficanti di legname che hanno provocato attacchi incendiari contro le chiese e case, attacchi armati contro gli autisti e la morte di mapuche, contadini e poliziotti. L’ingresso della criminalità organizzata nella regione, la più povera del Paese, ha ulteriormente intensificato i conflitti e prodotto sofisticazione criminale.

Sebbene gli episodi di violenza siano frequenti, non erano mai stati registrati prima d’ora crimini con le caratteristiche di quello perpetrato contro la polizia, dove “apparentemente si prevedeva di affrontare membri delle forze dell’ordine e di ucciderli, non necessariamente in una situazione di conflitto specifico” .””, ha indicato la politologa Lucía Dammert.

Sia le autorità cilene che gli esperti consultati dall’Associated Press concordano che l’omicidio dei tre agenti in uniforme rappresenta un evento senza precedenti e di una brutalità senza precedenti. Il presidente Gabriel Boric ha affermato che l’omicidio ha “connotazioni terroristiche”, mentre il ministro Tohá ha riconosciuto la “violenza e la barbarie” del caso.

Per Dammert l’omicidio rappresenta un punto di svolta nella crisi di insicurezza del Paese ed è urgente riprendere il dibattito politico sui progetti di legge sulla sicurezza.

“Questa situazione ha generato una svolta, non solo nella gravità del fenomeno, ma anche nella volontà politica di avanzare in diversi ambiti che erano piuttosto rimandati”, ha spiegato.

DI COSA SI DISCUTE AL CONGRESSO

Il Congresso ha paralizzato la sua agenda per discutere esclusivamente due progetti di pubblica sicurezza, tra cui la legge sull’intelligence, che cerca di modernizzare le attuali norme obsolete e prevede di espandere il sistema di intelligence nazionale, e una nuova legge antiterrorismo approvata a tempo di record dal Senato. che ora sarà discusso dai deputati. Tra l’altro, la legge consente l’uso di “tecniche investigative speciali” nella lotta alla criminalità organizzata, sanziona singoli reati terroristici e punisce coloro che reclutano minori per associazioni terroristiche.

Inoltre, venerdì la Camera bassa ha discusso d’urgenza, in una sessione speciale, le Regole sull’uso della forza – note come RUF – che stabiliscono norme sull’uso della forza da parte della polizia e delle forze armate. Anche la creazione di un Ministero della Sicurezza indipendente dal Ministero dell’Interno e con maggiore autonomia e poteri con l’obiettivo di migliorare il controllo istituzionale della polizia.

Nonostante il consenso sulla necessità di promuovere la sicurezza pubblica, alcuni progetti, come il RUF, incontrano la resistenza di alcuni settori a causa delle preoccupazioni che potrebbero portare a violazioni dei diritti umani.

“Quello che sta accadendo in Cile è che l’opinione pubblica e l’opposizione spingono affinché una serie di leggi siano approvate con urgenza, ma il problema è che in queste situazioni urgenti si possono commettere grossi errori”, valuta Jorge Araya Moyra, esperto di Pubblica Sicurezza e ricercatore presso l’Università di Santiago del Cile.

IL TERRENO FELICE DELLA CRIMINALITÀ

Considerato uno dei paesi più sicuri e stabili dell’America Latina, il Cile ha visto negli ultimi cinque anni un aumento esponenziale della criminalità e dei crimini violenti, influenzato dall’aumento del traffico di droga e armi, da una massiccia ondata di immigrati privi di documenti, soprattutto da paesi come come Colombia, Venezuela e Haiti, e l’ingresso della criminalità organizzata.

Questi fattori hanno prodotto una riconfigurazione sociale che ha introdotto il Paese “in una nuova dinamica, molto complessa, molto difficile da affrontare e per la quale il Cile non era preparato”, ha affermato Araya.

“Le bande sono entrate nell’estremo nord del Cile, si sono sviluppate lì e si sono rapidamente espanse in altre parti del centro e del sud. E questo è un fenomeno estremamente nuovo, di un tipo di criminale con molte armi, con omicidi molto crudeli e in un modo che non conoscevamo in Cile”, ha osservato.

Tra l’ingresso di questi gruppi, tra cui spicca Los Gallegos – braccio della venezuelana Tren de Aragua che opera nel nord del paese – i dati ufficiali mostrano che gli omicidi in Cile sono aumentati del 40% negli ultimi sei anni.

IMPATTO POLITICO E SOCIALE

La crisi dell’insicurezza ha avuto un impatto oltre l’arena politica e potrebbe riaccendere i disordini sociali che hanno segnato lo scoppio sociale del 2019 e 2020, un movimento organizzato da studenti che ha portato decine di migliaia di persone a occupare le strade di Santiago e di altre parti del Cile contro l’aumento delle tariffe dei trasporti pubblici, culminato in un’ondata di violente rivolte in tutto il Paese.

La più immediata è stata la permanenza in carica del direttore generale dei Carabineros, Ricardo Yañez, accusato di abuso di forza durante l’epidemia sociale.

Yañez aveva in programma di dimettersi venerdì e martedì prossimo avrà un’udienza in tribunale per formalizzare le accuse. Tuttavia, dopo l’attacco del fine settimana, il governo ha annunciato che sarebbe rimasto in carica mentre l’udienza in tribunale è stata rinviata a ottobre.

Sebbene la sua continuità in carica sia stata accolta positivamente da gran parte dei settori politici e cittadini, ci sono state proteste che ne hanno chiesto le dimissioni.

Un’altra conseguenza immediata dell’attacco è stata l’aumento del livello di consenso della polizia, che è salito all’84% e rappresenta un massimo storico per un’istituzione che ha visto crollare la sua popolarità nel 2019 e nel 2020 a causa delle sue azioni durante le manifestazioni studentesche , secondo un’indagine della ditta Cadem.

Copyright 2024 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Hernán Casciari con Víctor Hugo: “Fin dall’inizio sapevo di voler raccontare storie” | Arriva in via Corrientes con “La signora che mi diede alla luce”, la sua nuova opera
NEXT l’onda polare raggiungerà il suo massimo splendore