PBOC USD così forte, le altre banche centrali continuano ad acquistare oro

PBOC USD così forte, le altre banche centrali continuano ad acquistare oro
PBOC USD così forte, le altre banche centrali continuano ad acquistare oro
Icona dell’angolo verso il basso Un’icona a forma di angolo rivolto verso il basso.
I robusti acquisti di oro da parte della Cina hanno portato i prezzi del metallo prezioso a livelli record.
Reuters
  • L’economia cinese è in difficoltà, il che porta ad un’impennata degli acquisti di oro come bene rifugio.
  • Le banche centrali sono impegnate in una corsa all’acquisto di oro, contribuendo a far salire i prezzi spot dell’oro a livelli record.
  • Anche altre banche centrali stanno accaparrandosi oro per diversificare i propri asset sulla scia del forte biglietto verde.

L’economia cinese è in crisi e le persone si stanno affrettando ad acquistare oro come bene rifugio per proteggersi dalle incertezze economiche, portando i prezzi del metallo prezioso a livelli record.

Anche la banca centrale del paese è entrata in azione, aggiungendo 60.000 once troy d’oro alla sua scorta nel mese di aprile, secondo i dati ufficiali rilasciati martedì. Ha segnato il 18esimo mese consecutivo in cui la Banca Popolare Cinese ha accumulato oro.

Ma non è solo una questione di incertezza economica. L’accresciuto interesse per l’oro costituisce anche un ostacolo al forte dollaro statunitense, che sta rendendo troppo costoso per le nazioni emergenti come la Cina importare beni.

L’indice del dollaro – che misura il valore del verde rispetto a un paniere di altre sei valute – è aumentato del 4% quest’anno e del 10% dall’inizio del 2022. Ciò è dovuto agli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve da marzo 2022, che tendono a rafforzare il dollaro.

Da inizio anno lo yuan cinese ha perso l’1,6% rispetto al dollaro. È sceso del 4% negli ultimi 12 mesi e di circa il 12% in meno rispetto al biglietto verde dall’inizio del 2022.

Anche altre banche centrali stanno facendo il pieno di oro. I grandi acquirenti di oro includono Cina, Turchia e India, ha scritto il World Gold Council, o WGC, in un rapporto la scorsa settimana.

“Contando quasi un quarto della domanda annuale di oro in entrambi gli anni, molti hanno attribuito il continuo vorace appetito per l’oro delle banche centrali come un fattore chiave della sua recente performance a fronte di condizioni apparentemente difficili: vale a dire, rendimenti più elevati e forza del dollaro USA. “, scrive il consiglio.

In totale, le banche centrali del mondo hanno acquistato 290 tonnellate di oro nel primo trimestre di quest’anno: l’inizio più forte di qualsiasi anno mai registrato, secondo il WGC.

Le banche centrali non hanno ancora finito di acquistare oro

Anche se le banche centrali hanno acquistato grandi quantità di oro dal 2022, potrebbe non averlo ancora finito, ha affermato il WGC.

“Non solo la tendenza di lunga data nell’acquisto di oro da parte delle banche centrali è saldamente intatta, ma continua anche ad essere dominata dalle banche dei mercati emergenti”, ha aggiunto il WGC.

Le banche centrali dei mercati emergenti che hanno acquistato oro nel primo trimestre dell’anno includono Kazakistan, Oman, Kirghizistan e Polonia.

Ci sono anche motivazioni politiche che spingono le banche centrali a diversificare i propri asset.

“È diventato evidente che in alcuni casi, le nazioni che non sono alleate con gli Stati Uniti hanno iniziato a cercare di ridurre il mix di riserve lontano dal dollaro, poiché percepiscono i rischi di mantenere queste riserve vulnerabili alle sanzioni”, hanno scritto gli analisti di JPMorgan. un rapporto di marzo.

I governi allineati con gli Stati Uniti stanno anche aggiungendo oro per proteggersi da un’inflazione più elevata e più volatile a livello globale, hanno aggiunto gli analisti di JPMorgan.

La corsa agli asset auriferi potrebbe non essere di buon auspicio per il dollaro statunitense nel lungo periodo, qualora la valuta continuasse a guadagnare.

“Un dollaro più forte indebolirebbe il suo ruolo di valuta di riserva”, hanno scritto in un rapporto gli economisti di Allianz, una società internazionale di servizi finanziari. 29 giugno. “Se l’accesso al dollaro diventa più costoso, i mutuatari cercheranno alternative.”

Il prezzo spot dell’oro è ora intorno ai 2.330 dollari l’oncia, rispetto ai massimi storici di aprile superiori a 2.400 dollari l’oncia.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I visori VR offrono agli anziani una fuga coinvolgente dalla vita nelle case di cura – World
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera