Uno stile di vita sano può compensare i rischi genetici di morte prematura, secondo uno studio

Uno stile di vita sano può compensare i rischi genetici di morte prematura, secondo uno studio
Uno stile di vita sano può compensare i rischi genetici di morte prematura, secondo uno studio

In un recente studio pubblicato sulla rivista Medicina basata sull’evidenza del BMJi ricercatori hanno valutato il modo in cui lo stile di vita e i fattori genetici sono collegati alla durata della vita utilizzando un set di dati di coorte longitudinale.

I loro risultati indicano che esistono associazioni indipendenti tra stile di vita e fattori genetici e durata della vita e che seguire uno stile di vita sano può mitigare il rischio di morte prematura o di una durata di vita più breve a causa di fattori genetici.

Studio: Predisposizione genetica, stili di vita modificabili e loro effetti congiunti sulla durata della vita umana: prove da più studi di coorte. Credito di immagine: lusia83/Shutterstock

Sfondo

È noto che la durata della vita umana è influenzata da fattori genetici, con un’ereditarietà stimata in circa il 16% da alcuni studi, nonché da attributi non genetici come lo stile di vita.

I ricercatori hanno identificato un’apolipoproteina E “gene della longevità” e altri loci genetici significativamente correlati alla durata della vita.

Tuttavia, anche se alcune persone sono geneticamente predisposte verso una durata di vita più breve, alcuni comportamenti modificabili nello stile di vita possono mitigarne il rischio, ma non è ben compreso fino a che punto un elevato rischio genetico di morte prematura possa essere compensato dallo stile di vita.

A proposito dello studio

I ricercatori hanno combinato dati di coorte provenienti da più fonti, incluso lo studio della Biobank del Regno Unito, per calcolare un punteggio di rischio poligenico (PRS) che valutasse la suscettibilità genetica degli individui legata alla loro durata di vita.

Utilizzando questo punteggio, i partecipanti sono stati classificati in base alla loro durata di vita umana geneticamente prevista come lunga, intermedia e breve. Gli individui nel quintile PRS più basso sono stati classificati come geneticamente predisposti a una lunga durata di vita.

I ricercatori hanno quindi utilizzato il PRS per esaminare la relazione tra la durata della vita e specifici indicatori di stile di vita comuni come la durata del sonno, la forma del corpo, l’attività fisica, la dieta, il consumo di alcol e il fumo, nonché il modo in cui lo stile di vita e i fattori genetici interagiscono per influenzare la durata della vita.

Questi indicatori di stile di vita sono stati utilizzati per costruire un punteggio di stile di vita sano (HLS). Sulla base dell’HLS, i partecipanti sono stati classificati come aventi stili di vita sfavorevoli, intermedi e favorevoli.

I ricercatori hanno calcolato la durata della vita come la data di morte meno la data di nascita o come la somma dell’età al basale con il tempo di follow-up. Sono esclusi i decessi derivanti da COVID-19, lesioni o incidenti. Le covariate nell’analisi includevano sesso, età, comorbilità, stato socioeconomico e livello di istruzione, che sono stati raccolti tramite questionari di base.

Il set di dati è stato analizzato utilizzando modelli di regressione logistica multivariata e modelli di regressione del rischio proporzionale di Cox; questi sono stati aggiustati con le covariate e le componenti principali ancestrali.

Sono stati utilizzati modelli parametrici flessibili di sopravvivenza per calcolare l’aspettativa di vita per i partecipanti con diversi stili di vita e classi di rischio genetico. Sono stati eseguiti modelli di interazione moltiplicativa per esaminare le interazioni tra fattori legati allo stile di vita e PRS. Sono stati condotti test di sensibilità multipli per valutare la robustezza dei risultati.

Risultati

Lo studio ha analizzato i dati di 353.742 partecipanti europei, escludendo quelli che non disponevano di dati genetici, che non avevano superato il controllo di qualità o che erano morti per cause specifiche.

