Il maestro Mokaná che custodisce

Il maestro Mokaná che custodisce
Il maestro Mokaná che custodisce

“Ho sempre capito che la mia missione è tracciare un percorso di opportunità per le generazioni future.” Con questa premessa, Shamy Álvarez, membro dell’etnia Mokaná e artista plastico, inizia raccontando il lavoro di insegnante al quale ha dedicato gran parte della sua vita dopo aver formato all’arte bambini e giovani del comune di Puerto Colombia e i suoi comuni.

(Potresti essere interessato a: ‘Ofood fest’, il primo festival della salchipapa nell’Est dell’Atlco.)

Fin da giovanissimo ha mostrato la leadership della casta e il suo interesse nel guidare gli altri su quello stesso percorso. Crede fermamente che l’arte insieme alla leadership, al senso di appartenenza e alla solidarietà sia la formula perfetta per abbattere le barriere socioculturali che ancora persistono nelle comunità e nei territori.

“Ho voluto raccogliere e convogliare tutte le conoscenze acquisite in questi anni in un progetto che mi permetta di interagire a stretto contatto con i bambini e i ragazzi in situazioni di vulnerabilità del nostro comune, ricercando attraverso l’arte una graduale ricostruzione del tessuto sociale. “È stato un percorso gratificante che mi ha permesso di approfondire ulteriormente il ruolo dell’educatore, e allo stesso tempo ha contribuito ad abbattere le barriere di disuguaglianza sociale che purtroppo persistono ancora, in modo generalizzato, su tutto il territorio” ha espresso.

(Non smettere di leggere: “Ha scritto pagine d’oro nell’organico della musica nazionale.”)

Álvarez si riferisce al progetto ‘Pintando Sueños’ che ha ripreso quest’anno e che consiste in laboratori di pittura indipendenti affinché i più piccoli possano esplorare, ideare e potenziare la propria creatività e talento attraverso l’arte.

“Attualmente abbiamo 60 bambini che beneficiano di questi laboratori e la proiezione è di aumentare il numero fino a 100. L’arte è trasformazione e le lezioni sono state ampiamente accettate dalla comunità di Buenos Aires, è uno spazio dove i bambini danno libero sfogo e lasciano andare le loro emozioni. creatività e vedono se stessi come il grande pittore che fu Leonardo da Vinci”, ha detto con un certo entusiasmo.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-