Processo del silenzio di Trump: cosa sapere sulla testimonianza di Michael Cohen

Processo del silenzio di Trump: cosa sapere sulla testimonianza di Michael Cohen
Processo del silenzio di Trump: cosa sapere sulla testimonianza di Michael Cohen

NEW YORK (AP) – Donald Trump processo con soldi silenziosi ha raggiunto un momento cruciale lunedì quando l’ex leale avvocato e faccendiere di Trump, Michael Cohenè salito sul banco dei testimoni per testimoniare contro il suo ex capo.

Mentre il caso dell’accusa entra nella sua fase finale, Cohen sta fornendo ai giurati un resoconto interno dei pagamenti di denaro nascosti al centro del processo – pagamenti che, secondo lui, sono stati diretti da Trump per respingere i danni alla sua candidatura alla Casa Bianca del 2016.

Cohen è il testimone più importante per i pubblici ministeri, che stanno cercando di dimostrare che Trump si è impegnato in un piano per comprare e seppellire storie poco lusinghiere su se stesso. influenzare illegalmente le elezioni del 2016.

Si prevede che Cohen resterà alla sbarra per diversi giorni e dovrà affrontare intense interrogazioni da parte degli avvocati di Trump, che lo hanno fatto lo ha dipinto come un disastro che sta cercando di abbattere il presunto candidato presidenziale repubblicano. Trump ha negato qualsiasi illecito nel caso.

Ecco alcuni punti salienti della testimonianza di Cohen finora:

IL SUO RAPPORTO CON TRUMP

Cohen ha parlato in termini entusiastici dei suoi primi giorni di lavoro per Trump, dicendo alle imprecazioni di essere rimasto sorpreso e onorato quando l’ex presidente gli ha offerto per la prima volta un lavoro. Cohen ha detto che lui e Trump erano così vicini nel decennio in cui Cohen ha lavorato per lui che i due hanno parlato di persona o al telefono più volte ogni singolo giorno.

Cohen ha fatto di tutto, dal parlare con i media alla rinegoziazione delle fatture per conto di Trump, comprese le fatture in sospeso di 50 fornitori del fallito progetto della Trump University. Gli elogi che ha ricevuto da Trump in seguito lo hanno fatto sentire come se fosse “in cima al mondo”, ha detto agli imprecatori.

“L’unica cosa che avevo in mente era portare a termine il compito e renderlo felice”, ha detto Cohen, riferendosi a Trump.

Cohen ha mantenuto l’elenco dei contatti di Trump unito a quello del suo telefono in modo da poter chiamare rapidamente qualcuno per lui. Uno dei telefoni di Cohen aveva più di 30.000 contatti.

Ha anche mentito e fatto il prepotente per conto di Trump, ha detto. Parte del suo lavoro prevedeva di contattare i giornalisti le cui storie sconvolgevano Trump, chiedendo loro di apportare modifiche o eliminarle – e talvolta minacciando azioni legali. Alla domanda se lo avesse fatto in “maniera forte e minacciosa”, Cohen ha risposto di sì.

Ma nel complesso, ha detto Cohen agli imprecatori, il lavoro è stato “fantastico”.

“È stata un’esperienza straordinaria in molti, molti modi”, ha aggiunto. “Ci sono stati momenti meravigliosi. “Ci sono stati molti momenti tutt’altro che fantastici.”

‘TIENIMI INFORMATO’

Cohen ha descritto Trump come un capo pratico, profondamente coinvolto nei dettagli e nelle decisioni della sua azienda, la Trump Organization.

I pubblici ministeri durante tutto il processo hanno cercato di ottenere tali testimonianze per sostenere l’idea che Trump fosse a conoscenza del pagamento di 130.000 dollari in denaro all’attore porno Stormy Daniels e del successivo rimborso a Cohen. Trump nega le affermazioni di Daniels secondo cui avrebbero avuto un incontro sessuale nel 2006.

Cohen ha testimoniato che Trump voleva essere aggiornato immediatamente su eventuali sviluppi riguardanti i compiti da lui assegnati. Cohen ha affermato che Trump adotta una “politica delle porte aperte” in modo che i dirigenti possano incontrarlo nel suo ufficio, senza appuntamento, e tenerlo informato sugli sviluppi.

