Susana Rodríguez, triatleta e dottoressa specializzata in Medicina Fisica e Riabilitazione

Susana Rodríguez, cinque volte campionessa del mondo, quattro volte campionessa europea e campionessa paralimpica a Tokyo, è l’icona del nuovo paradigma di marketing. Ha un’acuità visiva del 5% in un occhio e del 7% nell’altro a causa dell’albinismo. Residente a Santiago de Compostela, il triatleta è un medico specializzato in Medicina Fisica e Riabilitazione. Perché sei riuscito a conquistare la fiducia dei grandi marchi? E come è diventata un’atleta influente nella società?

Dopo essere stata sulla copertina della rivista Time nel luglio 2021 per il suo impegno di cittadina, La sua vita ha preso una svolta di 180 gradi. Durante la prima fase della pandemia globale di coronavirusnel marzo 2020, ancora ignota del successivo rinvio dei Giochi, non ha esitato a mettersi in prima linea per aiutare con le sue condizioni mediche presso l’Ospedale Clinico di Santiago.

Susana Rodríguez Ha il sostegno di sei sponsor, tra cui Adidas, Iberdrola, NTT Data, La Roche Posay e Uber, oltre a tenere conferenze ad aziende come Google e partecipare a campagne come ambasciatore di diversi marchi.tra cui Hilton Hotels, Aguas Cabreiroa o la multinazionale Barbie, che ha disegnato una bambola a sua immagine e somiglianza.

“Per me è un cambiamento che ho vissuto in modo del tutto naturale perché in fin dei conti vivo ancora nello stesso posto, circondato dalle stesse persone e non ho perso il contatto con la mia professione medica che alla fine ti fa vedere la realtà quotidiana della popolazione che è fuori dalla bolla dello sport di alto livello. È chiaro che essere un personaggio “pubblico” è anche una responsabilità ma nel mio caso mantengo la mia essenza abituale,” Susana commenta all’EFE.

Susana Rodríguez guida un gruppo di atlete che lottano per l’inclusione. Anche Adiaratou Iglesias ed Eva Moral non sono più sconosciute. La loro immagine varca i confini dello sport e da tempo hanno iniziato a rappresentare anche un richiamo per i brand, che nel loro caso cercano storie ispiratrici come nuovi riferimenti nella società.

Il mondo cambia ogni giorno e con esso, in questa società dell’immediatezza, I social network, la comunicazione e l’immagine giocano un ruolo molto importante. I riferimenti di un tempo non esistono più e le nuove generazioni cercano riferimenti diversi molto lontani da quelli che furono per i loro genitori.

CAMBIAMENTO DI PARADIGMA

Oltre al supporto di alcune aziende, Anche gli atleti paralimpici ricevono premi prestigiosi che rafforzano la loro immagine e, soprattutto, rendono giustizia ai loro risultaticome il Premio Sportivo Principessa delle Asturie 2021 a Teresa Perales o i Premi Sportivi Nazionali assegnati nel 2023 e 2024 a Susana Rodríguez e Adiaratou Iglesias.

La gestione della strategia di marketing e comunicazione di alcuni atleti paralimpici è cresciuta a tal punto che casi come quello di Susana Rodríguez, Adiaratou Iglesias ed Eva Moral hanno ora un rappresentante professionale che è responsabile di tutte le procedure. E in quello di Eva Moral e Adiaratou Iglesias, oltre a un rappresentante, hanno un ‘community manager’ che gestisce l’intera strategia di comunicazione e contenuti sui propri social network.

“Siamo incaricati di negoziare e realizzare le diverse opportunità commerciali che ci vengono presentate (sponsorizzazioni, conferenze, eventi, ecc.), oltre a progettare l’intera strategia di marketing e contenuti,” commenta Ignacio García, dell’agenzia Darhima Sports Marketing, rappresentante dei tre atleti paralimpici.

La vita di Eva Moral è cambiata nel settembre 2013, quando ha perso il controllo della bicicletta durante una corsa tra le montagne di Madrid. a causa della pioggia ed è caduta in un burrone di sette metri, provocandole una lesione alla colonna vertebrale che da allora la tiene su una sedia a rotelle.

La sua forza di volontà basata su tanto lavoro, Molte ore di riabilitazione e tanta guida l’hanno portata a realizzare il suo sogno di partecipare ai Giochi Paralimpici di Tokyo., in cui ha vinto un bronzo nella sua categoria. Un anno dopo, nel 2022, ottiene la sua “miglior medaglia”: Carmen, sua figlia.

La sua storia è un esempio di miglioramento che l’ha resa un punto di riferimento nello sport femminile. e un personaggio molto seguito sui social network, come dimostrano i quasi 26.000 follower che ha su Instagram, che scoprono anche che Toyota, Iberdrola e Sanitas sono le principali entità che l’aiutano nel suo percorso verso il successo.

LA REGINA DELLA VELOCITÀ PARALIMPICA

Un altro esempio è Adiaratou Iglesias, la regina albina della velocità dell’atletica paralimpica spagnola, che stupì il mondo con la sua audacia ai Giochi di Tokyo e la sua fiducia in pista per vincere due medaglie, una d’oro e una d’argento.

Adiaratou è nato con l’albinismo, un disturbo causato da mutazioni in diversi geni che produce una riduzione o totale assenza di pigmento di melanina negli occhi, nella pelle e nei capelli. e che, a volte, influisce anche sulla vista, come nel tuo caso, con una capacità visiva inferiore al 20%.

Arrivò in Spagna quando aveva undici anni, fu in orfanotrofio e a quindici fu adottata da María Lina Iglesias, una maestra di Lugo. Incontrarla le ha cambiato la vita. Successivamente ha trovato rifugio nell’atletica e la sua figura di atleta è cresciuta enormemente.

“L’evoluzione del marketing negli ultimi cinque o dieci anni è enorme. Nel marketing, hanno iniziato a interessarsi alle persone con disabilità e i marchi hanno iniziato a vedere che possiamo raggiungere molte più persone attraverso le storie che possiamo raccontare. Penso anche che la nostra mentalità si sia evoluta molto per curare la nostra immagine e che ci siano persone che ci rappresentano per raggiungere marchi che ci interessano. Questo è l’inizio di tutto. Ogni anno raggiungiamo più persone e iniziamo a essere persone importanti”, ha detto a EFE Adiaratou, che ha sponsor come Puma International, Iberdrola e ha partecipato all’ultima campagna Sanitas per i Giochi di Parigi 2024.

I numeri lo riflettono crescente interesse da parte dei brand per questi atleti paralimpici, il cui livello di fatturato è aumentato in modo significativo negli ultimi anni senza dipendere strettamente dai risultati sportivi o dalla vicinanza ai Giochi.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV A Baranoa garantiamo benessere agli animali: il sindaco Edinson Palma
NEXT spettacoli, laboratori e medicine gratuite al Parque O’Higgins