Il governo valuta la possibilità di rimuovere l’iscrizione agli elettori il giorno delle elezioni

Un rapporto del revisore generale ha rilevato che nelle elezioni generali dello scorso anno è stato espresso un numero senza precedenti di voti speciali.
Foto: RNZ/Nick Monro

Il ministro della Giustizia Paul Goldsmith afferma che pochissimi paesi consentono agli elettori di registrarsi il giorno delle elezioni e la Nuova Zelanda dovrebbe prendere in considerazione la possibilità di modificare le regole.

Un rapporto del revisore generale pubblicato martedì ha rilevato che nelle elezioni generali dello scorso anno è stato espresso un numero senza precedenti di voti speciali, portando a controlli finali affrettati ed errori.

“È davvero difficile prevedere quanti voti speciali otterremo”, ha detto il capo elettorale Karl Le Quesne. Rapporto mattutino il mercoledì.

“Normalmente, guarderemmo indietro a quale fosse la tendenza nelle elezioni passate, ma il 2020 è stata un’elezione davvero insolita con il cambiamento della data. Abbiamo avuto molto più tempo per iscrivere le persone quando la data delle elezioni è stata spostata.

“Avevamo previsto che ci sarebbero stati più voti speciali e iscrizioni durante le votazioni, ma si è rivelato essere molto più alto di quello che avevamo previsto.”

Le elezioni del 2020 sono state rinviate da settembre a ottobre a causa dell’epidemia di Covid-19 ad Auckland.

Nello stesso anno, le regole furono modificate per consentire alle persone di iscriversi per votare fino al giorno delle elezioni, l’allora ministro della Giustizia Andrew Little affermò che circa 19.000 elettori erano stati “privati ​​del diritto di voto” nel 2017 a causa dei loro dati non aggiornati.

“L’elaborazione dei voti speciali sulle iscrizioni o sugli aggiornamenti delle iscrizioni durante la votazione può richiedere fino a 10 volte più tempo, e questo è ciò che ci mette così tanta pressione durante il conteggio ufficiale”, ha affermato Le Quesne.

Nessuno degli errori, una volta corretto, ha avuto alcun effetto sull’esito dell’elettorato o sul risultato complessivo.

Le Quesne ha affermato che è “una questione che spetta al Parlamento considerare e decidere” se le iscrizioni nello stesso giorno debbano essere archiviate, ma ciò renderebbe più semplice il lavoro della Commissione elettorale senza dover assumere “qualche centinaio di persone in più”.

Paul Goldsmith, l’attuale ministro della Giustizia, manteneva una mentalità aperta.

“Ci sono alcune cose basilari che il revisore generale ha sottolineato, quindi siamo ovviamente preoccupati per questo, e renderò assolutamente chiare le mie aspettative alla Commissione elettorale riguardo alla performance. Quindi è assolutamente così”, ha detto Rapporto mattutino.

Il ministro della Giustizia Paul Goldsmith.
Foto: RNZ/Angus Dreamer

“La questione più ampia, tuttavia, è se la struttura del sistema, in particolare con le iscrizioni nello stesso giorno – iscrizioni il giorno delle elezioni, che è… un’idea nuova – stia aggiungendo molta più pressione al sistema.

“E ricorda che prima non contavano tutto in due settimane. Questa volta, avevano una fretta pazzesca di contarlo in tre settimane. Stavamo aspettando, aspettando e aspettando e ancora sono stati commessi degli errori. E quindi questo è il problema “

Goldsmith ha affermato che organizzare un’elezione è già costato 227 milioni di dollari.

“Piuttosto che buttare ancora più centinaia di milioni nel problema, non sarebbe più sensibile chiedersi: abbiamo complicato troppo? L’abbiamo reso troppo complicato? Possiamo semplificarlo in qualche modo?”

I voti speciali in genere favoriscono i laburisti e i verdi, che di solito guadagnano seggi nei risultati finali rispetto a quanto conteggiato la notte, a scapito del nazionale.

Ad esempio, nel 2023 i Verdi hanno ottenuto un seggio in più e il Te Pāti Māori due, mentre la Nazionale ne ha persi due. Nel 2020, Labour e Te Pāti Māori hanno ottenuto ciascuno un posto in più, mentre National ne ha persi due.

Goldsmith ha detto che aspetterà il rapporto della Commissione elettorale e lo invierà al comitato ristretto prima che il governo prenda qualsiasi decisione. Ha detto che il governo guidato dai laburisti “non ha cercato di essere molto bipartisan” quando ha apportato modifiche alla registrazione delle votazioni.

“Guarda, lavoreremo fino in fondo. Quello che succede è che ricevo il rapporto formale, poi va a un comitato ristretto e poi il governo prende decisioni sull’opportunità o meno di apportare modifiche. E così c’è” Ci saranno molte opportunità perché le persone possano dire la loro”.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV Il baseball del Nebraska perde la quota del titolo Big Ten con una sconfitta straziante | gli sport
NEXT Contreras realizza un homer di 3 punti su Verlander regalando ai Brewers una vittoria per 4-2 su Astros