Williams della Fed afferma che l’obiettivo di inflazione del 2% è “critico” Da Reuters

Williams della Fed afferma che l’obiettivo di inflazione del 2% è “critico” Da Reuters
Williams della Fed afferma che l’obiettivo di inflazione del 2% è “critico” Da Reuters

Di Ann Saphir

PALO ALTO, California (Reuters) – L’obiettivo di inflazione del 2% fissato dalla banca centrale statunitense è fondamentale per raggiungere la stabilità dei prezzi ed essenziale per garantire la prosperità economica, ha dichiarato venerdì il presidente della Federal Reserve Bank di New York, John Williams.

La sua difesa dell’obiettivo di inflazione arriva tra le persistenti richieste da parte di alcuni ambienti alla Fed di rivedere il modo in cui guida, imposta e comunica la politica.

“La teoria e l’esperienza hanno anche dimostrato l’importanza della trasparenza e di una comunicazione chiara, compresa la definizione di un obiettivo di inflazione esplicito e numericamente a lungo termine, e l’adozione di azioni appropriate per sostenere il raggiungimento di tale obiettivo”, ha dichiarato Williams in una conferenza sulla politica monetaria presso l’Università di Stanford. Istituzione Hoover. “Questi sono fondamentali per ancorare le aspettative di inflazione, che, a loro volta, aiutano a mantenere l’inflazione al livello target”.

La Fed combatte un’inflazione troppo elevata da più di due anni, aumentando i tassi di interesse da quasi zero nel marzo 2022 di oltre cinque punti percentuali, un ritmo aggressivo che non si vedeva da 40 anni.

Sebbene le pressioni sui prezzi si siano allentate rispetto al picco raggiunto a metà del 2022, l’inflazione è ancora al di sopra dell’obiettivo del 2% della Fed, un elemento centrale dell’approccio della Fed alla politica dal 2012.

Entro la fine dell’anno i politici della Fed pianificano un’ampia revisione del quadro politico della banca centrale, e una serie di critici stanno sollecitando grandi cambiamenti.

Infatti, l’ex segretario al Tesoro americano Lawrence Summers, nella stessa conferenza, ha affermato che la Fed dovrebbe abbandonare il suo obiettivo di inflazione del 2%.

Mantenerlo, secondo le sue previsioni, avrebbe costretto l’economia americana ad una “recessione piuttosto grave” nei prossimi anni.

Annuncio di terze parti. Non si tratta di un’offerta o di una raccomandazione da parte di Investing.com. Vedi informativa Qui O
rimuovere gli annunci
.

Summers ha preso di mira anche altri pilastri della comunicazione della Fed, inclusa quella che ha definito una regolare “cacofonia” di opinioni politiche mentre i banchieri centrali espongono il loro pensiero in discorsi ed eventi pubblici.

Intervenendo nello stesso panel di Williams, il presidente della Fed di Chicago Austan Goolsbee ha difeso la vasta gamma di opinioni e ha affermato che la comunicazione è fondamentale.

La Fed dovrebbe infatti rafforzare il suo “dot plot” trimestrale delle opinioni dei policymaker sull’andamento dei tassi di interesse, includendo le aspettative economiche individuali che hanno informato ciascuno di essi.

All’inizio di questa settimana i politici della Fed hanno concordato di lasciare i costi di finanziamento a breve termine nell’intervallo 5,25%-5,5% dove si trovano da luglio 2023.

Né Goolsbee né Williams hanno offerto opinioni aggiornate su dove andrà l’inflazione quest’anno e se e quando la Fed dovrà tagliare i tassi.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La Corte Suprema propone misure preventive, afferma che l’inseminazione delle nuvole “a seconda del dio della pioggia” non è una soluzione
NEXT In lutto per la morte della signora Bazaire Kabumba