“Ho usato il cinema per ottenere il cambiamento”

“Ho usato il cinema per ottenere il cambiamento”
“Ho usato il cinema per ottenere il cambiamento”

Tutti i suoi progetti sembrano avere un percorso prestabilito. Deformazione professionale? Forse. Enrique Piñeyro non si lascia abbagliare dai premi e assicura che fa teatro perché “non c’è niente come il teatro dal vivo”. Da 11 anni porta avanti il ​​suo spettacolo “Volare è umano e atterrare è divino”, uno spettacolo comico, che porterà al Teatro del Bicentenario l’8 giugno e che promuoverà di persona oggi a San Juan.

Un uomo che sembra fare miracoli 24 ore su 24 per il numero di professioni che svolge: è pilota, attore, produttore audiovisivo, filantropo e cuoco. Alla fine degli anni ’90, come pilota di quella compagnia, denunciò Lapa per “gravi carenze”. Due mesi dopo le sue dimissioni, all’Aeroparque si verificò la tragedia del volo 3142. Poi ha girato Whiskey, Romeo, Zulu dove ha esposto tutto ciò che sapeva. È così che gli piace fare film, dirà, che abbiano “un impatto sulla realtà”. Piñeyro parla con DIARIO DE CUYO mentre si reca a una conferenza stampa. Discendente da una famiglia benestante e proprietario di un proprio patrimonio, è convinto che la ricchezza debba essere redistribuita. Ha fondato “SolidAire”, fondazione con la quale, utilizzando il proprio Boeing 787, ha trasportato rifornimenti ai profughi in Sierra Leone, Gaza e Brasile.

-Che faccia fa la gente quando vede la cabina di un aereo sul palco?

-Non lo so, è tutto sbagliato, ma dovrebbero metterci una faccia… perché è in scala 1-1, come se si tagliasse il muso di un aereo e lo si mettesse lì.

-Come definisci il tuo stile di umorismo?

– Abbastanza acido da un lato, bianchissimo dall’altro, quasi infantile. E a volte giocando con le parole, le ripetizioni e cose del genere, nella vita succede così. Ho una sorta di compulsione a fare battute che a volte mi ha messo nei guai.

-Con tutte le tue occupazioni, perché continui a fare teatro?

– Mi piace, mi diverto molto. Quello che mi è piaciuto di più del cinema sono state le domande e le risposte con il pubblico e mi sono detto “perché non posso fare questo senza passare due anni a fare un film”. Poi ho pensato allo spettacolo. C’è qualcosa nella cosa dal vivo… Le persone che mi dicono che sono nervose per la première di un film, dico loro “perché? Se tutto è fatto, non c’è niente da cambiare”. In teatro devi farlo ogni volta e devi sentire che sei tu a generarlo e il pubblico ti dà un feedback; Ride o non ride. È molto più dinamico.

-Molta adrenalina.

-Sì, più reale, non reale come volare, perché volare è una vera adrenalina, questo è più figurato.

– In quali percentuali è divisa la tua vita lavorativa? In quale spendi di più?

-Pilota, da qui alla Cina… 90%. Bene, un 85, lasciamo un 15 per la cucina.

-Com’è stato il momento in cui hai deciso di acquistare un Boeing 787?

-Ero in spiaggia, era un periodo di tariffe molto basse, ho pensato “perché spendere i miei soldi se quelli di qualcun altro sono più economici”. Allora ho chiesto un prestito e basta.

-Perché hai deciso di dedicarlo a cause umanitarie?

-Mi sembra che questo sistema capitalista consenta un’accumulazione indefinita, dovrebbe esserci un limite. I paesi nordici hanno un sistema produttivo capitalista, ma un sistema fiscale redistributivo, per cui a un certo punto se guadagni di più, guadagni di meno, perché paghi così tante tasse che ti rimangono meno soldi. Quindi mi sembra che dobbiamo ridistribuire perché gli Stati non lo faranno. Bisogna usare i soldi per quello… certo mi do anche i miei gusti, amo volare, usare il 787, amo mangiare bene e bere meglio, ma poi è tutto.

-Utilizzare l’aereo per cause umanitarie è il tuo modo di ridistribuire?

-Sì, certo sì. Le missioni sono tutte con fondi propri.

– Come lo attraversa la produzione audiovisiva?

-È la lingua di oggi. Che senso ha insegnare la calligrafia ai bambini quando il linguaggio è audiovisivo? I ragazzi di oggi vanno a comprarsi un paio di calzini e hanno fatto tre o cinque riprese, hanno camminato 50 metri, l’hanno montato, hanno messo la musica, hanno aggiunto un testo, un effetto ed è un piccolo film tecnicamente impeccabile e contribuisce alla sua storia, è il suo modo di esprimersi. C’è un paradosso nell’educazione di oggi: i soggetti che devono apprendere gli strumenti che muoveranno il mondo sono molto più istruiti dei soggetti che li insegnano. Oggi il mondo si muove con persone immobili davanti a uno schermo, prima con migliaia che si muovevano su una catena di montaggio.

-Quale delle produzioni ti ha toccato di più o è stata un punto di svolta per te?

-È difficile rispondere. Perché Whiskey… è la storia che volevo raccontare, ma quello che volevo fosse l’Air Force, un’autorità dell’aviazione civile che non fosse nelle mani dei militari, e che accadde il giorno successivo alla première, e Rati lo spettacolo horror ha reso possibile qualcosa di più intenso dal punto di vista umano perché faceva uscire un ragazzo di prigione. Mi piace che i film abbiano un certo impatto sulla realtà. Non sono un regista, ho usato il cinema per ottenere il cambiamento, per raccontare le storie che volevo raccontare. Una volta fatto questo, ho praticamente finito i film. Da bambino non mi disegnavo mentre facevo film, mi disegnavo nella cabina dell’aereo. Ricordo gli aerei dal primo giorno, penso di essere nato pilota, non avevo il brevetto, ma lo ero.

– I suoi film sono stati premiati e gli hanno dato il Konex. Cosa sono per te i premi?

-C’è una cosa molto divertente nei premi, ovvero l’orgoglio che danno a tua madre e tua moglie e i commenti sarcastici dei tuoi compagni di scuola. Il Konex ha la sua importanza, anche se lo ha vinto anche il proprietario di Lapa, cosa che ho detto ricevendolo, ma penso che il Konex abbia una credibilità che non molti premi hanno.

-Una volta si travestì da Batman e camminò davanti alla Residenza Olivos.

-(Ride) Sì, il 19 dicembre 2001. C’erano 10mila persone che cantavano il mio nome nascosto, Batman.

-Ti senti un po’ Bruce Wayne?

-No. Volevo essere Superman, a 6 anni saltai giù dal letto con indosso un asciugamano dopo aver chiesto a Dio di concedermi i poteri da supereroe. sono stato colpito…

– Ma con le tue missioni umanitarie, a volte non ti senti un supereroe?

-No, no. Sento di fare ciò che mi piace, di entrare in contatto con realtà complicate, ma è il modo per condividere te stesso facendo ciò che ti piace e condividere ciò che hai da dare.

I DATI
Verrà presentato sabato 8 giugno al Teatro del Bicentenario, alle ore 20,30. Biglietti: $ 5.000, $ 7.000 e $ 10.000 al botteghino e su tuentrada.com

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I gelati artigianali di Heladería La Abuela arrivano a Córdoba
NEXT Ciò che resta della rivendicazione del comune di Cutral Co: 28 anni dopo un grido disperato