L’ex chiesa in Perkiomen Avenue destava preoccupazione per mesi prima del parziale crollo

Il campanile dell’ex cappella abbandonata di Santa Cecilia al 1340 di Perkiomen Ave. mostra segni di imminente crollo con gravi crepe nella muratura. (BILL UHRICH – L’AQUILA CHE LETTURA)

L’edificio abbandonato all’angolo tra Perkiomen Avenue e Spruce Street era motivo di preoccupazione molto prima che parte del campanile dell’ex chiesa mostrasse segni di instabilità venerdì pomeriggio.

“Avevamo tenuto d’occhio questo”, ha detto venerdì pomeriggio il maresciallo dei vigili del fuoco di Reading Jeremy Searfoss sulla scena.

La demolizione d’emergenza della sezione del campanile dell’edificio in 1345 Perkiomen Avenue inizierà lunedì mattina a causa della pioggia di sabato, ha dichiarato Kirk Litzenberger dei vigili del fuoco della città.

Searfoss ha detto che la divisione edilizia e commerciale della città ha immediatamente contattato uno dei suoi appaltatori di demolizioni di emergenza venerdì dopo che la situazione è diventata precaria.

“Poiché si tratta di un rischio pubblico, è necessario demolire una parte di questo (il campanile) per abbassarlo fino ad un punto in cui almeno sia stabile”, ha detto.

L’ex chiesa aveva già problemi di muratura prima che la situazione diventasse acuta venerdì, ha detto Searfoss.

Il tetto piramidale del campanile è crollato qualche tempo fa nell’edificio e sul lato occidentale della torre si è formata una crepa.

Le immagini dei droni hanno mostrato la separazione delle giunture e la spaziatura tra le pietre che sono state aggravate dai cicli stagionali di gelo e disgelo, ha detto.

L’emergenza ha comportato la chiusura di tratti di entrambe le strade per la pubblica incolumità. Si prevede che le strade rimarranno chiuse fino a lunedì, hanno detto i funzionari della città, sottolineando che la pioggia potrebbe influenzare la tempistica.

Preoccupazioni riguardo l’edificio sono state sollevate durante le riunioni dell’Autorità per la Riqualificazione di Reading e del Consiglio Comunale più di un anno fa, ha detto il Consigliere Jaime Baez Jr..

“Non è stato fatto nulla quando avrebbe dovuto essere fatto”, ha detto.

L’edificio si trova nel Distretto 2, rappresentato dal consigliere.

Il predecessore di Baez in consiglio, Marcia Goodman-Hinnershitz, ha detto che l’uso della chiesa è stato abbandonato circa 15 anni fa.

A quel tempo l’edificio era già in avanzato stato di degrado, ha detto.

“Non era sicuro camminare al secondo piano, perché tutto era marcito”, ha detto Goodman-Hinnershitz.

Il campanile dell’ex cappella abbandonata di Santa Cecilia al 1340 di Perkiomen Ave. mostra segni di imminente crollo con gravi crepe nella muratura. (BILL UHRICH – AQUILA DA LETTURA)

La vecchia chiesa ha una storia interessante, ha detto lo storico locale George M. Meiser IX.

Originariamente chiesa cattolica romana di Santa Cecilia, fu costruita come cappella della missione e finanziata dalla famiglia Heizmann, proprietaria dell’ormai defunta Penn Hardware Company, ha detto.

“La bellissima cappella in pietra arenaria fu costruita nel 1892 da Theodore I. Heizmann, in memoria di sua madre, Mary Cecilia Heizmann, e fu dedicata venerdì 22 novembre 1895”, ha detto Joseph Webb, creatore della pagina Facebook GoReadingBerks.

Webb ha detto che la bella struttura è stata progettata in stile gotico rustico. Misura 34 x 66 piedi, con una torre quadrata di 12 piedi nell’angolo. L’interno presentava un altare realizzato in Italia in marmo di Carrara e un soffitto aperto con lavorazioni in legno di pino giallo.

Meiser e Webb hanno detto che le vetrate colorate, doni delle figlie di Mary Cecilia Heizmann, sono state realizzate a , in Germania. Insieme ad altri manufatti, furono spostati nella Cappella della Resurrezione, di costruzione più recente, nel cimitero del Getsemani, a Laureldale.

Secondo i registri online della contea, la proprietà è di proprietà di Total Family Christian Center Inc.

“La comunicazione con il proprietario dell’immobile è stata problematica e quasi inesistente”, ha affermato Searfoss.

Baez ha detto che è triste perdere una parte della storia di Reading e un gioiello architettonico un tempo raffinato.

“È semplicemente un peccato”, ha detto, “ma a questo punto, dove siamo, penso certamente che la Artifacts Bank (Centre Park Historic District) dovrebbe avere la precedenza sui diritti di tutto ciò che può essere recuperato.”

L’organizzazione no-profit offre oggetti recuperati, donati e consegnati da demolizioni di edifici, restauri e progetti di riabilitazione per la vendita al pubblico da utilizzare in progetti di restauro e riutilizzo adattivo.

La presidente del Consiglio Donna Reed ha affermato che il diritto di salvataggio può dipendere dal contratto di demolizione.

L’ex chiesa è solo una delle circa 300 proprietà degradate certificate nell’elenco ufficiale di Reading.

“Abbiamo così tante proprietà degradate in città”, ha detto Reed, “E per qualsiasi motivo, non le gestiamo come dovremmo. “Dobbiamo gestire meglio la situazione.”

Ciò potrebbe significare rafforzare la legislazione o sollecitare l’amministrazione ad agire più rapidamente sugli edifici degradati, ha affermato.

“Grazie al cielo, questo è successo da solo invece di cadere in strada e ferire qualcuno, il che è una vera preoccupazione”, ha detto Reed.

La presidente del consiglio ha detto di essere preoccupata per ciò che accadrà al lotto vuoto lasciato all’angolo se l’edificio verrà completamente demolito.

“Cosa succederà con un lotto vuoto?” lei chiese. “La gente lo scaricherà e questo non aiuterà il quartiere o i vicini che si prendono cura delle loro proprietà. “Mi fa arrabbiare.”

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV L’attore Johnny Wactor, del “General Hospital”, viene assassinato mentre cercava di respingere una rapina negli Stati Uniti | TV e spettacolo
NEXT Enargas ha autorizzato lo smantellamento del Gasdotto Nord – Notizie | Vaca Muerta Notizie