Nuovo decreto di Jorge Macri: quali cambiamenti avrà il sistema di pagamento del debito con la Città di Buenos Aires

Un nuovo decreto firmato dal capo del governo di Buenos Aires, Jorge Macrì, stabilito un importante riduzione degli importi che i residenti di Buenos Aires devono pagare i rappresentanti giudiziari per regolarizzare debiti con il Comune in servizi come ABL, Brevetti E Reddito lordo. La misura limita gli onorari di questi agenti al 20% del debito originario. Jorge Macri ha annunciato questa iniziativa accompagnato dal ministro della Giustizia, Gabino Tapiail procuratore della città, Martin Ocampoe il coordinatore generale dell’Amministrazione statale delle entrate pubbliche (AGIP), Krivocapich tedesconella sede comunale 12.

“L’obiettivo di queste misure è trovare meccanismi più equilibrati e più giusti, affinché i vicini possano recuperare i debiti che hanno con la Città, soprattutto nel contesto economico in cui viviamo”, ha spiegato Macri.

Attualmente nella città di Buenos Aires ce ne sono in giro 657mila processi avviati dall’Agip che vedono coinvolti rappresentanti giudiziari. Secondo il capo del governo, “la cultura del pagamento e del rispetto delle tasse a Buenos Aires è molto alta, ma in tempi di crisi molti residenti si ritrovano con debiti che generano meccanismi complessi e ingiusti, soprattutto per quanto riguarda i debiti”. “. Il decreto stabilisce una significativa modifica del sistema tariffario, in sostituzione dello schema precedente, che potrebbe generare notevoli distorsioni. In precedenza, le tariffe si basavano sulle unità di misura tariffarie (UMA), che aumentavano in modo sproporzionato.

“Ad esempio, un vicino con un debito di 50mila dollari ha dovuto pagare fino a 235mila dollari a causa dell’aggiornamento dell’UMA”, ha detto Macri. “Ora, con il nuovo sistema, la percentuale che verrà pagata al presidente è venti%. Quindi, se qualcuno deve 50.000 dollari, pagherà 10.000 dollari, il che è ragionevole”.

Principali modifiche al decreto:

  • Limite sulle commissioni: gli onorari dei rappresentanti non possono superare il 20% del debito totale.
  • Unificazione del debito: tutti i debiti del vicino verranno raggruppati in un unico credito giudiziale, attribuendo un unico rappresentante.
  • Aumento degli importi minimi: L’importo minimo dei debiti giudiziali viene portato a 200mila dollari nei casi di beni immobili/ABL e brevetti, il 34% in più rispetto al limite attuale di 148.900 dollari.
  • Perdono dei debiti minori: Verrà inviato un disegno di legge all’Assemblea legislativa per condonare i debiti di basso valore che sarebbe antieconomico far rispettare per la Città.

Esempio pratico del nuovo sistema

Un vicino con un debito brevettuale di tre anni (2020, 2021 e 2022) $ 50 mila all’anno aveva precedentemente affrontato tre diversi processi, con compensi minimi per ciascuno. Con il nuovo decreto ora dovrai pagare solo la totalità delle quote $ 120 mila, semplificando e riducendo notevolmente l’importo. Jorge Macri ha sottolineato che questo cambiamento fa parte dell’impegno assunto con i vicini per semplificare e snellire le procedure. Inoltre, le nuove normative rientrano in una strategia più ampia di semplificazione statale per aiutare i residenti di Buenos Aires a regolarizzare i debiti futuri. Il decreto è già stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del Comune.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Archivio notizie · Notizie dal settore
NEXT L’EEAOC offre formazione sull’HLB alle scuole agrotecniche