“Quando ti incaricava di fare qualcosa, poi diceva: ‘Tienimi informato’, ‘Fammi sapere cosa sta succedendo'”, ha testimoniato Cohen. Ciò era particolarmente vero “se c’era una questione che lo preoccupava”.

Se Trump “lo venisse a sapere in un altro modo, la cosa non ti andrebbe bene”, ha testimoniato Cohen.

L’AFFARE MCDOUGAL

Cohen ha descritto ai giurati le trattative che hanno portato l’ex modella di Playboy Karen McDougal a essere pagata 150.000 dollari per soffocare una storia su una presunta relazione con Trump. Trump nega di aver fatto sesso con McDougal.

Cohen ha testimoniato di non avere alcun interesse personale ad acquisire i diritti sulla storia di McDougal, dicendo ai giurati: “Quello che stavo facendo era nella direzione e a beneficio del signor Trump”.

Cohen ha raccontato di essersi rivolto immediatamente a Trump dopo che il National Enquirer lo aveva avvisato della storia di McDougal. Cohen ha detto che Trump gli ha detto di “assicurarsi che non venga rilasciato”.

Cohen ha anche raccontato agli imprecatori una conversazione che dice di aver sentito tra Trump e l’editore del National Enquirer David Pecker in cui i due discutevano di quanto costerebbe sopprimere la storia di McDougal.

“David ha dichiarato che controllare la storia costerebbe 150.000 dollari”, ha detto. Cohen ha detto che Trump ha poi detto all’editore: “Nessun problema, me ne occuperò io”.

Dopo che il National Enquirer ha sborsato 150.000 dollari per nascondere la storia di McDougal su Trump, Cohen ha testimoniato che l’editore del tabloid lo stava molestando per convincere Trump a rimborsargli il costo. Ha raccontato di aver incontrato Pecker nel suo ristorante italiano preferito e che l’editore era arrabbiato per non essere stato ripagato.

LA REGISTRAZIONE SEGRETA

Con Cohen sul banco dei testimoni, i giurati hanno nuovamente ascoltato la registrazione audio che aveva fatto segretamente di un incontro con Trump nel settembre 2016 in cui discutevano del piano per acquistare il silenzio di McDougal. Nella registrazione si può sentire Trump dire: “Cosa dobbiamo pagare per questo? «L’una e cinquanta?»

Cohen ha testimoniato che quella era stata l’unica volta in cui aveva registrato una conversazione con Trump. Ha detto di aver effettuato la registrazione in modo che Pecker, l’editore del National Enquirer, potesse ascoltare la conversazione ed essere sicuro che Trump lo avrebbe ripagato.

Cohen ha testimoniato che la registrazione si è interrotta bruscamente perché stava ricevendo una chiamata in arrivo sul suo telefono, un’affermazione confermata dai registri del gestore di telefonia mobile mostrati in tribunale. Cohen ha detto che il numero riportato nei registri del corriere apparteneva a un funzionario di banca che stava cercando di contattarlo.

Cohen ha detto che la registrazione non è stata alterata e suonava esattamente come il giorno in cui è stata registrata. Le domande dell’accusa che hanno suscitato quella testimonianza avevano lo scopo di confutare un suggerimento precedentemente sollevato dalla difesa secondo cui Cohen avrebbe potuto alterare il nastro.

All’inizio del processo, gli avvocati di Trump avevano insistito con un testimone sulle “lacune” nella gestione del telefono dopo che Cohen aveva effettuato la registrazione, insieme alla brusca interruzione alla fine del nastro.

___

Ha contribuito il giornalista dell’Associated Press Jake Offenhartz da New York. Whitehurst e Richer riferirono da Washington.

 
For Latest Updates Follow us on Google News
 

-

PREV I Knights raggiungono la finale a quattro vincendo ai rigori su Seton Catholic
NEXT I giudici federali lanciano una mappa del Congresso della Louisiana, portando nuova incertezza sul futuro di un seggio alla Camera