Ricordando il film che valse a Ingrid Bergman il suo primo Oscar: GoldDerby

Metro-Goldwyn-Mayer

Il termine “gaslighting” è arrivato a descrivere qualcuno che usa la manipolazione e le bugie per ottenere il controllo psicologico; La terminologia ha guadagnato popolarità negli ultimi anni, ma la sua origine risale a quasi 100 anni fa, in un’opera teatrale britannica di Patrick Hamilton, “Luce a gas”. Nel 1940 uscì un adattamento cinematografico britannico e quattro anni dopo la MGM produsse una versione che portò alla prima vittoria dell’Oscar per un tre volte vincitore, al debutto cinematografico di una leggenda dello schermo e ad una trama memorabile che rimane parte della nostra storia. cultura otto decenni dopo. Il 4 maggio 1944, “Gaslight” ebbe la sua première e rimane inquietante ed elettrizzante come sempre. Continua a leggere per saperne di più sull’80° anniversario di “Gaslight”.

In “Gaslight”, ambientato nel 1875, Ingrid Bergmann ritrae Paula Alquist Anton, un’orfana cresciuta da sua zia, una famosa e ricca cantante d’opera, che era stata brutalmente assassinata anni prima da uno sconosciuto intruso. Negli anni successivi, Paula è diventata un’acclamata cantante a pieno titolo. Avendo recentemente sposato il suo accompagnatore Gregory Anton, viene convinta dal nuovo marito a vivere nella casa di sua zia, che è rimasta disabitata dal momento del crimine. Nelle settimane successive, Paula è perseguitata dal ricordo dell’omicidio di sua zia, e inizia a “perdere” oggetti e a sentire suoni misteriosi provenire dalla soffitta, dove sono state conservate le cose di sua zia. Nota anche che le luci del gas si attenuano quando Gregory è assente, cosa che secondo lui è nella sua mente – la manipolazione che ha dato vita alla frase “gaslighting”. Mentre la mente di Paula inizia apparentemente a deteriorarsi, il suo ambiguo marito la spinge sempre più nella follia con l’aiuto di una giovane cameriera coraggiosa, mentre un vecchio amico cerca di salvarla.

VEDERE Guarda le nostre vivaci chat con decine di contendenti agli Emmy 2024

L’attrice svedese Bergman aveva fatto il suo debutto cinematografico americano nel 1939, con “Intermezzo: A Love Story”, dando inizio a una carriera decennale che comprendeva numerosi successi nonché uno dei più grandi scandali hollywoodiani dell’epoca d’oro. La Bergman non parlava inglese al suo arrivo a Hollywood e si rifiutò di conformarsi alle aspettative di bellezza dell’industria, o di cambiare il suo nome dal suono molto tedesco. Ma la sua naturale bellezza e la sua silenziosa tenacia la distinguevano dai suoi contemporanei, e lei divenne una delle più grandi star del suo tempo; ha ricevuto la sua prima nomination all’Oscar nel 1944, per “Per chi suona la campana”. Quella naturale bellezza e testardaggine le sono state utili nel ritratto dell’insicura e spaventata Paula, interpretando il personaggio con credibilità ed empatia, quando avrebbe potuto facilmente scivolare nella caricatura di una donna impazzita. È uno dei suoi ruoli migliori, che è valso a Bergman il suo primo Academy Award come migliore attrice.

Negli anni ’50 sarebbe stata emarginata a causa della sua relazione extraconiugale con il regista Roberto Rossellini, che porta a un aspro divorzio e alla battaglia per la custodia dei figli con il suo primo marito. Continuò a girare film in Europa, ma sarebbero passati sette anni prima che realizzasse un altro film per il pubblico americano, “Anastasia”, e vinse il suo secondo Oscar con un ritorno trionfante. È una delle poche interpreti a ricevere tre Oscar per la recitazione (vincendolo per il ruolo di supporto in “Assassinio sull’Orient Express” del 1974), ed è stata la seconda attrice a ottenere la Tripla Corona della recitazione, terminando la sua carriera con due Emmy e un Tony.

