Nonostante l’appoggio di un campione del mondo, Francisco Cerundolo non è riuscito a battere Taylor Fritz e ha salutato il Masters 1000 di Madrid

Nonostante l’appoggio di un campione del mondo, Francisco Cerundolo non è riuscito a battere Taylor Fritz e ha salutato il Masters 1000 di Madrid
Nonostante l’appoggio di un campione del mondo, Francisco Cerundolo non è riuscito a battere Taylor Fritz e ha salutato il Masters 1000 di Madrid

IL quarti di finale del Masters 1000 di Madrid ha segnato la chiusura della partecipazione di Francisco Cerúndolo. L’argentino, che aveva appena sferrato il colpo al tedesco Alexander Zverev con una vittoria eroica 6-3 e 6-4, non poteva battere l’americano Taylor Fritz in una maratona di battaglia. Con parziale 6-1, 3-6 e 6-3, La leader dell’Albiceleste ha perso un duello equilibrato ed emozionante.

Pur avendo il supporto di Rodrigo De Paul, che ha approfittato del suo tempo libero nel Atletico Madrid e si avvicinò all’incantevole stadio Manolo Santana per accompagnare il suo connazionale, Fran non è stato possibile accedere a semifinali della competizione nella capitale spagnola. L’ex Racing man ha seguito con entusiasmo ogni movimento, finché le telecamere non lo hanno portato dietro i tradizionali malvoni che decorano il palco. Fu nel momento in cui avvenne la vittoria di Fritz.

Cinque assi del nordamericano rispetto all’unico creolo ha segnato una delle differenze dello spettacolo. Una situazione simile con doppi falli, dato che il sudamericano aveva 4 contro l’unico di cui si poteva osservare il rivale. Tuttavia, cerundolo Aveva una maggiore efficacia nel servizio (71% contro il 61% dell’avversario).

Il giocatore di 25 anni Era arrivato in territorio iberico posizionandosi al 21° posto del ranking ATP, alle spalle del connazionale Sebastiano Baez (19°) e di fronte Tomás Martín Etcheverry (27°). Ma con la sconfitta non ci sono più riferimenti per la bandiera dell’Albiceleste nella contesa.

L’ultima volta che un argentino era riuscito a raggiungere i quarti di finale Madrid Masters 1000 era avvenuto nell’edizione 2012Quando Juan Martin del Potro In quel caso ha battuto l’ucraino Aleksandr Dolgopolov ma poi cadde in semifinale contro il ceco Tomas Berdych. A quel punto, il Torre de Tandil aveva interrotto una serie di due edizioni consecutive senza argentini in quella situazione, visto che era arrivato in semifinale anche nel 2009 dopo aver vinto i quarti contro il britannico Andy Murray ma poi perso contro Roger Federer. Inoltre, gli svizzeri avevano eliminato l’argentino nei quarti di finale del 2008.

Il fatto eccezionale è che l’unico argentino a vincere la corona in questa eccezionale competizione su terra battuta è stato David Nalbandian dentro 2007dopo aver battuto Federer nella partita decisiva (1-6, 6-3 e 6-3).

Cerundolo ha vinto due titoli ATP in carriera finora e ha giocato altre due finali. Anche se il momento più straordinario di quella partita è stato quando ha alzato la corona sull’erba di Eastbourne e ha rotto una serie di vittorie che duravano da quasi tre decenni per il tennis argentino.

In un altro degli incontri, Carlos Alcaraz ha detto addio Andrej Rublev. Il russo, che già nelle edizioni precedenti era riuscito a eguagliare le sue prestazioni, e senza rinunciare a un set nel torneo – il primo contro Carlitos – ha vinto con set di 4-6, 6-3 e 6-2. L’ultimo e unico confronto tra i due era avvenuto alle ATP Finals dell’anno scorso. In quell’occasione il tono della partita fu completamente diverso e fu proprio lo spagnolo a siglare la vittoria per 7-5 e 6-2. Questo mercoledì Rublev è stato chiaro: voleva essere semifinalista. E così tanto che lo è stato. Dopo aver battuto l’argentino Bagins, lo spagnolo Davidovich e l’olandese Griekspoor, Il russo ha scavalcato Alcaraz contro ogni pronostico.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Fury e Usyk fanno la storia oggi a Riyadh
NEXT Union, con un cambio cantato per visitare l’Istituto di Córdoba