Dopo la partenza di Colmotores dalla Colombia, è così che è stato riorganizzato il mercato dei concessionari di automobili

Dopo la partenza di Colmotores dalla Colombia, è così che è stato riorganizzato il mercato dei concessionari di automobili
Dopo la partenza di Colmotores dalla Colombia, è così che è stato riorganizzato il mercato dei concessionari di automobili

10:29

Automayor, attore del mercato automobilistico colombiano, ha annunciato questa settimana il acquisizione delle concessionarie San Jorge, a Bogotá, per un valore vicino ai 10.000 milioni di dollari.

Questa mossa, classificata come strategica dagli esperti del settore automobilistico, pone questa azienda in vantaggio nella capitale colombiana e la posiziona come l’unica catena di concessionari che vendono veicoli del marchio Chevrolet nella regione.

Potrebbe interessarti: ‘Anatomia di una caduta’: la storia dietro la chiusura dello stabilimento della General Motors, proprietario della Chevrolet

Questo acquisto arriva dopo che Colmotores ha annunciato la chiusura del suo stabilimento. “Le attività produttive presso lo stabilimento di Colmotores de Colombia cesseranno e il processo di smantellamento inizia oggi con un team ridotto”.

Con questa cessazione delle attività, la società General Motors, che produce e commercializza il marchio Chevrolet, ha annunciato la chiusura il 26 aprile.

La decisione di Automayor di acquisire Concesionarios San Jorge si basa su un’analisi approfondita del mercato e sull’identificazione delle opportunità emergenti. “Nonostante le difficoltà incontrate durante la pandemia, L’azienda prevede una ripresa del settore automobilistico a partire dalla seconda metà dell’anno, spinta da fattori quali il comportamento positivo dell’inflazione e la riduzione dei tassi di interesse da parte della Banca della Repubblica.“, ha dichiarato la società.

Leggi anche: Caso Colmotores: L’industria automobilistica nazionale è in pericolo, mentre Andi chiede un piano di rilancio

Va ricordato che la pianta Operava solo al 9% della sua capacità, per una vendita media di 11.000 veicoli all’anno sui mercati., pur avendo ricevuto investimenti nell’ordine di 250 milioni negli ultimi anni. OraLa presenza di General Motors sarà nelle concessionarie in un contesto avverso per il settore che ha chiuso il 2023 con un calo delle vendite del 29%.

“Questo investimento rappresenta un passo importante nella nostra missione di offrire ai nostri clienti un’esperienza unica ed esclusiva nell’acquisto di veicoli Chevrolet”, ha affermato Steven Majerovicz, direttore commerciale di Automayor.

Questa acquisizione include la cessione dell’intero portafoglio aziendale, comprensivo di strutture, parco veicoli, officine di assistenza autorizzate, ricambi e accessori. Inoltre, Automayor si assumerà l’assunzione diretta a tempo indeterminato di 100 dipendenti di Concesionarios San Jorge, ha confermato Edgar Sierra, direttore generale di Automayor.

Potrebbe interessarti: Incertezza e scarso fatturato 12 mesi per l’oblio del settore

I concessionari che Colmotores ha perso

In un recente rapporto sulle ragioni della chiusura dello stabilimento, Cristian Prieto, fondatore della concessionaria Autobog Soluciones Integrales SAS, ha raccontato i dettagli del rapporto di Colmotores con i concessionari in Colombia.

Si comincia dicendo che Los Coches, una delle più grandi concessionarie Chevrolet, dal 2012, (oggi è una concessionaria multimarca) Ha detto a Colmotores che voleva vendere auto di altre marche, ma la risposta è stata negativa.

“Quindi questo rapporto si è concluso con il mancato rinnovo della concessione nel 2013 affinché Chévrolet potesse vendere attraverso Los Coches. Perciò, Le due parti hanno deciso di non collaborare più e Colmotores ha perso un grande distributoreforse per un certo orgoglio di essere i leader assoluti del mercato”, ha detto Prieto, raccontandolo sui suoi social network.

Ha aggiunto che Autoniza, uno dei più grandi concessionari Chévrolet, inizierà a commercializzare Mercedes Benz nel 2016. Cioè, lo ha ottenuto a differenza di Los Coches, con il nome Starniza. Oggi la concessionaria Autoniza vende Chévrolet, ma non solo come faceva dal 2015 in poi. “Qui questo forte distributore inizia a diversificare il suo portafoglio e non si concentra solo sugli Chévrolet.”

Leggi anche: La fabbrica Colmotores funzionava al 9% della capacità e vendeva solo 11.000 unità all’anno

Successivamente, raccontò Prieto, Continautos, un’altra grande azienda, decise di commercializzare Mazda, oltre a vendere solo Chévrolet, creò una nuova concessionaria chiamata Kioto, realizzò l’idea e acquistò Automercol, una concessionaria Mercedes, e Ha anche diversificato il suo portafoglio. Ciò significa che non ha più gli occhi puntati al 100% sull’operazione Chévrolet.

“Si ricordano della concessionaria International Vehicle, Ebbene, non vende più Chévrolet, ora vende veicoli della marca Foton. Un altro distributore che perde Colmotores“, ha aggiunto questo uomo d’affari alla storia.

Lo stesso giorno in cui Colmotores ha annunciato la chiusura dei suoi stabilimenti in Colombia ed Ecuador, rivela Prieto, Ha chiuso i battenti anche Automotores San Jorge, concessionaria di sola Chévrolet e con 40 anni di presenza sul mercato a Bogotá, un altro distributore che l’azienda perde.

Leggi anche: Chiusura della Colmotores: il Ministro del Lavoro incontrerà la General Motors, cosa accadrà ai lavoratori?

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Argentina e FMI alle porte del terzo periodo
NEXT Previsioni del tempo a Cordoba per questo 16 giugno