Il follow-up mediano è stato di 12,9 anni, durante i quali si sono verificati 24.239 decessi. È stato creato un PRS basato su 19 polimorfismi a singolo nucleotide indipendenti, che mostra un aumento lineare del rischio di morte tra le categorie di rischio genetico.

I partecipanti con un rischio genetico elevato avevano un rischio di morte maggiore del 21% rispetto a quelli con un rischio genetico basso, anche dopo aver aggiustato i fattori legati allo stile di vita.

Inoltre, l’HLS ha dimostrato una relazione dose-risposta con il rischio di morte. Gli individui con uno stile di vita sfavorevole avevano un rischio di morte maggiore del 78% rispetto a quelli con uno stile di vita favorevole. Questa associazione persisteva anche dopo aver tenuto conto del rischio genetico.

L’analisi combinata dello stile di vita e dei fattori genetici ha rivelato che gli individui con un alto rischio genetico e uno stile di vita sfavorevole avevano un rischio di morte maggiore del 104% rispetto a quelli con un basso rischio genetico e uno stile di vita favorevole.

Al contrario, quelli con un alto rischio genetico ma uno stile di vita favorevole avevano un rischio di morte inferiore del 54% rispetto alle loro controparti con uno stile di vita sfavorevole.

L’analisi stratificata è stata confermativa, suggerendo che uno stile di vita sfavorevole aumenta il rischio di morte per tutti i gruppi a rischio genetico. Non è stata riscontrata alcuna interazione significativa tra rischio genetico e fattori legati allo stile di vita. Le analisi di sensibilità hanno supportato la robustezza dei risultati.

L’impatto combinato dello stile di vita e del rischio genetico sull’aspettativa di vita è stato valutato in un’analisi secondaria.

I partecipanti con uno stile di vita favorevole e un basso rischio genetico avevano un’aspettativa di vita significativamente più lunga rispetto a quelli con uno stile di vita sfavorevole e un alto rischio genetico, con una differenza media di vita di 6,7 anni.

Lo studio ha sottolineato l’importanza dei fattori legati allo stile di vita, in particolare la cessazione del fumo, l’attività fisica, il sonno e la dieta, nel prolungare la durata della vita.

Conclusioni

La discussione evidenzia l’indagine dello studio sull’interazione di fattori genetici e di stile di vita sulla durata della vita tra 353.742 individui.

I risultati rivelano che un rischio genetico più elevato è correlato a un aumento del rischio di morte del 21%, mentre uno stile di vita sfavorevole comporta un rischio più elevato del 78%, indipendentemente dai fattori genetici. Tuttavia, uno stile di vita favorevole può compensare le predisposizioni genetiche fino al 62%, con combinazioni specifiche che producono risultati migliori.

I punti di forza includono gruppi ampi e potenziali e analisi di sensibilità complete. Le limitazioni includono la comprensione genetica incompleta, il breve follow-up, la dipendenza da dati auto-riportati e la rappresentatività della coorte.

Tuttavia, la promozione di stili di vita sani potrebbe prolungare la durata della vita e mitigare il rischio genetico, suggerendo significative implicazioni per la salute pubblica.

Riferimento alla rivista:

  • Predisposizione genetica, stili di vita modificabili e loro effetti congiunti sulla durata della vita umana: prove da più studi di coorte. Bian, Z., Wang, L., Fan, R., Sun, J., Yu, L., Xu, M., Timmers, P.R.H.J., Shen, X., Wilson, J.F., Theodoratou, E., Wu, X., Li, X. Medicina basata sull’evidenza del BMJ (2024). DOI: 10.1136/bmjebm-2023-112583, https://ebm.bmj.com/content/early/2024/04/16/bmjebm-2023-112583
 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Sabato è prevista una giornata di divertimento per tutta la famiglia allo stagno dell’Arkansas State University
NEXT Crollo dell’accaparramento di Ghatkopar: VJTI ha chiesto di accertare la ‘causa tecnica’ del crollo | Notizie di Mumbai