Inizia a Manizales il programma “Guardiani della collina”.

Martedì è iniziato a Manizales il programma “Guardiani della collina”, con la partecipazione di 80 donne capofamiglia che saranno incaricate della manutenzione e della pulizia dei pendii per prevenire frane e inondazioni. Questa iniziativa, ora estesa alle zone rurali, rafforzerà la tutela degli abitanti e lo sviluppo del comune.

Queste donne, provenienti da comunità vulnerabili, fanno parte di quattro fronti e saranno responsabili di vari compiti, come manutenzione, irrorazione, pulizia di fossati e canali, georeferenziazione e attività comunitarie nelle aree a rischio. Il loro lavoro contribuirà in modo significativo alla mitigazione dei disastri naturali e alla cura dell’ambiente.

Il programma “Guardianas de la Ladera” è guidato dall’Unità di Gestione del Rischio (UGR) e prevede un investimento di 2.700 milioni di pesos, grazie ad un accordo interamministrativo con la Compagnia Metropolitana di Pulizie EMAS di Veolia. Questo sforzo congiunto consentirà la manutenzione permanente delle opere di mitigazione del rischio nelle aree urbane e rurali di Manizales.

Diego Armando Rivera Gutiérrez, direttore dell’Unità di Gestione del Rischio, ha sottolineato l’importanza di questo programma come parte fondamentale del DNA di Manizaleños e degli strumenti di pianificazione del comune.

“L’EMAS contribuirà con il 30% e l’Ufficio del Sindaco di Manizales con il 70%, questo per realizzare la manutenzione permanente delle diverse opere di mitigazione del rischio nelle aree urbane e rurali; Questo programma all’avanguardia a livello nazionale e internazionale sarà quindi più forte e con maggiore portata per garantire che le opere sostengano i processi di sviluppo del Comune. “Ci saranno 80 guardiani su quattro fronti”.

BC Notizie


#Colombia

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Un’idea nobile come quella della Squadra Olimpica dei Rifugiati non può cadere in preda alla manipolazione › Sport › Granma
NEXT Allende, Aubone e Chica si incontreranno con l’EPRE per le bollette elettriche