Uccisione di Hardeep Singh Nijjar: la polizia arresta 3 persone per la morte dell’attivista BC Sikh

Uccisione di Hardeep Singh Nijjar: la polizia arresta 3 persone per la morte dell’attivista BC Sikh
Uccisione di Hardeep Singh Nijjar: la polizia arresta 3 persone per la morte dell’attivista BC Sikh

Tre persone sono state arrestate e accusate dell’omicidio dell’attivista BC Sikh Hardeep Singh Nijjar, mentre le autorità continuano a indagare su potenziali collegamenti con il governo indiano.

I documenti del tribunale mostrano che Karanpreet Singh, 28 anni, Kamalpreet Singh, 22 anni, e Karan Brar, 22 anni, stanno affrontando ciascuno un conteggio di omicidio di primo grado e un conteggio di cospirazione per commettere omicidio nella morte di Nijjar.

Tutti e tre sono cittadini indiani che vivevano a Edmonton quando sono stati presi in custodia venerdì mattina, hanno detto le autorità.

Gli investigatori ritengono che gli uomini fossero nel Surrey, BC, il 18 giugno 2023, il giorno in cui Nijjar, 45 anni, fu ucciso a colpi di arma da fuoco fuori dal suo gurdwara in città.

Il portavoce del BC Gurdwaras Council, Moninder Singh, ha detto che lui e la famiglia di Nijjar sono stati informati dagli investigatori nel Surrey sugli arresti, e che i figli di Nijjar erano “molto emozionati”.

“Al momento, c’è un po’ di sospiro di sollievo per l’omicidio del padre”, ha detto Singh. “C’è un po’ di rabbia e frustrazione riguardo al motivo per cui tutto ciò è dovuto accadere, e poi ci sono molte domande in tutta l’India.”

“È finita?” Ho aggiunto. “Come possiamo tornare nella nostra comunità e avere questa conversazione in giro, è sicuro o non è sicuro?”

Potenziali legami con l’India

Intervenendo in una conferenza stampa, RCMP Asst. Il commissario David Teboul, comandante del programma di polizia federale nella regione del Pacifico, ha sottolineato che l’omicidio rimane “molto oggetto di indagini attive”.

“Ci sono indagini separate e distinte in corso su questi argomenti, certamente non limitate al coinvolgimento delle persone arrestate oggi, e questi sforzi includono l’indagine sui collegamenti con il governo indiano”, ha detto Teboul.

Con le accuse ora formulate, le autorità hanno mantenuto la bocca chiusa su come la loro indagine durata mesi li abbia portati ai tre sospettati.

“Con inequivocabile impegno nell’amministrazione della giustizia e con rispetto per l’imminente processo giudiziario su questa questione, non siamo in grado di fare alcun commento sulla natura delle prove raccolte dalla polizia, né possiamo parlare del movente dell’omicidio. “, ha detto Teboul.

Le accuse di venerdì sostengono che la cospirazione si è svolta sia nel Surrey che a Edmonton tra il 1 maggio 2023 e il giorno dell’omicidio di Nijjar.

Le autorità non hanno potuto commentare lo status di immigrato dei tre uomini arrestati, ma hanno affermato che sono arrivati ​​in Canada negli ultimi cinque anni e non sono residenti permanenti.

“Altri potrebbero aver avuto un ruolo”

Supp. Mandeep Mooker, l’ufficiale responsabile della squadra investigativa integrata sugli omicidi della BC, ha detto che la polizia è anche “consapevole che altri potrebbero aver avuto un ruolo” nell’omicidio.

“Rimaniamo impegnati a trovare e arrestare ognuno di questi individui”, ha aggiunto Mooker.

La polizia ha riconosciuto che l’aggiornamento lascerebbe molte domande senza risposta nella comunità sikh del Surrey, che è stata scossa da quello che alcuni hanno subito temuto fosse un assassinio politico.

In quanto sostenitore vocale del movimento Khalistan, che sostiene una patria sikh separata nella provincia indiana del Punjab, Nijjar era un ricercato in India, dove le autorità lo hanno etichettato come terrorista nel 2020.

Al momento della sua morte, stava organizzando un referendum non ufficiale sul Khalistan tra la diaspora sikh in BC con l’organizzazione Sikhs For Justice.

È stato ucciso a colpi di arma da fuoco da uomini armati mascherati fuori dal Guru Nanak Sikh Gurdwara, dove era presidente.

Crisi diplomatica con l’India

Il caso ha scatenato una crisi diplomatica tra Canada e India dopo che il primo ministro Justin Trudeau ha rivelato che i servizi di intelligence stavano indagando su informazioni su un potenziale collegamento con il governo indiano.

Il ministro canadese della Pubblica Sicurezza ha rifiutato di commentare ulteriormente le accuse venerdì, dicendo ai giornalisti di Parliament Hill che tali questioni sono meglio affrontate dalla polizia.

“Ho piena fiducia nell’apparato di sicurezza del governo canadese, nel lavoro dell’RCMP e nel lavoro svolto dal Servizio di intelligence per la sicurezza (canadese)”, ha affermato il ministro Dominic Leblanc.

“Penso che l’operazione di polizia che vedete in corso oggi confermi che l’RCMP prende queste questioni estremamente sul serio.”

Il Partito conservatore denuncia le “ingerenze straniere”

A novembre, le autorità statunitensi hanno reso pubblico un atto d’accusa secondo cui un diplomatico indiano era coinvolto in una cospirazione per ordinare l’uccisione di un separatista sikh in quel paese, indicando una campagna potenzialmente più ampia di omicidi contro i sikh al di fuori dell’India.

Il complotto è stato sventato, ma le autorità americane hanno affermato che le loro indagini hanno trovato prove di piani per assassinare canadesi, incluso Nijjar.

Il Partito conservatore canadese, in una dichiarazione seguita agli arresti di venerdì, ha puntato il dito contro il governo Trudeau, definendo l’omicidio di Nijjar un caso “inaccettabile” di “interferenza straniera” in Canada.

“Ci auguriamo che il governo sia in grado di sventare questo complotto e di impedire che questo omicidio avvenga in primo luogo, come è avvenuto negli Stati Uniti”, si legge nella nota.

“Incredulità e rabbia”

Assist. Il commissario Brian Edwards, ufficiale responsabile del distaccamento RCMP del Surrey, ha elogiato il dirigente del Guru Nanak Sikh Gurdwara per la sua assistenza – e la sua pazienza – durante le indagini sull’omicidio, anche se stavano attraversando “intenso dolore e dolore”.

“Le indagini in Canada sono complesse”, ha detto Edwards. “Sono molto, molto onerosi e richiedono tempo. Pertanto, il sostegno di questi individui e della comunità in generale è stato essenziale per arrivare dove siamo oggi.”

Il premier della BC David Eby ha espresso la sua gratitudine agli investigatori che lavorano sul caso e ha affermato che la provincia sosterrà il processo legale man mano che il procedimento penale verrà avviato.

“C’è incredulità e rabbia nella comunità, oltre alla terribile perdita subita dalla famiglia e dai cari del signor Nijjar”, ha detto Eby in una nota. “Spero che l’annuncio odierno delle accuse contro tre persone sia un passo importante verso la giustizia per la sua famiglia e la responsabilità verso l’intera comunità”.


Con file della giornalista parlamentare digitale senior di CTV News Rachel Aiello e della stampa canadese

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV A causa dell’ondata di freddo e della carenza di metano, il governo decide di acquistare olio combustibile e diesel all’estero
NEXT La difesa chiude il caso senza che l’ex presidente Trump testimoni