Com’è la controversa base militare argentina installata sul suolo cileno?

Com’è la controversa base militare argentina installata sul suolo cileno?
Com’è la controversa base militare argentina installata sul suolo cileno?

“Devono rimuovere quei pannelli solari il prima possibile o lo faremo noi”. Con queste parole, il presidente Gabriel Boric ha dato un ultimatum all’Argentina per la controversa base militare installata in territorio cileno.

Il presidente, pur sottolineando che il Ministero degli Esteri argentino si è scusato per l’accaduto, ha anche sottolineato che i confini non sono una questione su cui si possono “avere ambiguità”, perché sono un “principio fondamentale del rispetto” tra le due nazioni.

“Immagino che non avremo problemi in questo senso, ma è un segnale fuorviante, un segnale che non ci piace e quindi quello che chiediamo è che questa cosa venga risolta nel più breve tempo possibile”Boric ha sottolineato nel bel mezzo del suo tour europeo.

Questa è la base militare argentina

La controversia sul confine iniziò a fermentare il 29 aprile, il giorno in cui la Marina argentina inaugurò la Marina argentina “Posto di sorveglianza e controllo del traffico marittimo Tappa 1” al fine di migliorare le condizioni di vita e di lavoro del personale dell’istituzione.

L’opera si trova nel cuore della Patagonia, sull’esatto confine che divide il Cile dal Paese transandino. Sul versante cileno si trova nella Terra del Fuoco, nella regione di Magallanes.

La base militare argentina che ha scatenato un conflitto al confine con il Cile. Foto: Marina argentina.

Secondo la Marina argentina, La Fondazione Mirgor e la società Total Energies hanno donato due moduli abitativi e pannelli solari per la fornitura di elettricità. Oltre a queste strutture sono stati installati anche schermi fotovoltaici.

“Questa iniziativa migliorerà le condizioni di abitabilità, funzionamento e sostenibilità della posta, costituendo un esempio di lavoro congiunto tra le istituzioni dello Stato Nazionale e il contributo di aziende private”, ha affermato il Commodoro José Alberto Martí Garro durante la cerimonia di inaugurazione.

Tuttavia, in seguito si scoprì che i pannelli solari avevano attraversato più di tre metri nel territorio cileno. Lo ha verificato sul campo la Direzione Confini e Limiti di Stato, agenzia del Ministero degli Affari Esteri.

È anche una zona strategica: è lì che si trova l’imboccatura orientale dello Stretto di Magellano.

La settimana scorsa, l’ambasciatore argentino in Cile, Jorge Faurie, ha riconosciuto che si era trattato di un “errore materiale”, poiché chi era responsabile dell’installazione si era lasciato guidare “da un recinto di filo metallico in una stanza” che si trova lì. Ha inoltre sostenuto che non sarebbe possibile completare il ritiro così presto.

“Il problema è che spostarli non sarebbe possibile in questo momento. Dovremmo aspettare l’estate”, furono le parole di Faurie.

Dopo l’avvertimento lanciato dal presidente Boric, i media Infobae ha riferito che il governo argentino prevede di rimuovere i pannelli solari nelle prossime ore. L’annuncio ufficiale dovrebbe arrivare lunedì, dopo gli incontri tra il ministro degli Esteri Diana Mondino e il ministro della Difesa argentino, Luis Petri.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-