D’altra parte, la vita del suo protagonista non è stata così colorata, ma quella dell’attore francese Charles Boyer ha avuto una solida carriera durante l’età dell’oro di Hollywood. Eccelle nel ruolo del marito di Bergman, ottenendo la terza delle quattro nomination agli Oscar come miglior attore. “Gaslight” è il suo ruolo più memorabile, anche se il suo personaggio Pepe le Moko nel film “Algeri” del 1938 è stato in qualche modo “immortalato” nel personaggio dei Looney Tunes Pepe Le Pew, parzialmente basato su le Moko. Tuttavia, contrariamente alla rappresentazione popolare, nel film non chiede a nessuno di “venire alla Casbah”. Sebbene nei film interpretasse spesso un affascinante mascalzone, nella vita reale Boyer condusse una vita tranquilla e rimase sposato per 44 anni fino alla morte della moglie. Purtroppo, il loro unico figlio era morto suicida diversi anni prima e Boyer si tolse la vita due giorni dopo la morte di cancro della sua amata moglie.

VEDERE Galleria delle migliori foto degli Oscar: storia di ogni film vincitore dell’Oscar

A fare il suo debutto cinematografico a 17 anni è stata un’attrice che sarebbe diventata una figura amata in televisione come scrittrice di romanzi gialli diventata investigatrice dilettante. Quarant’anni prima di raggiungere un nuovo livello di fama interpretando Jessica Fletcher in “Murder, She Wrote”, Angela Lansbury interpretava la giovane cameriera Cockney Nancy Oliver, una deliziosa intrigante che si diverte a schernire la padrona di casa dopo che Gregory le dice di non disturbare la sua “nervosa” moglie, e che flirta sfacciatamente con il suo capo. Lansbury ha ottenuto la sua prima delle tre nomination all’Oscar come migliore attrice non protagonista; le è stato conferito un premio onorario nel 2014.

Paula ritrova l’amico d’infanzia Brian Cameron, ora ispettore di Scotland Yard, che diventa sospettoso del comportamento di Gregory ed è determinato a salvare Paula. Giocare in questo ruolo al fianco di Bergman lo è stato Giuseppe Cottenche aveva guadagnato importanza come membro di Orson Welles‘Compagnia del Mercury Theatre, protagonista di classici di Welles come “Citizen Kane” (1941). Nonostante un’impressionante carriera durata quattro decenni, iniziata negli anni ’40, Cotten non ha mai ricevuto una nomination all’Oscar ed è spesso citato come uno dei migliori attori a non aver mai ricevuto questo riconoscimento.

“Gaslight” è stato girato in un glorioso bianco e nero, ponendo le basi per inquietanti effetti d’ombra e cupe anticipazioni, creando tensione e stabilendo uno standard per i thriller psicologici che sono seguiti. “Gaslight” ha ricevuto sette nomination agli Oscar, vincendone due e rivendicando la migliore direzione artistica (in bianco e nero), oltre alla vittoria di Bergman. Sebbene il film sia stato nominato, regista Giorgio Cukor non è riuscito a ottenere un’offerta. Il thriller perderebbe rispetto a piatti più leggeri, con Bing Crosbydirettore Leo McCarey, e il film “Going My Way” che ha ricevuto gli onori durante la grande serata. È stato un anno fantastico per il cinema, con tre dei cinque candidati al miglior film selezionati per la conservazione nel National Film Registry; oltre a “Gaslight” e “Going My Way”, Billy Wilder“Double Indemnity” è entrato nella lista.

PREVEDERE i candidati agli Emmy 2024 fino al 17 luglio

Fai subito il tuo pronostico sul Gold Derby. Scarica la nostra app gratuita e semplice per dispositivi Apple/iPhone o Android (Google Play) per competere contro legioni di altri fan oltre ai nostri esperti ed editori per ottenere i migliori punteggi di precisione delle previsioni. Guarda i nostri ultimi campioni di previsione. Riuscirai a superare le nostre stimate classifiche la prossima volta? Ricorda sempre di mantenere aggiornate le tue previsioni perché influiscono sulle nostre ultime quote sulle piste, che terrorizzano i capi e le star di Hollywood. Non perderti il ​​divertimento. Parla e condividi le tue opinioni incerte nei nostri famosi forum dove 5.000 leader del mondo dello spettacolo si nascondono ogni giorno per tenere traccia degli ultimi buzz sui premi. Tutti vogliono sapere: cosa ne pensi? Chi prevedi e perché?

ISCRIZIONE per la newsletter gratuita di Gold Derby con le ultime previsioni

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV La rupia apre con una nota piatta rispetto al dollaro USA nei primi scambi
NEXT Ciò accade quando la NASA perde di vista la Terra