Vive in Argentina e Uruguay. Lei è figlia di una leggenda della televisione e racconta: «Lo criticavano tanto, dicevano che era grasso».

Vive in Argentina e Uruguay. Lei è figlia di una leggenda della televisione e racconta: «Lo criticavano tanto, dicevano che era grasso».
Vive in Argentina e Uruguay. Lei è figlia di una leggenda della televisione e racconta: «Lo criticavano tanto, dicevano che era grasso».

Ascoltare

È istrionica, proprio come suo padre. Ama cantare – aveva un gruppo blues chiamato Psicoflor – tanto o più di lui. E affronta tutto con ottimismo e buon umore, come ha fatto lui Roberto Galan. A quasi ventiquattro anni dalla morte del creatore di Si lo saber cante, sua figlia, Firenze Galan (51), lo evoca con amore ed emozione, ricorda i suoi più grandi successi sullo schermo e condivide i suoi ricordi più cari. Figlia del leggendario conduttore televisivo e di Inés “Galleta” Miguens, Florencia ha due figli, Sol (31) e Pablo (29) – frutto del suo primo matrimonio con Pety Peltenburg – e da diversi anni vive in Uruguay con la sua compagna coppia, Sergio Levenzon, a Pueblo Edén, un paradiso a 45 chilometri da Punta del Este in mezzo alle montagne, dove vivono tra mucche, cavalli, pecore, asini e galline con i loro nomi, lavorando i campi e a contatto con la natura . Mentre passava per Buenos Aires, Florencia ha parlato con CIAO! Argentina del suo famoso padre e di com’era vivere la vita mano nella mano con lui.

“Le sue segretarie, Jorgelina Aranda, Dorita Delgado, Gladys Mancini e Stella Maris Muñoz erano come le mie zie. “Mi hanno truccato e si sono presi cura di me.”foto: Matías Salgado

–In cosa gli somigli?

–Penso di avere un senso dell’umorismo simile a quello di papà. Le stesse cose mi fanno ridere e io rido delle stesse cose di cui rideva lui. Mi racconti una barzelletta o vedo qualcosa che trovo divertente e io non rido forte, ma dentro scoppio dalle risate. E non riesco a ridere degli altri, mai. Sì, rido con gli altri. Papà era lo stesso.

–Qual è stata la cosa che ti ha segnato di più di tuo padre?

–Che mi ha mostrato con il suo esempio che nella vita si può essere etero e che non ci sono scuse per non esserlo. È il più difficile? Sì, naturalmente! È il miglior insegnamento che mi ha lasciato. Sono leale con i miei amici, non critico nessuno, nemmeno lui era critico, e sono giusto, anche quando arrivano i momenti difficili. Il suo esempio è molto forte in questo senso: papà ha sempre vissuto così, nonostante le onde che più volte lo hanno colpito, non è mai sceso a compromessi, non avrebbero mai potuto corromperlo. Da lui ho imparato che non esiste strada migliore della strada della verità, anche se a volte fa male e bisogna farsi carico.

–Questo ti dà tranquillità…

–Certo, questo mi lascia calmo quando appoggio la testa sul cuscino. Vado a dormire e ovviamente penso: “Ops, ho sbagliato su questo o quello”, certo che sbaglio, ma ho la coscienza a posto perché non erano malevoli, non erano con doppie intenzioni, non erano per comodità . Questo è ciò che per me rappresentava mio padre.

“Siamo stati insieme tutto il giorno e papà mi ha viziato moltissimo. Non è mai stato in grado di darmi dei limiti, questo è ciò di cui si è occupata mia madre.FOTO: MATÍAS SALGADO

–Quando i tuoi genitori si sono separati sei andato a vivere a Miami con tua madre. Com’era il tuo legame con lui in quel periodo?

–Il periodo in cui sono stato a Miami ci ha separato un po’. Erano quattro anni, ma erano esattamente i quattro anni della mia adolescenza, dai 13 ai 17. Sono anni in cui avvengono cambiamenti molto grandi in un ragazzo che sta crescendo e non abbiamo vissuto tutto quel periodo insieme. Anche se sono venuta a Buenos Aires un paio di volte e ci siamo visti, non vivevamo insieme. Quindi quando sono tornato, a 17 anni, ero già un giovane adulto. Pensa che sono partita a 13 anni, da ragazza, e sono tornata a 17, quasi convertita in donna. Dovevamo conoscerci di nuovo.

–È stato imbarazzante conoscersi di nuovo?

–E all’inizio un po’ sì, ma poi ci siamo ambientati. Con me è stato sempre molto affettuoso, è stato sempre molto attento e mi viziava. A volte gli raccontavo delle cose e lui mi guardava in silenzio, che fosse d’accordo o meno con quello che dicevo, mi ascoltava, mi capiva e non criticava le mie decisioni.

–Ti ha dato consigli?

–Sì, se glielo chiedevo, mi dava consigli. Altrimenti bastava restarne fuori, lasciarsi fare.

Molto simile a Roberto, la figlia lo ricorda come un dandy che “era sempre vestito a festa”. foto: Matías Salgado

–Nella vita privata familiare eri civettuola come nella vita pubblica?

–Era pulito e sempre ben vestito, anche a casa, anche se in privato era molto più rilassato. Nei fine settimana, per esempio, veniva in una casa di campagna che avevamo affittato a Escobar quando i ragazzi erano piccoli. È arrivato la mattina, indossando pantaloni da jogging bianchi, una felpa bianca e scarpe da ginnastica bianche. Abbiamo fatto il barbecue, abbiamo mangiato, abbiamo trascorso il pomeriggio e quando si è fatta notte, era tutto bianco immacolato. E stavo pensando: “Non posso credere che non si sporchi!” Per me una maglietta bianca non dura nemmeno quindici minuti pulita. [Se ríe]. Ma papà era così: sempre vestito bene, vestito bene, civettuolo e profumato.

