Hanno lanciato il programma “Avi Chaco” per i piccoli e medi produttori – CHACODIAPORDIA.COM

All’appello hanno partecipato più di 250 persone, formate sulla gestione dei “pulcini di ovaiole”, nonché sulle nuove tecnologie che incorporano il benessere degli animali e la cura della salute di ciò che viene prodotto.

Halavacs, che in passato ha partecipato a Pampa del Indio ad un incontro sui preparativi della Cavalcata della Fede e a Machagai ad un’asta di bestiame assistita dal Governo del Chaco, ha sottolineato che il programma “Avi Chaco” lanciato ora a Villa Ángela, “It è stato già presentato a Basail e Villa Berthet, per includere produttori di tutta la provincia, che si formano in questo nuovo schema produttivo al quale aderiscono”.

“Abbiamo avuto una significativa partecipazione di piccoli e medi produttori interessati a questa proposta sulla gestione delle galline ovaiole per avviare l’attività. Abbiamo consegnato “bb pulcini” e imparato a conoscere i luoghi in cui si svolgeranno le iniziative.

Il ministro ha sottolineato che “l’idea è che lo sforzo compiuto dallo Stato provinciale e che coinvolge tutti gli abitanti del Chaco, sia un ritorno a quanto ricevuto dal produttore, premessa promossa dal governatore Leandro Zdero e che stiamo applicando in questo programma. , che sta avendo una grande accoglienza in tutta la provincia”.

Halavacs ha sottolineato che giorni fa a Villa Berthet hanno partecipato 250 persone interessate al programma “Avi Chaco” e la stessa cosa è successa a Villa Ángela. Ora ci concentreremo sui risultati, ai quali i nostri tecnici seguiranno per raggiungere gli obiettivi prefissati, come ci ha chiesto il governatore e su cosa stiamo facendo”.

Il programma “Avi Chaco” è rivolto ai piccoli e medi produttori, ma possono aderire tutti coloro che sono interessati ad unirsi a questa attività produttiva.

«Significa impegnarsi, frequentare corsi di formazione, essere disponibili alle nuove tecnologie e alle nuove procedure. Siamo un Ministero a porte aperte e questo è qualcosa che applichiamo in tutti i programmi che abbiamo lanciato e che siamo in fase di candidatura. I vicini ci chiedono informazioni e formazione e i nostri tecnici saranno lì per soddisfare queste richieste. Siamo sul territorio, lavorando al fianco del produttore, fornendo le migliori soluzioni alle difficoltà che si presentano, sempre con gli strumenti che abbiamo a disposizione”, ha sottolineato il ministro delle Attività produttive.

Attività in crescita

Il dottor Javier Aranda, coordinatore del Programma “Avi Chaco” del Ministero della Produzione e dello Sviluppo Economico Sostenibile del Chaco, ha sottolineato che “questa attività sta avendo una grande crescita nella nostra provincia, soprattutto nell’interno, e si sta rafforzando. “Continuiamo ad avanzare con la formazione sulle galline ovaiole, per aggiungere il maggior numero di produttori a questa nuova proposta.”

Aranda ha indicato che “vogliamo essere presenti e fornire strumenti tecnici ai produttori sulla gestione dei pulcini di ovaiole. Uno dei problemi che abbiamo nella provincia sono le alte temperature e se non vengono prese le dovute precauzioni, grandi quantità di polli possono morire, cosa che dobbiamo evitare a tutti i costi.”

Il coordinatore di “Avi Chaco” ha affermato che “il nostro obiettivo è insegnare alle persone che hanno intrapreso questa attività come comportarsi in varie situazioni climatiche. È necessario lavorare molto su molti punti di cui le persone non tengono conto quando allevano galline ovaiole. Parliamo di salute e dell’importanza che questa ha, perché gli animali che vengono allevati se ne andranno quando il processo di crescita finirà, questo cibo nutrirà una certa popolazione”.

“Insegniamo loro a trasformarsi da allevatori di polli a produttori di uova, soprattutto di uova sane, perché noi lavoriamo con il benessere degli animali, con cibo di qualità e loro si chiamano galline single e felici perché non hanno il gallo, perché abbiamo bisogno della non produzione di uova .di pulcini, e felici, perché devono essere liberi ed è così che trascorrono questa fase, liberi, al pascolo, prendendo il sole, con il benessere degli animali,” ha sottolineato la dottoressa Aranda.

Il tecnico ha spiegato che gran parte del lavoro che fanno è “organizzare i pollai e insegnare al produttore come fare un allevamento di pollame sostenibile, con pollai ecologici. Mostriamo che esistono altre alternative per realizzare pollai, utilizzando materiali riciclabili ed ecologici, utilizzando silobag per i tetti, a seconda dell’ubicazione dell’impresa. Facciamo appello al materiale rinvenuto nella zona. I nostri colloqui rappresentano un cambiamento di paradigma nei costumi delle persone che vivono nelle campagne”, ha concluso il dottor Javier Aranda.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-