La “bambina di Lucy” ha appena due milioni di anni

La “bambina di Lucy” ha appena due milioni di anni
La “bambina di Lucy” ha appena due milioni di anni

Un asteroide soprannominato “il bambino di Lucy” dopo che una navicella spaziale della NASA ha scoperto che stava orbitando attorno a un altro asteroide lo scorso novembre ha solo 2 o 3 milioni di anni.

Utilizzando nuovi calcoli statistici, un team della Cornell University ha ricavato l’età di Selam, una “luna” che circonda il piccolo asteroide Dinkinesh nella fascia principale degli asteroidi tra Marte e Giove, basandosi esclusivamente sulla dinamica o su come la coppia interagisce nello spazio. Il loro calcolo concorda con quello della missione Lucy della NASA basato su un’analisi dei crateri superficiali, il metodo più tradizionale per datare gli asteroidi.

Il nuovo metodo integra questo lavoro e presenta alcuni vantaggi: non richiede un costoso veicolo spaziale per catturare immagini ravvicinate, potrebbe essere più accurato nei casi in cui le superfici degli asteroidi hanno subito cambiamenti recenti e può essere applicato a dozzine di corpi secondari. . da altri sistemi binari conosciuti, che rappresentano il 15% degli asteroidi vicini alla Terra, hanno detto i ricercatori.

“Trovare l’età degli asteroidi è importante per capirli, e questo è notevolmente giovane rispetto all’età del sistema solare, il che significa che si è formato di recente”, ha detto in una dichiarazione Colby Merrill, uno studente di dottorato nel campo della scienza. Ingegneria Aerospaziale. “Ottenere l’età di questo corpo può aiutarci a comprendere la popolazione nel suo insieme”, ha aggiunto Merrill, primo autore del nuovo studio, pubblicato su Astronomy & Astrophysics.

Gli asteroidi binari sono oggetti dinamicamente complessi e affascinanti che si impegnano in una sorta di tiro alla fune, hanno detto i ricercatori. La gravità che agisce sugli oggetti li fa rigonfiare fisicamente e produce maree, che riducono lentamente l’energia del sistema. Nel frattempo, la radiazione solare altera anche l’energia del sistema binario con un effetto chiamato effetto binario Yarkovsky-O’Keefe-Radzievskii-Paddack (BYORP).

Nel corso del tempo, il sistema raggiungerà un equilibrio in cui le maree e il BYORP saranno ugualmente forti: una situazione di stallo nel tiro alla fune.

Supponendo che queste forze fossero in equilibrio e collegandosi ai dati sugli asteroidi condivisi pubblicamente dalla missione Lucy, i ricercatori hanno calcolato quanto tempo avrebbe impiegato Selam per raggiungere il suo stato attuale dopo essersi formato rapidamente dal materiale superficiale espulso da un Dinkinesh rotante. Lungo il percorso, il team ha affermato di aver migliorato le equazioni preesistenti che presupponevano che entrambi i corpi fossero ugualmente densi e ignoravano la massa del corpo secondario.

Eseguendo circa 1 milione di calcoli con parametri diversi, i risultati hanno prodotto un’età media di Selam di 3 milioni di anni, con 2 milioni come risultato più probabile.

PIÙ GIOVANE DEI RESTI FOSSILI CHE DANNO IL NOME

La determinazione dell’età di Selam fa avanzare i confronti con Didymos e Dimorphos, il sistema ancora più giovane preso di mira dalla missione DART della NASA, e contribuisce alla comprensione che i sistemi binari vengono continuamente creati. I ricercatori sperano ora di applicare il loro nuovo metodo di invecchiamento ad altri sistemi binari in cui la dinamica è stata ben caratterizzata, anche senza passaggi ravvicinati.

“Utilizzato insieme al conteggio dei crateri, questo metodo potrebbe aiutare a limitare meglio l’età di un sistema”, ha detto Kubas. “Se usiamo due metodi e questi corrispondono tra loro, possiamo essere più sicuri che stiamo ottenendo un’età significativa che descrive lo stato attuale del sistema.”

I calcoli suggeriscono che l’asteroide Selam è più giovane del fossile dell’antenato umano sulla Terra da cui prende il nome: i resti scheletrici di una bambina di 3 anni trovati in Etiopia, che si ritiene abbiano 3,3 milioni di anni. Selam significa “pace” nella lingua etiope ed è stato anche soprannominato “la bambina di Lucy”, in riferimento ai famosi resti di un antenato umano ritrovati nel 1974 e soprannominati Lucy o Dinkinesh. La missione della NASA intitolata a Lucy è sulla buona strada per studiare gli asteroidi troiani nell’orbita di Giove nel 2027.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Cadem: Il presidente Boric raggiunge il livello di approvazione più basso da quando è entrato in carica
NEXT i biglietti costeranno fino a $ 30.000