De Niro definisce Trump “un mostro”; Avverte di Hitler e paralleli con la Germania nazista

MSNBC tramite Twitter

Dopo anni di proteste contro Donald Trump, il premio Oscar Robert De Niro ha cercato di essere più misurato, ma anche più urgente, nelle sue critiche all’ex presidente questa settimana. In un’intervista con Stephanie Ruhle su MSNBC L’undicesima oral’attore ha detto: “Sono stanco di insultarlo… È davvero, sinceramente una persona malata”.

Alla domanda di Ruhle se avrebbe mai interpretato Trump sullo schermo, De Niro ha quasi interrotto la domanda a cui si è affrettato a rispondere: “Mai. Non c’è niente in lui, non c’è niente di redentore in lui che io possa vedere. (Da notare che De Niro fatto accetta di interpretare William Hale nel film di Martin Scorsese Gli assassini della luna dei fiori, che ho definito “un sociopatico”. Trump, a quanto pare, è oltre ogni limite.)

A coloro che vorrebbero tapparsi il naso e votare per Trump nonostante gli evidenti fallimenti, l’attore ha detto: “Non credo che capiscano quanto sarebbe pericoloso se mai, Dio non voglia, diventasse presidente”. [again]. Non penso che capiscano davvero. E, storicamente, da quello che vedo, nella Germania nazista ce l’avevano con Hitler. Non lo prendono sul serio. Sembra un clown. Si comporta come un clown. Mussolini, stessa cosa. Questi ragazzi, non so perché, sembrano dei clown. “In qualche modo le persone, quell’elemento della società, si identificano con loro.”

In termini di cosa significherebbe un secondo mandato di Trump, De Niro ha detto: “Sarebbe un caos oltre la nostra immaginazione. Non c’è nessun mistero su di lui. È proprio in prima linea e quello che dice è quello che sarà se diventerà presidente.

Alla domanda se pensasse che la democrazia americana fosse a rischio, il premio Oscar ha risposto che la sua preoccupazione era ancora più fondamentale.

“Si tratta di giusto e sbagliato. Periodo. Quel ragazzo è un mostro. E’ assolutamente sbagliato. È quasi come se volesse fare le cose più orribili a cui riesce a pensare per ottenere… un risveglio da noi? “Non so cosa sia, ma è dannatamente spaventoso.”

Ma “spaventoso” non è sufficiente per fermare l’ottantenne, dichiaratamente arrabbiato.

“L’idea di essere vittima di bullismo alla mia età da parte di qualcuno come questo, [it] non sta accadendo… Penso che altre persone dovranno alzarsi perché o è così, o ti ritroverai in un mondo così terrificante… Sentiamo sempre parlare di persone provenienti dall’Europa dell’Est, di ebrei provenienti da altre parti del mondo L’Europa dell’Est e l’Europa dell’Ovest stanno arrivando. Guarda cosa è successo in Francia, con i nazisti e così via. Quando ero bambino dicevo: “Hitler, è un incubo”. Non sarebbe mai successo [here].’ Ma ora vedo che è possibile”.

Quindi voterò per Biden?

“Non abbiamo scelta”, ha risposto De Niro. “È un bravo ragazzo. “Sta cercando di fare la cosa giusta.”

Ha chiesto il suo consiglio a Biden nella campagna: “Vai da lui. “La gente se ne accorge quando lo fai”, consigliava De Niro. “in senso figurato, dargli un pugno in faccia. Vai da lui. Un bullo a cui ti prendi un pugno in faccia. “Il problema con Trump è che non è solo un bullo, è uno stupido bullo.”

Vedi altro

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Legalmente parlando, il fuoco non può creare o distruggere un matrimonio nel Tamil Nadu | Notizie di Chennai
NEXT 6 titoli auriferi ai massimi di 52 settimane o prossimi. I grafici dei prezzi.