– Siete sempre stati molto amici?

-Completamente. Ricordo che saltavo la scuola per andare al canale, perché a quel tempo i programmi venivano registrati. Fino a due o tre al giorno. Così ho passato con lui tutta la giornata, dalle otto del mattino alle undici di sera. Siamo stati insieme tutto il giorno e lui mi ha viziato.

– Ti ha fissato dei limiti?

–No, chi mi ha fissato i limiti è stata mamma, papà no. [Se ríe].

Florencia vive in Uruguay, ma va spesso a Buenos Aires per vedere i suoi figli, Sol e Pablo.foto: Matías Salgado

–Era geloso dei tuoi fidanzati?

–La parte riguardante il mio primo ragazzo e tutta quella tipica adolescenza è andata perduta, perché non vivevo qui. E quando tornai in Argentina un anno dopo mi sposai.

–Come l’ha presa quando gli hai detto che ti saresti sposato?

–Non gli ho dato molto spazio per esprimere la sua opinione, perché pensavo di essere super adulta. Oggi mi guardo indietro e mi rendo conto che ero una ragazza. Avevo 18 anni! Sono cresciuto con papà e mamma più che con ragazzi della mia età, e per di più in un ambiente artistico, forse è per questo che ho avuto una maturità diversa. E beh niente, un giorno l’ho raggiunto e gli ho detto: “Papà, ti presento il mio ragazzo, ci sposiamo”. Lui ha spalancato gli occhi e mi ha detto: “Sei sicura? Ci hai pensato bene?” “Sì, ovviamente papà”, ho risposto. E poiché non poteva mai dire di no a niente, disse di sì, di sposarsi.

–Beh, non volevo dirti di no, solo lui, che ha passato la vita a far sposare le persone…

-Chiaro! Inoltre, ero molto innamorato e penso che lui lo vedesse nei miei occhi.

Con Sol, complicità tra madre e figlia durante la produzione fotografica.foto: Matías Salgado

–Com’è stato camminare per strada con una star televisiva di quella portata?

–Era la cosa più normale. La gente lo riconosceva, lo fermava per salutarlo, alcuni gli chiedevano autografi, le signore gli chiedevano un bacio: “Posso avere un bacio, Galán?”, ma lui camminava tranquillo per la strada. Ora, all’entrata e all’uscita del canale, o quando entravo per fare gli spettacoli, lì c’era qualcos’altro. Era quello che sarebbe un DJ oggi o quello che era una rockstar qualche anno fa. Abbiamo parlato di andare a ballare in un club della città e di esserci centomila persone ad aspettarlo. Se avessero dovuto istituire un cordone di polizia, sarebbe stato enorme. Andavamo in una città, ad esempio, dalle otto di sera fino a mezzanotte, e da lì in un’altra da mezzanotte fino alle due del mattino. Con i musicisti, le segretarie eravamo un battaglione.

–Hai avuto rapporti con le sue segretarie?

-Chiaro! E con i suoi figli siamo cresciuti insieme. Ovviamente la vita successiva ci ha portato su strade diverse, ma a quel tempo eravamo come una grande famiglia. Noi piccoli, ci incrociamo continuamente nel canale. Jorgelina Aranda, Dorita Delgado, Gladys Mancini, Stella Maris Muñoz… Mi hanno truccato, mi hanno messo il gloss sulle labbra, si sono presi cura di me. Ai balli salivo sul palco mano nella mano con loro, che erano come le mie zie. C’era tanto amore lì, li amavo moltissimo. E ancora oggi li ricordo sempre con grande affetto.

–Eri geloso delle amiche di Roberto?

–No, per niente, sono sempre stato molto libero per questo. Sia con mio padre che con mia madre. Avevo e ho una mente molto aperta, sono cresciuto in quel modo.

Con suo padre negli anni settanta.

–Com’era come nonno?

–È morto quando i ragazzi erano piccoli, ma quando se li è goduti era matto, non potevo crederci. Li adorava e li guardava stranito, come per dire: “Sono i miei nipoti?” Pensa che mi ha avuto alla grande, quindi i suoi nipoti erano quasi i suoi pronipoti. È stato sempre molto affettuoso con i miei ragazzi, stava con loro come lo era stato con me quando ero ragazzina.

–Pensi che non sia stato valorizzato abbastanza?

– All’epoca fu il primo, credo, a mettere le persone in uno studio televisivo. E lo hanno criticato molto per questo: perché era grasso, come lo avrebbe fatto, come avrebbe utilizzato lo spazio televisivo per includere persone che non provenivano dalla TV… Ma lui non si mosse, perché sapeva quello che voleva fare: voleva dare un servizio alla gente, oltre che intrattenimento e gioia. I loro programmi erano uno spazio in cui molte persone potevano raggiungere un luogo che altrimenti non avrebbero potuto raggiungere, come nel caso di Si lo so cante, e dove le persone potevano conoscersi, nel caso di Voglio sposarmi, che ne dici di Voi? ? Inutile dire che a quel tempo significava che non esistevano social network, app di appuntamenti o altro. In un certo senso era un servizio pubblico, cosa che gli piaceva fare. Tutte le sue idee erano basate sull’aiutare le persone, con più o meno risate.

Il giorno del suo matrimonio con Pety Peltenburg (lei aveva 18 anni).Matías Salgado

Un’immagine dei suoi figlioletti piena di tenerezza. Matías Salgado

La copertina della rivista Ciao! Questa settimana.FOTO: MATÍAS SALGADO

Conosci il progetto Trust
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-