La Colombia continua a rappresentare un pericolo per i giornalisti: il rapporto svela i rischi per la stampa

La Colombia continua a rappresentare un pericolo per i giornalisti: il rapporto svela i rischi per la stampa
La Colombia continua a rappresentare un pericolo per i giornalisti: il rapporto svela i rischi per la stampa

La stampa in Colombia continua a essere a rischio di lavorare in Colombia nel 2024, secondo Reporter Senza Frontiere – credit Colprensa

Il giornalismo ha sempre presentato rischi ed effetti di ogni genere per il suo esercizio in Colombia, soprattutto a causa del conflitto armato che, in alcune zone del paese, fa sì che pochissime persone si dedichino a questo lavoro per paura di perdere la vita.

L’organizzazione Reporter Senza Frontiere ha presentato il classifica mondiale della libertà di stampa nel 2024in cui il Paese appare con un miglioramento della sua posizione, ma è ancora un luogo molto pericoloso per i giornalisti che si occupano di questioni di ordine pubblico.

Ora puoi seguirci sul nostro Canale WhatsApp e dentro Facebook.

Oltre a ciò, l’entità ha segnalato i temi che provocano il maggior numero di minacce e attacchi contro la stampa in Colombia, tutti rivelando atti di corruzione, violenza e irregolarità sia delle aziende che dello Stato e facendo riferimento al conflitto armato.

Venerdì 3 maggio Reporter Senza Frontiere ha presentato la sua classifica dei paesi per la libertà di stampa e la Colombia è salita dalla posizione 139 alla 119, il che, pur essendo un fatto positivo, non ha cambiato in alcun modo la situazione del paese, che è classificato come “uno dei più pericolosi del continente per i giornalisti”.

Secondo l’organizzazione, I temi che comportano maggiori rischi per la stampa sono quelli “dell’ambiente, dei conflitti armati, della corruzione o della collusione tra politici, aziende, gruppi armati illegali e mafie”. espone sistematicamente i giornalisti a molestie, intimidazioni e violenze”.

A causa del conflitto armato, il giornalismo in Colombia continua a essere un lavoro ad alto rischio - credit Ernesto Guzmán/EFE
A causa del conflitto armato, il giornalismo in Colombia continua a essere un lavoro ad alto rischio – credit Ernesto Guzmán/EFE

D’altro canto, uno dei punti evidenziati dalla ONG è l’arrivo di Gustavo Petro alla presidenza, poiché si tratta di un cambiamento nel paradigma politico della nazione in quanto è il primo governo di sinistra, anche se continua a creare molta polarizzazione nella società.

“A metà del 2022, c’è stato un cambio di governo che ha dato, per la prima volta nella storia, la vittoria a un governante di sinistra e alla sua coalizione di maggioranza. L’opposizione ha raggiunto un numero significativo di rappresentanti, che mantiene la tensione tra le forze politiche e polarizzazione all’interno della società“osserva il rapporto.

L'arrivo al potere di Gustavo Petro, come primo presidente di sinistra, ha ulteriormente aumentato la tensione politica in Colombia, secondo Reporter Senza Frontiere - credit Mauricio Dueñas Castañeda/EFE
L’arrivo al potere di Gustavo Petro, come primo presidente di sinistra, ha ulteriormente aumentato la tensione politica in Colombia, secondo Reporter Senza Frontiere – credit Mauricio Dueñas Castañeda/EFE

L’organizzazione ha aggiunto che il governo ha creato molti problemi alla stampa “contrastando le ripetute critiche che riceve dai media mainstream, mentre alti funzionari sono stati accusati di stigmatizzare i giornalisti. “Alcuni casi di sorveglianza e spionaggio di giornalisti da parte dello Stato, degli anni precedenti, rimangono senza risposta giudiziaria”.

Artur Romeu, direttore dell’Ufficio America Latina di RSF, ha parlato al giornale Tempo sul rapporto della sua organizzazione sulla Colombia e sull’incapacità del governo nazionale di consentire al giornalismo di svolgere il proprio lavoro più liberamente.

Secondo il regista, nel paese C’è “una perdita di autonomia e indipendenza editoriale dei media di fronte alle pressioni degli attori politici”.del fallimento degli Stati nell’adempimento dei loro obblighi di proteggere i giornalisti e di garantire l’accesso alla giustizia in caso di reati”.

Secondo Reporter Senza Frontiere, gli attori politici hanno causato la sfiducia della società nei confronti dei media attraverso attacchi contro tali entità - Credit Procura Colombia
Secondo Reporter Senza Frontiere, gli attori politici hanno causato la sfiducia della società nei confronti dei media attraverso attacchi contro tali entità – Credit Procura Colombia

Romeu aggiunge anche che c’è una “strumentalizzazione di massicce strategie di disinformazione e attacchi alla stampa e ai giornalisti come parte di un strategia da parte degli attori politici per promuovere la sfiducia della società nei confronti dei media”.

“Oggi le democrazie sono a rischio perché vediamo che c’è una perdita di fiducia da parte della società nel ruolo di mediazione sociale che svolgono i media. “Ciò genera un caos informativo di cui approfittano i gruppi politici con tendenze più autoritarie ed estremiste, indipendentemente dallo spettro politico”, ha affermato.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Educazione ambientale e riciclaggio comunitario a El Chañar
NEXT Accuse contro un insegnante di Nariño per presunto abuso sessuale su un minore con disabilità